Investment Institute
Viewpoint Chief Economist

Speaker’s Cornered

  • 09 Ottobre 2023 (10 min di lettura)

Key points:

  • We look into the recent dramatic rise in long-term yields, focusing on the US. Beyond the cyclical issues, questions on the future trajectory for US public finances, amid political dysfunction, may play a role.

The US 10-year yield flirted with 5% last week, as the market continues to digest the Fed’s warnings on the trajectory for policy rates amid a stubbornly resilient economy and massive net issuance of Treasuries. Yet, any data release – however flimsy - contradicting this hawkish narrative is still triggering some episodes of downward correction in yields, suggesting a fair degree of collective unease with the level long-term interest rates have reached. This is understandable. With the market now magnifying the impact of the policy tightening, the resilience of the real economy will be tested, which should make the Fed sensitive to the risk of engaging in “overkill”. Last week’s release of the payroll data for September was a case in point: after rising steeply as the US defied yet again gravity and created many more jobs than expected, yields retraced partly, possibly owing to the less scary elements of the release hidden behind the headlines. Indeed, wages decelerated further, to a pace which is consistent with a return to 2% inflation without having to make too heroic assumptions about productivity.

Still, the state of the US public finance is another source of fundamental concern for the bond market. In the short run, the ousting of Kevin McCarthy from the House Speakership and the lingering divisions within the Republican party may paradoxically help contain long-term yields if a shutdown cannot be averted, with its dampening impact on demand. Yet, what the current drama reflects of the difficulty to reach any bipartisan resolution on fiscal matters – or even full alignment within each party – does not bode well for the possibility to address the structural flaws of US public finances in the years ahead. There is probably no imminent danger. According to the CBO, under a no-policy scenario US federal debt would reach 118% of GDP in 2033, a level which has already become quite familiar in several European countries. Yet, such scenario is predicated on the partial expiry in 2025 of the tax cuts granted by Donald Trump, which of course is not a done deal if he returns to the White House. On the other side of the fence, we detect little focus on fiscal consolidation in Biden’s platform for now. With socialised spending rising on trend in the US, hard choices will be needed, and political polarisation will not help.

Ti potrebbe interessare

Viewpoint Chief Economist

Mind the Crowds!

  • A cura di Gilles Moëc
  • 24 Giugno 2024 (10 min di lettura)
Viewpoint Chief Economist

Uncertain Winds

  • A cura di Gilles Moëc
  • 17 Giugno 2024 (10 min di lettura)
Viewpoint Chief Economist

Fast-Forwarding

  • A cura di Gilles Moëc
  • 10 Giugno 2024 (10 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.