Investment Institute
Take 2

Le esportazioni cinesi esibiscono il calo più significativo dalla pandemia; l’inflazione statunitense aumenta

  • 14 Agosto 2023 (3 min di lettura)

Fatti salienti

A luglio le esportazioni cinesi hanno subito il maggiore declino dall’inizio della pandemia di COVID-19, sotto il peso di una domanda più debole. Le esportazioni della seconda economia mondiale sono scese del 14,5%, più del 12,5% anticipato e del 12,4% di giugno. La Cina è inoltre scivolata in deflazione, con l’indice dei prezzi al consumo (IPC) in discesa dello 0,3% su base annua, il primo dato negativo da febbraio 2021. In questo contesto economico più fragile, potrebbero essere invocati ulteriori stimoli governativi. Altrove, il presidente Joe Biden ha firmato un’ordinanza che vieta nuovi investimenti statunitensi in aziende tecnologiche cinesi, in settori chiave quali i semiconduttori e l’intelligenza artificiale, adducendo come motivazione i rischi per la sicurezza nazionale.

 

Notizie dal mondo

A luglio l’inflazione statunitense è aumentata per la prima volta in 13 mesi, a causa principalmente dei contenuti effetti di base ascrivibili ai dati depressi di luglio 2022. L’IPC è salito del 3,2% su base annua, in ascesa dal 3,0% di giugno, rivelandosi tuttavia al di sotto delle previsioni (3,3%) e di molto inferiore al picco di giugno 2022 (9,1%). L’inflazione core, dalla quale sono esclusi i prezzi più volatili di generi alimentari ed energia, è diminuita dal 4,8% al 4,7%, il che potrebbe indurre la Federal Reserve (Fed) a non innalzare i tassi d’interesse alla prossima riunione. In linea con le attese, lo scorso mese la Fed aveva deciso all’unanimità un rialzo dei tassi di 25 punti base in un intervallo compreso tra 5,25% e 5,50%, un massimo dal 2001.

 

Il numero sotto i riflettori: 3,4%

Secondo un’indagine condotta a giugno dalla Banca centrale europea (BCE), i consumatori dell’eurozona prevedono che nei prossimi 12 mesi l’inflazione scenderà a circa il 3,4%, in calo dal 3,9% anticipato a maggio e meno del tasso stimato di luglio pari al 5,3%, ma ancora di gran lunga superiore all’obiettivo del 2% fissato dalla BCE. Anche il sentiment sulle più ampie prospettive economiche è risultato lievemente meno pessimistico: le aspettative di crescita per i prossimi 12 mesi sono apparse a -0,6% rispetto al -0,7% del mese precedente. Nel tentativo di frenare l’inflazione, la BCE ha proceduto a nove rialzi consecutivi, portando il principale tasso di deposito al 3,75%, il valore più alto degli ultimi 23 anni.

 

La parola della settimana: Dichiarazione di Belém

Un patto tra otto Paesi sudamericani per affrontare la deforestazione e promuovere uno sviluppo più sostenibile della foresta amazzonica. L’accordo include piani per prevenire l’estrazione mineraria illegale e collaborare contro i crimini ambientali, oltre a garantire il benessere delle popolazioni dell’Amazzonia, contrastando ad esempio la povertà e le disuguaglianze. Tuttavia, i firmatari non sono riusciti a trovare un’intesa su un obiettivo comune per porre fine alla deforestazione entro il 2030. Nell’ambito dell’accordo distinto United for Our Forests (Uniti per le nostre foreste), 12 nazioni con vaste foreste pluviali hanno chiesto ai Paesi sviluppati di aiutare le economie più povere a finanziare la lotta al cambiamento climatico e la protezione degli ecosistemi globali.

 

Prossimamente

Martedì è attesa la stima preliminare sulla crescita del PIL giapponese per il secondo trimestre (T2). Il Regno Unito annuncerà martedì il tasso di disoccupazione per il mese di giugno, mentre il Canada comunicherà i più recenti dati sull’inflazione, cui seguiranno mercoledì gli omologhi britannici. Mercoledì giungerà la seconda stima sull’espansione del PIL per il T2 nell’eurozona e la Fed pubblicherà il verbale dell’ultima riunione di politica monetaria. Il Giappone svelerà le statistiche sulle esportazioni giovedì e quelle sull’inflazione venerdì. Sempre venerdì sarà comunicata la stima definitiva sul tasso d’inflazione di luglio per l’eurozona.

 

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute

Ti potrebbe interessare

Take 2

L’inflazione rallenta negli USA; nell’Eurozona le previsioni del PIL per il 2025 sono state riviste al ribasso

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 17 Maggio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

La crescita del commercio dovrebbe raddoppiare nel 2024; dalla Banca d’Inghilterra arrivano segnali di tagli dei tassi

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 13 Maggio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

La Fed mantiene i tassi invariati; l’economia dell’eurozona torna a crescere

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 06 Maggio 2024 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.