Investment Institute
Take 2

Revisione al rialzo del PIL USA; dai verbali della BCE emergono i timori per l'inflazione in un contesto di deprezzamento dell'euro

  • 26 Agosto 2022 (5 min di lettura)

Fatti salienti

L'economia statunitense ha subito una contrazione inferiore a quanto inizialmente stimato nel secondo trimestre (T2), in calo dello 0,6% rispetto allo 0,9% previsto. Spesa al consumo e investimenti privati nelle scorte sono stati rivisti al rialzo, ma i dati hanno confermato due trimestri consecutivi di contrazione, una cosiddetta recessione tecnica. Inoltre, l'indice Flash PMI degli Stati Uniti è sceso al minimo degli ultimi 27 mesi ad agosto (45 punti rispetto ai 47,7 di luglio), a causa del rallentamento dell'attività economica. Di recente, il Presidente Joe Biden ha tuttavia respinto l'affermazione secondo cui l'economia statunitense sarebbe in recessione, sostenendo la presenza di segnali di progresso.

 

Notizie dal mondo

L'inflazione alle stelle, il rallentamento dell'attività economica e le strozzature sul fronte dell'offerta dovute alla crisi ucraina "offuscano significativamente le prospettive per la seconda metà del 2022 e il periodo successivo", stando ai verbali dell'ultima riunione della Banca centrale europea (BCE). Tuttavia, la riapertura dell'economia dopo i lockdown imposti per contenere il COVID-19 e la solidità del mercato del lavoro rappresentano fattori positivi. La BCE ha alzato i tassi di 50 punti base (pb) a luglio, anche se alcuni membri del comitato per la politica monetaria avrebbero preferito un aumento di 25 pb "dati i rischi di recessione incombenti". C'è il rischio che il deprezzamento dell'euro possa far salire l'inflazione: la scorsa settimana la moneta unica è scesa ai minimi degli ultimi 20 anni nel cambio con il dollaro USA prima di riguadagnare un po' di terreno.

 

Il numero sotto i riflettori: 100%

La borsa valori di maggiori dimensioni in Cina ha inasprito le regole sui green bond nel tentativo di ridurre il fenomeno del greenwashing e aumentare la fiducia degli investitori rispetto alla loro credibilità. Stando a quanto riportato, la borsa valori di Shanghai richiederà che il 100% dei proventi dei green bond sia destinato a progetti verdi – rispetto alla precedente soglia del 70%. La decisione è in linea con i nuovi China Green Bond Principles che l'autorità di regolamentazione dei titoli del Paese ha lanciato alla fine di luglio. Lo scorso anno sono stati emessi circa 109,5 miliardi di dollari di green bond cinesi, ma solo il 60% circa è stato allineato agli standard globali dei green bond, secondo la Climate Bonds Initiative.

 

La parola della settimana: OPEC+

Un'alleanza di nazioni produttrici di greggio e un'estensione dell'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC). Rappresentando oltre il 90% delle riserve mondiali accertate di petrolio, l'OPEC+ coordina le politiche petrolifere dei Paesi aderenti e mira a mantenere la stabilità dei mercati petroliferi globali. Le quotazioni petrolifere hanno subito un'impennata di quasi il 4% lo scorso martedì, dopo che il ministro dell'energia dell'Arabia Saudita aveva lasciato intendere che l'OPEC+ avrebbe potuto tagliare la produzione per sostenere i prezzi; nel corso della settimana le quotazioni petrolifere sono però tornate a scendere, a causa dei timori per gli effetti sulla domanda dell'aumento dei tassi d'interesse statunitensi.

 

Prossimamente

Martedì è attesa la pubblicazione di una serie di indicatori dell’eurozona, tra cui il sentiment economico, industriale e dei servizi di agosto e il dato finale relativo alla fiducia dei consumatori del mese. Mercoledì è in programma il dato flash sull'inflazione di agosto del blocco, mentre lo stesso giorno saranno pubblicati anche i dati sulla crescita economica del secondo trimestre di India e Canada. Giovedì si proseguirà con i PMI di Cina, Giappone, eurozona, Canada e Stati Uniti, oltre che con i dati sulla disoccupazione dell'eurozona per il mese di luglio. Infine, venerdì giungeranno le più recenti statistiche sull'occupazione negli Stati Uniti.  

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute.

 

Ti potrebbe interessare

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.