Investment Institute
Take 2

Previsioni di crescita per l’eurozona riviste al rialzo e PIL giapponese superiore alle attese

  • 22 Maggio 2023 (3 min di lettura)

Fatti salienti

Stando alla Commissione europea, l’economia dell’eurozona dovrebbe crescere a un ritmo più rapido di quanto inizialmente anticipato, sostenuta dal calo dei prezzi energetici, dalle minori pressioni sulle supply chain e da un solido mercato del lavoro. Bruxelles ha rivisto al rialzo le previsioni di crescita per la regione all’1,1% quest’anno e all’1,6% il prossimo, dallo 0,9% e 1,5% di febbraio. Tuttavia, ha anche alzato le stime sull’inflazione al 5,8% per quest’anno e al 2,8% per il prossimo, a fronte rispettivamente del 5,6% e 2,5%. I dati ufficiali hanno confermato che ad aprile l’inflazione annuale dell’eurozona ha lievemente accelerato al 7,0% rispetto al 6,9% del mese precedente, mentre la componente core, esclusi energia, generi alimentari, alcol e tabacco, è diminuita dal 5,7% al 5,6%.

 

Notizie dal mondo

La crescita superiore alle attese del PIL giapponese nel primo trimestre (T1) ha rafforzato le speranze di una ripresa sostenuta, con un’espansione dell’1,6% su base annua. Tale dinamica riflette probabilmente la robusta domanda post-pandemia, anche se sulle prospettive potrebbe ancora pesare un potenziale rallentamento globale. Ad aprile le esportazioni giapponesi hanno esibito l’aumento meno significativo da oltre due anni, incrementandosi del 2,6% rispetto a un anno prima dopo il +4,3% di marzo, mentre l’inflazione core, esclusi gli alimenti freschi e l’energia, si è attestata al 3,4% su base annua ad aprile rispetto al 3,1% di marzo. Spostandoci in Cina, ad aprile le vendite al dettaglio sono salite del 18,4% su base annua e la produzione industriale ha messo a segno un balzo del 5,6%. Tuttavia, entrambe hanno deluso le aspettative del mercato, sollevando timori per la ripresa della seconda economia mondiale.

 

Il numero sotto i riflettori: 66%

Secondo una nuova ricerca dell’Organizzazione meteorologica mondiale, vi è il 66% di probabilità che le temperature globali superino la soglia di +1,5°C per almeno un anno tra oggi e il 2027. Inoltre, il mondo potrebbe registrare temperature annuali record nei prossimi cinque anni, a causa delle crescenti emissioni di gas serra e di un evento naturale di “El Niño”. In questo caso, le possibilità si attestano al 98%. L’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C sopra i livelli preindustriali è diventato un punto centrale dell’agenda climatica mondiale. Se tale limite venisse superato, gli effetti del cambiamento climatico saranno amplificati con fenomeni meteorologici più estremi.

 

La parola della settimana: Tetto del debito

Il debito federale massimo consentito negli Stati Uniti. Istituito per la prima volta nel 1917, è stato regolarmente innalzato per consentire al Paese di saldare i propri conti evitando un default del debito potenzialmente dannoso. Quest’anno la cosiddetta data X, quando il governo esaurirà la sua capacità di cassa e finanziamento, dovrebbe cadere relativamente presto a causa di entrate fiscali inferiori alle attese. Per aumentare il tetto, pari attualmente a $ 31,4 mila miliardi, il governo necessita dell’approvazione del Congresso e negli ultimi decenni si è assistito ad accesi dibattiti politici su tale questione. La scorsa settimana i commenti del presidente Joe Biden e dell’opposizione repubblicana hanno fatto circolare ottimismo riguardo a un potenziale accordo.

 

Prossimamente

Lunedì giungerà un indicatore preliminare sulla fiducia dei consumatori nell’eurozona; il dato di aprile ha toccato un massimo da febbraio 2022. Martedì saranno svelati i Flash PMI di Giappone, Australia, eurozona, Stati Uniti e Regno Unito. Quest’ultimo Paese annuncerà mercoledì le cifre aggiornate dell’inflazione e, lo stesso giorno, sarà anche pubblicato il verbale della riunione di questo mese tenuta dal Federal Open Market Committee statunitense. Giovedì è in programma la seconda stima sulla crescita del PIL statunitense per il T1: secondo una stima iniziale, la maggiore economia al mondo è cresciuta a un tasso annuo dell’1,1%, in calo rispetto al 2,6% del trimestre precedente. Venerdì verranno comunicate negli Stati Uniti le statistiche sul reddito e sulla spesa personale per il mese di aprile.

Ti potrebbe interessare

Take 2

L’inflazione statunitense rallenta; il Giappone scivola in recessione

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 19 Febbraio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

L’OCSE alza le previsioni sulla crescita globale; l’indice S&P 500 raggiunge quota 5.000

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 12 Febbraio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

L’eurozona evita la recessione; Fed e BoE mantengono i tassi d’interesse invariati

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 05 Febbraio 2024 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.