Investment Institute
Take 2

Secondo la Fed i tassi d’interesse potrebbero aumentare ancora; il PIL giapponese supera le aspettative

  • 21 Agosto 2023 (3 min di lettura)

Fatti salienti

I funzionari della Federal Reserve (Fed) erano divisi su un ulteriore rialzo dei tassi a luglio, come è emerso dal verbale dell’ultima riunione della banca centrale statunitense. Pur avendo votato all’unanimità per un incremento di 25 punti base, tra il 5,25% e il 5,50%, durante la riunione alcuni membri del Federal Open Market Committee, organismo responsabile di fissare i tassi d’interesse, avrebbero preferito mantenere lo status quo, mentre valutavano l’impatto della stretta monetaria, che “potrebbe portare a un rallentamento dell’economia più marcato del previsto”. La maggior parte dei membri, tuttavia, intravedeva “significativi” rischi di aumento dell’inflazione, che “potrebbero richiedere un nuovo inasprimento”. Il potenziale di altri rialzi ha contribuito a trainare i rendimenti dei titoli di Stato su massimi pluriennali.

 

Notizie dal mondo

La banca centrale cinese ha compiuto un ulteriore sforzo per sostenere la sua traballante economia, abbassando i tassi di riferimento per la seconda volta in tre mesi. La Banca popolare cinese ha inaspettatamente ridotto di 15 punti base, al 2,50%, i costi di finanziamento per alcune istituzioni finanziarie su prestiti a medio termine con scadenza annuale per 401 miliardi di yuan ($ 55 miliardi), il taglio più consistente dal 2020. I dati inferiori alle attese hanno certificato il rallentamento della crescita nazionale: a luglio la produzione industriale si è ampliata del 3,7% rispetto a un anno prima, in calo dal +4,4% di giugno. Le vendite al dettaglio sono salite del 2,5%, il ritmo più lento da dicembre, dopo l’ascesa del 3,1% osservata nel mese precedente.

 

Il numero sotto i riflettori: 6,0%

Stando a una stima preliminare, nel periodo aprile-giugno l’economia giapponese è cresciuta per il terzo trimestre consecutivo. La terza economia mondiale ha registrato un’espansione migliore del previsto, con un PIL che esibisce un tasso annualizzato del +6,0%, superiore al +3,7% rivisto del primo trimestre (T1). Il ritmo di crescita si traduce in un guadagno trimestrale dell’1,5% ed è ascrivibile alle più solide esportazioni, che si sono incrementate del 3,2% rispetto al trimestre precedente, grazie soprattutto alle maggiori spedizioni di automobili, mentre il turismo in entrata ha sostenuto i servizi. Altrove è stato confermato che l’inflazione annuale dell’eurozona è scesa dal 5,5% di giugno al 5,3% di luglio.

 

La parola della settimana: Debt-for-nature swap

Un accordo in cui una parte del debito di un Paese viene sostituita da prestiti più economici concessi da una banca o un investitore per ridurre il costo del rimborso e finanziare la conservazione. Il Gabon, nazione dell’Africa centrale nota per la sua biodiversità, ha rifinanziato $ 500 milioni del suo debito estero, liberando $ 163 milioni per supportare l’espansione delle aree costiere protette e limitare il fenomeno illegale della pesca eccessiva. Si tratta del primo accordo di questo tipo nell’Africa continentale e giunge dopo che l’Ecuador ha riacquistato a maggio $ 1,6 miliardi del suo debito, destinando $ 18 milioni all’anno alla salvaguardia delle isole Galapagos. Alcuni critici sostengono però che siano necessarie soluzioni più complete per finanziare la conservazione.

 

Prossimamente

Questa settimana si terranno due incontri importanti dal punto di vista politico ed economico. Il gruppo BRICS delle principali economie emergenti, Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica, terrà il suo 15° vertice da martedì a giovedì. Le discussioni dovrebbero vertere su un eventuale ampliamento dei membri, per consentire l’adesione di altri Paesi. Inoltre, da giovedì a sabato è in programma l’annuale simposio economico della Fed a Jackson Hole, che potrebbe fare chiarezza sul potenziale impatto dei tassi più alti sull’economia statunitense. Riguardo ai dati economici, mercoledì verranno pubblicati i Flash PMI di agosto per Giappone, eurozona, Regno Unito e Stati Uniti. Venerdì la Germania svelerà la stima definitiva sul PIL del T2.

 

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute

Ti potrebbe interessare

Take 2

La BCE mantiene invariati i tassi di interesse; il FMI rivede al rialzo le previsioni di crescita globale per il 2025

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 19 Luglio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

Negli USA l’inflazione frena; in Francia inizia la nuova legislatura parlamentare

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 12 Luglio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

Nell’Eurozona l’inflazione scende; nel Regno Unito i laburisti stravincono le elezioni

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 05 Luglio 2024 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.