Investment Institute
Viewpoint Chief Economist

How to stop a house fire

  • 22 Novembre 2021 (5 min di lettura)

Key points

  • US “excess demand for goods” played a key role in the emergence of global bottlenecks
  • Even cut in half, Joe Biden’s green and social package will have a noticeable impact on the deficit next year
  • Some at the ECB are looking at house prices through monetary policy lens. Focusing on the French example, we think it still makes sense to allow macro-prudential measures to work their way first.

At the peak of the pandemic the shift in household consumption towards goods often supplied via long and tortuous global value chains, to the detriment of services, has been a key driver of the emergence of bottlenecks and the ongoing inflation spike. We think we need to be more granular though. In Europe or In Japan, while the share of goods in household spending has indeed risen, the volume of this form of consumption did not increase relative to the pre-pandemic level. The US, conversely, has seen the steepest rise in consumption of goods ever recorded in the national accounts since they have been made available in 1947, standing in the third quarter (Q3 2021) at 15% above the Q4 2019 level. Given the still dominant role US consumption plays (30% of the world’s consumer spending in nominal US dollars), this has been a key source of tension on global capacity. The latest developments on this front are reassuring: US consumption in goods has started to recede.

The House of Representatives has finally passed the shrunk version of Joe Biden’s green and social package, which still needs to clear the Senate hurdle. Headlines reporting on the Crogressional Budget Office (CBO) assessment were misleading. While over 10 years its impact on the deficit would be very small, in the first few years it will be noticeable (0.7% of GDP for 2022). True, even combined with the investment programme passed earlier this year it is a much smaller stimulus than the packages of the last two years. However, a lot of the 2020 and early 2021 stimulus has been stored in the form of excess household saving, which constitutes an interesting “reserve of demand” ahead.

Fast-rising house prices seem to be ranking high in the European Central Bank (ECB)’s preoccupations. We were intrigued by Isabel Schnabel’s statement on the possibility it could affect the central bank’s reaction function. We estimated a simple model of French house prices to explore the issue. Our conclusion is that the ECB should start by giving time to macro-prudential measures before using the blunt tools of monetary policy to try to curb house prices. The direct contribution of interest rates to the further rise of the last few years has been modest. The steps taken by Banque de France to stop the lengthening of mortgage terms and cap the share of disposable income which can be spent on mortgage servicing seem to start having some dampening effect.

Download the insight
Download report (534.29 KB)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.