Investment Institute
Take 2

La crescita statunitense rallenta più del previsto; l’attività economica dell’eurozona accelera

  • 29 Aprile 2024 (3 min di lettura)

Fatti salienti

Nel primo trimestre (T1) la crescita del PIL statunitense ha rallentato a un tasso annualizzato dell’1,6% dal 3,4% del T4, inferiore alle aspettative del mercato pari al 2,5%, in seguito a una decelerazione della spesa pubblica, di quella al consumo e delle esportazioni nette. L’indice della spesa per i consumi personali, l’indicatore preferito dalla Federal Reserve (Fed) per misurare l’inflazione, è passato dall’1,8% al 3,4% nel T1, sollevando dubbi sulla rapidità con cui l’istituto sarà in grado di tagliare i tassi d’interesse. Nel frattempo, secondo i dati flash sugli indici dei direttori agli acquisti (PMI), l’attività economica americana ha continuato a crescere ad aprile, anche se a un ritmo più contenuto, penalizzata da una domanda più debole. Il PMI composito statunitense è sceso da 52,1 a 50,9; una cifra superiore a 50 denota un’espansione.


Notizie dal mondo

Ad aprile l’attività economica dell’eurozona ha esibito la crescita più sostenuta da 11 mesi, trainata da una robusta espansione nei servizi, nonostante un settore manifatturiero in costante contrazione. Il PMI composito della regione è salito dal 50,3 di marzo a 51,4, sebbene l’indice manifatturiero sia rimasto fragile a 45,6, in calo da 46,1. Stando a quanto riferito dal fornitore di dati S&P, l’inflazione nel settore dei servizi è aumentata, ma si prevede ancora che la Banca centrale europea tagli i tassi d’interesse a giugno. Dal suo canto, l’indice britannico FTSE 100 ha raggiunto un nuovo massimo storico, sostenuto dagli utili societari pubblicati e dalle speranze che la Banca d’Inghilterra inizi a diminuire i tassi ad agosto.

Il numero sotto i riflettori: 17 milioni

Secondo le stime dell’Agenzia internazionale dell’energia (AIE), le vendite di veicoli elettrici potrebbero raggiungere quota 17 milioni nel 2024, pari a più di un’auto ogni cinque vendute nel mondo, dopo che nel T1 hanno fatto segnare un incremento del 25% su base annua. La concorrenza tra i produttori, il declino dei prezzi di auto e batterie nonché il continuo sostegno politico dovrebbero sospingere ulteriormente le vendite nonostante l’inflazione elevata, i prezzi volatili dei metalli per le batterie e la graduale revoca degli incentivi all’acquisto in alcuni Paesi. L’agenzia ha affermato che le infrastrutture pubbliche di ricarica devono tenere il passo con le vendite; per farlo, è necessario che aumentino di sei volte entro il 2035. 


La parole della settimana

Solar for All (Solare per tutti): un’iniziativa statunitense per aiutare le comunità a basso reddito a beneficiare delle energie rinnovabili, finanziando progetti fotovoltaici in tutto il Paese. Il presidente Joe Biden ha annunciato investimenti per $ 7 miliardi nel programma, che dovrebbe creare approssimativamente 200.000 posti di lavoro e consentire alle famiglie di risparmiare circa $ 8 miliardi sulle bollette energetiche. Mira inoltre a ridurre le emissioni equivalenti di anidride carbonica di 30 milioni di tonnellate metriche. L’annuncio è coinciso con la Giornata della Terra, un evento annuale istituito nel 1970 per dimostrare il sostegno alla protezione dell’ambiente.

Prossimamente

Lunedì giungeranno molteplici indagini dell’eurozona, tra cui i più recenti indici del sentiment economico, industriale e della fiducia dei consumatori. Martedì la Cina svelerà i PMI aggiornati, mentre l’eurozona comunicherà la crescita del PIL per il T1 e le statistiche sull’inflazione di aprile. La Fed si riunirà mercoledì per fissare i tassi d’interesse. La Banca del Giappone pubblicherà giovedì il verbale dell’ultima riunione di politica monetaria, mentre gli Stati Uniti renderanno noti venerdì i dati sull’occupazione.

Elezioni europee e francesi: e ora?
Mercati La Parola a Tentori

Elezioni europee e francesi: e ora?

  • A cura di Gilles Moëc, Chris Iggo, and others
  • 25 Giugno 2024 (5 min di lettura)
Investment Institute
Tassi: dopo giugno la situazione potrebbe complicarsi per la Bce
Guida ai Mercati

Tassi: dopo giugno la situazione potrebbe complicarsi per la Bce

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 04 Giugno 2024 (5 min di lettura)
Learning Lab
L’IA potrebbe influenzare le elezioni?
Guida ai Mercati

L’IA potrebbe influenzare le elezioni?

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 27 Maggio 2024 (5 min di lettura)
Learning Lab

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.