Investment Institute
Viewpoint Chief Economist

The Bear and the Turtles

  • 14 Febbraio 2022 (7 min di lettura)

Key Points

  • We explore the macro constraints to a re-armament effort in Europe. Russia would struggle. It may be an acute awareness of these challenges ahead which explains Moscow’s tough approach now. 
  • While this keeps us behind some prominent sell-side calls, we make the case for a cautious approach by the Fed after the March lift-off.

Judging by the public warnings of the US and UK governments, tension with Russia over Ukraine is not abating and may even get paroxysmic this week despite continuing diplomatic efforts. Beyond the impact a further escalation would have on the short-term European outlook, we explore the macroeconomic constraints around a likely re-armament race in Europe. While the current gap in military spending between Russia and the EU looks glaring when expressed in share of GDP, it reverses when looking at the absolute levels. The likely demographic and economic trajectory in Russia will make it very hard for Moscow to keep up with the EU countries if, in a delayed reaction to Russia’s assertiveness, they decide to bolster their own defense spending.  It might be Moscow’s very awareness of these demographic and economic challenges ahead which may explain why Russia is ready to go quite far now to protect its influence in Ukraine, which is sees as crucial to the “strategic depth” which has traditionally been a focus of Russian military doctrine. In a nutshell, Moscow would rather have an indirect confrontation with the West before its economic vulnerabilities start impacting its defense capabilities again. Yet, by confronting the West now, Moscow may actually accelerate a re-armament race which it will have a very hard time winning.

Inflation surprised to the upside again in the US in January, but the reaction from the Fed has not been unanimous. While James Bullard called for raising the Fed Funds rate by 100 basis points by July, San Francisco Fed President Mary Daly expressed her support for a prudent approach after the March lift-off. We think the cautious approach makes sense. The very recent weakness in consumer spending may reflect the decline in purchasing power as the combination of strong job creation and robust wage growth is not fully offsetting the rise in consumer prices and the end of the income top-ups by the government. Hawks will probably argue that the release of excess saving  - mostly held in checking deposits - back into consumption would keep demand on a unsustainable pace without a significant and quick monetary tightening, but no model can properly explore these opposite scenarios because the US economy has never found itself in a similar position. This would argue for a prudent approach to the pace of rate hikes by the Fed, with a lot of the “learning by doing” which Mary Daly advocates to get the right quantum of tightening. For now, we keep our forecast of four 25 basis points hikes in 2022, which leaves us behind some prominent sell-side calls.

Ti potrebbe interessare

Viewpoint Chief Economist

Beware of Contagion

  • A cura di Gilles Moëc
  • 26 Settembre 2022 (5 min di lettura)
Viewpoint Chief Economist

QT on the European Radar

  • A cura di Gilles Moëc
  • 12 Settembre 2022 (5 min di lettura)
Viewpoint Chief Economist

Policy Mixology: Finding the Right Dosage

  • A cura di Gilles Moëc
  • 05 Settembre 2022 (5 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.