Investment Institute
Take 2

La Fed alza i tassi mentre gli Stati Uniti entrano in recessione tecnica, il FMI taglia le stime di crescita

  • 29 Luglio 2022 (5 min di lettura)

Fatti salienti

Lo scorso mercoledì la Federal Reserve statunitense ha aumentato il tasso dei Fed Fund di 75 punti base, portandolo al 2,25%-2,5%, una mossa ampiamente prevista dai mercati. Il presidente della Fed Jerome Powell ha reso noto che a settembre l’istituto potrebbe procedere a un rialzo di entità analoga. I dati ufficiali giunti il giorno dopo indicavano una contrazione dell’economia americana per il secondo trimestre consecutivo, segnale in molti Paesi di una recessione tecnica, con un calo del PIL dello 0,9% nel secondo trimestre (T2) dopo quello dell’1,6% registrato nel T1. Prima della pubblicazione, Powell aveva messo in dubbio l’idoneità dei dati sul PIL a rappresentare le reali condizioni, sottolineando che la Fed era ancora “molto vigile” sul fronte dei rischi inflazionistici.

 

Notizie dal mondo

Il Fondo monetario internazionale (FMI) ha tagliato le previsioni sulla crescita globale al 3,2% quest’anno e al 2,9% il prossimo, rispettivamente 0,4 e 0,7 punti percentuali in meno rispetto all’ultima stima di aprile. Il FMI ha dichiarato che l’inflazione, il rallentamento della Cina e il conflitto in Ucraina si sono tradotti in “prospettive sempre più cupe e incerte”. L’organizzazione internazionale ha inoltre ventilato l’ipotesi di una battuta d’arresto ancora più brusca se dovessero emergere determinati rischi, tra cui l’interruzione totale dei flussi di gas russo verso l’Europa. In questo “scenario alternativo plausibile”, la crescita globale potrebbe decelerare a circa il 2,6% quest’anno e al 2% il prossimo.

 

Il numero sotto i riflettori: 0,7%

Il PIL dell’eurozona ha fatto segnare +0,7% nel T2. Nonostante l’ascesa dell’inflazione e l’impatto dell’invasione russa in Ucraina, l’economia del blocco europeo ha retto meglio del previsto. La Francia ha evitato la recessione esibendo nel T2 una crescita superiore alle attese (0,5%), dopo una contrazione dello 0,2% nel trimestre precedente. L’economia tedesca è in una fase di stallo, con un’espansione dello 0% nel medesimo periodo. Nel frattempo, l’inflazione nell’eurozona ha raggiunto un altro massimo storico, passando dall’8,6% di giugno all’8,9% di luglio, con i prezzi energetici che hanno continuato a salire. La scorsa settimana la Russia ha ridotto ulteriormente il flusso di gas lungo il gasdotto Nord Stream 1, sollevando nuovi timori riguardo a un’imminente crisi energetica.

 

La parola della settimana: Dogger Bank

Il nome è attribuito a una zona poco profonda nel Mare del Nord, sulla quale sorgerà quello che dovrebbe diventare il più grande parco eolico offshore al mondo. I lavori hanno avuto inizio la scorsa settimana e comprendono l’installazione di 277 turbine a circa 160 chilometri dalla costa britannica, in prossimità dello Yorkshire. Il completamento è previsto per il 2026, quando il sito dovrebbe essere in grado di generare energia sufficiente per sei milioni di abitazioni. L’area prende probabilmente il nome dai pescherecci olandesi, noti come dogger, che operavano in queste zone ricche di pesce.

 

Prossimamente

Lunedì arriveranno i dati sulla disoccupazione nell’eurozona relativi al mese di giugno, mentre martedì la Reserve Bank of Australia si riunirà per decidere in merito ai tassi d’interesse. Alla riunione di luglio, l’istituto ha aumentato il tasso di liquidità di 50 punti base (pb) all’1,35%. Mercoledì è in programma una serie di PMI definitivi per il mese di luglio, tra cui quelli di Giappone, eurozona e Stati Uniti. Dopo aver innalzato a giugno i tassi di 25 pb all’1,25%, giovedì la Banca d’Inghilterra delibererà sulla politica monetaria. Venerdì gli Stati Uniti comunicheranno i più recenti dati sull’occupazione.

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute.

 

Ti potrebbe interessare

Take 2

L'OCSE rivede al rialzo le previsioni di crescita globale per il 2022, i verbali della Fed confermano che i rialzi potrebbero rallentare

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 28 Novembre 2022 (5 min di lettura)
Take 2

I Paesi del G20 calibreranno il ritmo del ciclo rialzista; inattesa contrazione del PIL giapponese

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 21 Novembre 2022 (5 min di lettura)
Take 2

Azioni sospinte dall’inatteso rallentamento dell’inflazione USA; inviti a regolamentare il greenwashing alla COP27

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 14 Novembre 2022 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.