Investment Institute
Take 2

Ciclo rialzista negli Stati Uniti “meno certo”; l’economia tedesca scivola in recessione

  • 30 Maggio 2023 (3 min di lettura)

Fatti salienti

I funzionari della Federal Reserve (Fed) statunitense erano “meno certi” della necessità di un ulteriore inasprimento, stando al verbale dell’ultima riunione in cui hanno votato all’unanimità un aumento dei tassi di 25 punti base. Alcuni esponenti della Fed hanno addirittura osservato che la stretta monetaria stava già “iniziando a produrre gli effetti desiderati”. Hanno però tenuto a sottolineare che non erano stati esclusi altri innalzamenti. Gli economisti della Fed hanno inoltre ribadito le attese di una lieve recessione più avanti nell’anno. Nel frattempo, la crescita del PIL americano per il primo trimestre (T1) è stata rivista al rialzo all’1,3% annuo rispetto alla precedente stima dell’1,1%, in ogni caso l’espansione più debole dal T2 2022 e in calo rispetto al 2,6% dello scorso trimestre.

 

Notizie dal mondo

La Germania è scivolata in recessione nel T1: la quarta economia mondiale si è contratta dello 0,3% dopo il -0,5% fatto segnare negli ultimi tre mesi del 2022. La stima iniziale di una crescita nulla del PIL è stata abbassata e i dati hanno segnalato notevoli flessioni per i consumi delle famiglie e la spesa pubblica. L’equilibrio tra la lotta all’inflazione e la protezione della crescita è un dilemma costante per la Banca centrale europea (BCE), che la scorsa settimana ha celebrato il suo 25° anniversario. Alcuni funzionari della BCE hanno dichiarato di aspettarsi ulteriori aumenti dei tassi prima della fine dell’estate. Su un altro fronte, il Fondo monetario internazionale ha alzato le previsioni di crescita per il Regno Unito e non anticipa più una recessione nel corso di quest’anno.

 

Il numero sotto i riflettori: € 23 miliardi

Il Ministro delle Finanze francese ha affermato che i nuovi crediti d’imposta introdotti nel Paese dovrebbero generare circa € 23 miliardi di investimenti verdi privati e 40.000 posti di lavoro tra oggi e il 2030. I crediti saranno applicati agli investimenti delle imprese nell’energia eolica e solare, nelle pompe di calore e nelle batterie, per contribuire a finanziare la decarbonizzazione del settore industriale francese e indurre le società a investire nelle tecnologie verdi. Il piano è in parte considerato una risposta all’Inflation Reduction Act statunitense. La scorsa settimana la Francia ha inoltre vietato i voli nazionali a corto raggio qualora sia disponibile un’alternativa in treno con una durata pari o inferiore a 2,5 ore, nel tentativo di ridurre le emissioni di carbonio.

 

La parola della settimana: Science Based Targets Network (Rete di obiettivi basati sulla scienza)

Un’alleanza di oltre 60 organizzazioni non governative, associazioni imprenditoriali e società di consulenza leader a livello globale, che collaborano per definire obiettivi basati sulla scienza e finalizzati alla creazione di sistemi economici con effetti positivi sulla natura. La Science Based Targets Network ha pubblicato un nuovo quadro di riferimento per aiutare le società a valutare il loro impatto sulla natura, che consente di misurare, tra i vari, i loro contributi alla perdita di suolo, all’inquinamento delle acque dolci e al deterioramento della biodiversità. Integrando gli obiettivi climatici esistenti, tale quadro potrebbe rappresentare un significativo passo in avanti nel reporting ambientale delle imprese. Nell’ambito del progetto pilota, 17 società presenteranno entro la fine dell’anno i dati relativi al loro impatto sulla natura, con gli obiettivi che saranno fissati di conseguenza. 

            

Prossimamente

Martedì il Giappone svelerà le cifre aggiornate della disoccupazione, mentre nell’eurozona giungerà una raffica di indicatori, tra cui gli ultimi indici del sentiment economico, industriale e dei servizi. La crescita del PIL indiano per il T1 sarà pubblicata mercoledì: l’economia nazionale ha esibito un’espansione del 4,4% su base annua nei tre mesi fino a dicembre 2022, in declino rispetto al 6,3% del trimestre precedente. Giovedì sono in programma nell’eurozona le più recenti statistiche sulla disoccupazione e un aggiornamento flash sull’inflazione: ad aprile l’incremento dei prezzi è stato confermato al 7%, in leggera ascesa rispetto al minimo da 13 mesi raggiunto a marzo (6,9%). I dati sull’occupazione statunitense per il mese di maggio saranno resi noti venerdì.

Ti potrebbe interessare

Take 2

Negli USA l’inflazione frena; in Francia inizia la nuova legislatura parlamentare

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 12 Luglio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

Nell’Eurozona l’inflazione scende; nel Regno Unito i laburisti stravincono le elezioni

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 05 Luglio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

Il PIL USA è stato rivisto al rialzo; l’inflazione canadese è salita a sorpresa

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 01 Luglio 2024 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.