Investment Institute
Tecnologia

IA: più talenti neurodiversi per le aziende

  • 09 Luglio 2024 (3 min di lettura)
Introduzione
Lo sviluppo dell’IA è legato all’impiego di nuovi talenti. Diversi studi evidenziano come l’attenzione meticolosa al dettaglio sia una delle skill più ricercate. Si profila un maggiore impiego in azienda di lavoratori con abilità neurodivergenti.

Entro il 2027, il 25% delle aziende Fortune 500 recluterà attivamente persone con abilità neurodivergenti (caratterizzazione che include autismo, sindrome da deficit di attenzione o Adhd, dislessia) per migliorare le prestazioni aziendali. La previsione fa parte di un recente studio della società di ricerche Gartner in cui vengono presentati quelli che sono considerati i trend principali che caratterizzeranno il mondo dell’Intelligenza Artificiale (IA) per il 2024 e oltre.


Abilità cognitive particolari

Quali saranno quindi le “skill” che le aziende cercheranno maggiormente tra i lavoratori? A quanto pare un doppio filo lega il modo di operare dell’IA generativa e le specifiche abilità cognitive tipiche delle persone autistiche.

Infatti, la natura meticolosa del lavoro sull’IA si allinea bene con l’approccio orientato ai dettagli comunemente visto nei professionisti autistici. Ogni piccolo dettaglio può avere un impatto notevole sulle prestazioni complessive e sul successo della nuova tecnologia. Gli autistici, in particolare, hanno la tendenza a iperfocalizzarsi su quello che maggiormente li interessa.

Secondo gli esperti di Auticon, fornitore di servizi di consulenza per il business su come creare, sviluppare e migliorare i propri team e i processi inclusivi della neurodiversità, oltre all’attenzione meticolosa al dettaglio, le aziende cercheranno abilità di “pattern recognition” e “problem solving”.

Nel primo caso si tratta della capacità di identificare modelli e tendenze. Questa competenza – anch’essa presente in professionisti “neurodivergenti” – migliora la qualità dell’apprendimento automatico (machine learning) e dell’analisi dei dati, che sono fondamentali per l’IA e fanno molto affidamento sul riconoscimento dei modelli. Anche la capacità di risolvere problemi (problem solving) può rivelarsi essenziale per il lavoro con l’IA.

“La diversa elaborazione cognitiva che deriva dalla neurodiversità – si legge sul sito di Auticon – spesso supporta il pensiero innovativo e strategie di risoluzione dei problemi non convenzionali. Questo modo di pensare distinto può guidare lo sviluppo di soluzioni di intelligenza artificiale pionieristiche, come algoritmi unici e nuove tecniche di elaborazione dei dati”. 

Infine, molte persone con autismo trovano conforto nella routine e sono abili nello svolgere lavori di qualità anche se ripetitivi, aspetto che trova risonanza nei processi spesso ripetitivi dell’IA.


Un ambiente di lavoro più inclusivo

Insomma, il mondo del business si rivolgerà a talenti in grado di vedere le cose da prospettive diverse. Non è un segreto che molte aziende fanno fatica a colmare il gap della domanda di lavoratori con determinate abilità.

Secondo il gruppo di recruitment globale Reed, l’IA può essere utilizzata per aumentare la produttività e promuovere un ambiente di lavoro più inclusivo ed egualitario per tutti.

Negli Stati Uniti, migliaia di lavoratori cosiddetti “neurodivergenti” sono alla ricerca di ruoli. Circa il 15-20% della popolazione è considerato neurodivergente, nel senso che il suo processo cognitivo funziona in modo diverso da quello che si aspetta la società. “Il termine neurodivergente si riferisce a persone con autismo, Adhd, dislessia, disprassia, discalculia, sindrome di Tourette o condizioni di salute mentale croniche come il disturbo bipolare e la schizofrenia”, si legge sul sito di Reed. “La promozione della neurodiversità e dell’inclusione ha dimostrato i vantaggi che può arrecare al business ed è responsabilità del datore di lavoro fornire un ambiente di lavoro dove il benessere di tutti i lavoratori è preso in considerazione”.

Il livello di disoccupazione per adulti neurodivergenti è intorno a picchi del 30-40%, secondo dati del Center for Neurodiversity and Employment Innovation dell’Università del Connecticut, negli Stati Uniti. Tre volte il tasso di disoccupazione per le persone con disabilità e otto volte quello per persone senza disabilità.


L’altra faccia della medaglia

L’impiego di un maggior numero di talenti cosiddetti “neurodivergenti” e la promozione di ambienti di lavoro più inclusivi sono senz’altro buone notizie sul fronte del massiccio impiego dell’intelligenza artificiale nel business. Ma c’è anche un’altra faccia della medaglia.

La sempre più ampia diffusione dell’IA e, in particolare, dell’IA generativa, secondo Gartner, aumenterà l’insicurezza dei talenti, facendo salire la partecipazione dei lavoratori ai sindacati (+1000% di qui al 2028).

Un sondaggio globale effettuato in collaborazione tra il gruppo svizzero Adecco e Oxford Economics mostra che il 41% dei dirigenti di alto livello intervistati si aspetta di impiegare meno persone nei prossimi cinque anni a causa della tecnologia. Il sondaggio ha interessato un campione di 2000 “executives” globali.

L’anno scorso gli economisti di Goldman Sachs avevano previsto la perdita o diminuzione a livello globale di circa 300 milioni di posti di lavoro a tempo pieno (principalmente lavori d’ufficio) per la diffusione dell’IA generativa.

Finfluencer, la finanza al tempo dei social
Trend Futuri Tecnologia

Finfluencer, la finanza al tempo dei social

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 10 Giugno 2024 (5 min di lettura)
Investment Institute
Nuove tecnologie: le vendite in livestreaming faranno boom
Trend Futuri Tecnologia

Nuove tecnologie: le vendite in livestreaming faranno boom

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 19 Marzo 2024 (5 min di lettura)
Investment Institute
L’adozione dell’IA spinge il settore tecnologico in Borsa
Trend Futuri Tecnologia

L’adozione dell’IA spinge il settore tecnologico in Borsa

  • A cura di Chris Iggo
  • 27 Febbraio 2024 (5 min di lettura)
Investment Institute
Tecnologia: dalle miniere agli smartphone, i rischi per i diritti umani
Trend Futuri Tecnologia

Tecnologia: dalle miniere agli smartphone, i rischi per i diritti umani

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 23 Febbraio 2024 (7 min di lettura)
Investment Institute
Fuga dalla città, ora la spinta è il costo della vita
Trend Futuri Demografia

Fuga dalla città, ora la spinta è il costo della vita

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 29 Gennaio 2024 (5 min di lettura)
Investment Institute

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.