Investment Institute
Ambiente

Cinque tecnologie chiave per combattere il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità

  • 11 Dicembre 2023 (7 min di lettura)

Nonostante il progresso compiuto dalla battaglia contro il climate change e la perdita di biodiversità nel nostro pianeta, il ritmo e l’ampiezza degli sforzi dovrebbero aumentare in modo decisivo. L’espansione dell’energia pulita sarà favorita da un contesto positivo sia dal lato dei consumatori che delle politiche pubbliche e questo aiuterà le aziende a fornire strumenti rivoluzionari. 

Le soglie di riscaldamento globale stabilite dall’accordo sul clima di Parigi rischiano di essere superate prima del 2027, mentre anche la biodiversità della Terra si sta deteriorando a un ritmo “allarmante”, causando danni non solo al mondo naturale ma alla società in generale e all’economia globale.

Alcune cifre allarmanti: nel 2022 sono stati persi circa 4,1 milioni di ettari di foresta primaria tropicale, il 10% in più rispetto al 2021. Ciò ha provocato 2,7 gigatonnellate di emissioni di anidride carbonica, equivalenti alle emissioni annuali di combustibili fossili dell'India.

Il cambiamento climatico è uno dei principali driver della perdita di biodiversità. La distruzione degli ecosistemi indebolisce la capacità della natura di regolare le emissioni di gas serra e proteggere dalle condizioni meteorologiche estreme.

Dato che il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità sono così indissolubilmente collegati, devono essere affrontati insieme. I consumi, la generazione di energia e l'uso del suolo non possono continuare come si è fatto finora, in modo insostenibile.

 

Innovazione e legislazione

Le innovazioni tecnologiche (per esempio nell'ingegneria e nel digitale) sono fondamentali per promuovere gli sforzi volti a combattere queste minacce. Inoltre, rappresentano una significativa opportunità per gli investitori per il raggiungimento sia degli obiettivi d’investimento che di quelli climatici.

Lo sviluppo di tecnologie in grado di esercitare un impatto dovrebbe essere favorita dalla dinamica dei consumatori e delle politiche pubbliche. Ad esempio, l' introduzione dell'Inflation Reduction Act (IRA) statunitense nell'agosto 2022 dovrebbe promuovere una nuova ondata di crescita e innovazione e aiutare il settore privato - e gli investitori - a decarbonizzare energia, trasporti, agricoltura e altri settori ad alta intensità di emissioni.

La legislazione ha stanziato miliardi di spese e sgravi fiscali per aumentare gli investimenti nell'energia pulita, ridurre i costi sanitari e aumentare il gettito fiscale. Nel complesso, circa $43 miliardi in crediti d'imposta IRA punteranno a ridurre le emissioni rendendo i veicoli elettrici, gli elettrodomestici a basso consumo energetico, i pannelli solari e le batterie per la casa più accessibili.2 L'Europa ha risposto con il suo piano industriale Green Deal, che ha l'obiettivo di creare un ambiente più favorevole per rafforzare la capacità dell'Unione Europea di produrre tecnologie e prodotti a zero emissioni nette.

Questo contesto dovrebbe favorire la generazione di profitti per le società che offrono strumenti rivoluzionari in grado di assicurare un'adozione diffusa. A nostro parere, si creeranno opportunità per i portafogli monitorando attentamente alcune delle principali aree in cui questo impatto può essere maggiore.

Oltre a proteggere il pianeta stesso, una maggiore sostenibilità significa una crescita economica futura più sostenibile, e crediamo che questa crescita dipenda dalla tecnologia. Di seguito evidenziamo alcuni dei più promettenti progressi tecnologici volti a garantire un futuro a zero emissioni nette.

 

1.Trasporto a basse emissioni di carbonio

Una rapida adozione dei veicoli elettrici viene favorita dalla combinazione di tre fattori: un solido supporto politico in mercati chiave, un'ondata di lanci di nuovi prodotti e la continua innovazione tecnologica. Un minor utilizzo dei motori a combustione è di vitale importanza, poiché le autovetture sono i maggiori contributori di emissioni di carbonio nel settore dei trasporti, al 39%.3

L'interesse dei consumatori per i veicoli elettrici sta accelerando. Secondo l'International Energy Agency (IEA), entro il 2030 i veicoli elettrici rappresenteranno il 60% delle vendite totali di nuove auto in Cina, Europa e Stati Uniti, contribuendo a evitare la necessità di cinque milioni di barili di petrolio ogni giorno. Inoltre, nei prossimi anni l'intera catena di produzione di veicoli elettrici dovrebbe beneficiare di un loro maggior utilizzo, incluse le batterie di lunga durata, stazioni di ricarica private e pubbliche, semiconduttori in grado di ridurre al minimo la perdita di energia e sostenere le prestazioni, ecc.

La performance delle batterie rappresenta un ostacolo; tipicamente, i veicoli elettrici possono fare circa 100 - 300 miglia prima di necessitare la ricarica, ma specialisti tra cui il gruppo cinese CATL e il gruppo coreano Samsung SDI stanno pionerizzando questa tecnologia. Samsung sta sviluppando una batteria allo stato solido ad alta capacità che consentirà di guidare molto oltre su una singola carica. Potrebbe essere un punto di svolta per il settore.

 

Image

Fonte: International Energy Agency (IEA)

 

2. Energia smart e fonti rinnovabili

Dato il numero di impegni dei governi per il raggiungimento degli obiettivi di azzeramento netto entro i prossimi trent'anni, il mondo avrebbe bisogno di aumentare di tre o quattro volte la capacità delle energie rinnovabili. Fortunatamente, i loro costi stanno diventando generalmente più convenienti rispetto ai combustibili fossili e riteniamo che il contesto per la crescita dell'energia pulita - ossia, energia eolica, solare e batterie - sia molto positivo.

BloombergNEF prevede che gli impianti eolici aumenteranno del 50% circa tra il 2022 e il 2030, mentre il solare dovrebbe aumentare ancora di più, a circa l’85%.4

Tra i leader dell’energia solare vi è First Solar, che ha sviluppato una tecnologia per aumentare la resa energetica dei suoi pannelli solari. Poi ci sono specialisti nel settore del solare residenziale come Enphase, che utilizza la tecnologia d’avanguardia microinverter per trasformare la luce solare in modo più efficiente in elettricità a scala domestica.

In definitiva, l'obiettivo a lungo termine è che le case e le imprese diventino indipendenti dalla rete elettrica tradizionale. Attualmente la penetrazione del mercato è bassa, ma l'energia solare è la forma più economica di energia rinnovabile e pertanto il suo potenziale di crescita è considerevole.

 

Image

 

3. Agricoltura

La tecnologia agricola - o "AGRITECH" - descrive l'uso della tecnologia in tutto il settore agricolo - dall'orticoltura all'acquacoltura - allo scopo di migliorare la resa delle colture, le prestazioni agricole e rafforzare la redditività, in modo rispettoso del clima e della biodiversità.

La tecnologia include la genetica, i big data, l'apprendimento automatico e persino l'intelligenza artificiale (AI). Ad esempio, la società britannica di genetica animale Genus alleva suini e bovini mediante allevamento selettivo, che può produrre carne e latte di alta qualità in modo più efficiente e sostenibile. Il gruppo sta inoltre utilizzando l'editing genico per contribuire a far crescere la resilienza alle malattie costose negli animali delle aziende agricole come la sindrome riproduttiva e respiratoria del suino.

Altrove, il gruppo statunitense Valmont si occupa di irrigazione di precisione, dove i sensori cercano segni di siccità o stress termico nel suolo; il gigante statunitense John Deere ha sviluppato il suo sistema See & Spray che tramite la visione artificiale e l'apprendimento automatico si rivolge specificamente alle erbe infestanti nel mais, nella soia e nel cotone.

 

4. Gestione dei rifiuti e riciclaggio

L'AI è stata identificata come uno strumento potenzialmente cruciale per semplificare l'identificazione e la lavorazione di materiali riciclabili con un elevato potenziale di incremento della produttività che potrebbe favorire gli investitori. Il gruppo norvegese Tomra, ad esempio, fornisce sistemi avanzati di raccolta e selezione e lavorazione degli alimenti, impiegando una tecnologia di selezione e classificazione basata su sensori che utilizza il deep learning, un sottoinsieme di AI.

La statunitense Kadant è all'avanguardia nelle tecnologie per migliorare l'efficienza del riciclaggio e del trattamento dei rifiuti. Kadant produce apparecchiature di riciclaggio intelligenti, che forniscono agli operatori informazioni sulla qualità delle materie prime della carta straccia e sui modi ottimali per trattare i prodotti di scarto del legno al fine di massimizzare i rendimenti.

Il gruppo statunitense Li Cycle ricicla le batterie agli ioni di litio, che vengono utilizzate nei veicoli elettrici e nei sistemi di accumulo dell'energia della batteria. Ci sono stati grandi interrogativi sulla circolarità e sulla riciclabilità delle batterie, ma questa azienda sta fornendo una soluzione recuperando materiali critici come cobalto e nichel da tutti i tipi di batterie agli ioni di litio per reintrodurle nella catena di fornitura.

 

Image

 

 

5. Le prossime grandi cose

In diversi settori, come quello del carburante sostenibile per l'aviazione e della cattura e dello stoccaggio del carbonio (CSS), in cui l’anidride carbonica viene catturata prima di essere rilasciata nell'atmosfera, si stanno facendo progressi entusiasmanti. C'è anche la tecnologia di cattura diretta dell'aria che estrae l’anidride carbonica direttamente dall'atmosfera in qualsiasi luogo.

L’acciaio “green”, prodotto da un processo che emette meno gas serra rispetto all'acciaieria tradizionale, spesso utilizzando idrogeno verde anziché combustibili fossili, rappresenta un'altra area d’interesse.

Al tempo stesso, le tecnologie analitiche e dei big data stanno sovraccaricando la nostra comprensione dei modi complessi e sfaccettati in cui la biodiversità viene danneggiata e possono aiutare a trovare la migliore risposta al problema.

In definitiva, non ci sarà un’unica soluzione, ma piuttosto diverse soluzioni nella lotta per il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità. Crediamo che tutti gli sforzi in grado di migliorare i processi, l'efficienza, la progettazione e la costruzione in tutti i settori industriali contribuiranno alla riduzione dell’anidride carbonica e, a loro volta, creeranno nuove potenziali opportunità d'investimento.

 

Image

 

 

 


 

2 Cos'è l'Inflation Reduction Act (IRA) del 2022 | McKinsey

3 Ripartizione globale delle emissioni di CO2 dei trasporti 2021 | Statista

4 Bloomberg New Energy Finance, luglio 2022

Ti potrebbe interessare

Ambiente

COP28: opportunità per investitori da impegni per paesi vulnerabili e sui sistemi alimentari

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 09 Gennaio 2024 (5 min di lettura)
Ambiente

Le aziende davvero ESG: ambiente

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 22 Agosto 2023 (5 min di lettura)
Ambiente

Plastica nel mare: quali rischi per la nostra salute?

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 19 Luglio 2023 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.