Investment Institute
Take 2

L'inflazione statunitense raggiunge un nuovo massimo mentre la crescita del PIL cinese rallenta

  • 15 Luglio 2022 (5 min di lettura)

Fatti salienti

A giugno l'inflazione statunitense ha raggiunto uno dei picchi degli ultimi 40 anni, al 9,1%, rispetto all'8,6% di maggio, grazie all'aumento dei prezzi dei generi alimentari, della benzina e degli immobili residenziali. Nel frattempo, nel suo ultimo rapporto sulle prospettive economiche, la Commissione europea ha dichiarato di aspettarsi che l'inflazione dell'eurozona salga al 7,6% quest'anno per poi scendere al 4% nel 2023, rispetto alle previsioni di maggio del 6,1% e del 2,7%. Ha inoltre rivisto al ribasso le previsioni di crescita del PIL per quest’area al 2,6% quest'anno e all'1,4% il prossimo, dal precedente 2,7% e 2,3%. Altrove, la Banca del Canada ha sorpreso i mercati aumentando i tassi di interesse di un intero punto percentuale, al 2,5%, nel tentativo di arginare l'inflazione, che è vicina ai massimi degli ultimi 40 anni. 

 

Notizie dal mondo

La crescita economica cinese ha subito un brusco rallentamento nel secondo trimestre (Q2), attestandosi a un livello più debole del previsto (0,4%) su base annua, a causa dei lockdown dovuti al COVID-19. Si tratta del ritmo di crescita trimestrale più lento in Cina dall'inizio della pandemia, rispetto al 4,8% del primo trimestre. Tuttavia, le vendite al dettaglio sono aumentate del 3,1% a giugno e la produzione industriale è cresciuta del 3,9%, dopo la revoca del lockdown di due mesi a Shanghai. Nel frattempo, l'economia del Regno Unito ha superato le aspettative crescendo dello 0,5% a maggio, dopo la contrazione di aprile.

 

Il numero sotto i riflettori: 0,9952$

Il valore dell'euro è sceso al di sotto del dollaro USA per la prima volta in quasi 20 anni, raggiungendo giovedì 0,9952 dollari, il valore più debole nei confronti del biglietto verde dalla fine del 2002. I timori di un peggioramento della crisi energetica in Europa a causa della guerra in Ucraina e la prospettiva di una recessione hanno pesato sulla moneta unica europea. Allo stesso tempo, i dati sull'inflazione negli Stati Uniti e l'aspettativa di una mossa aggressiva da parte della Federal Reserve quando si riunirà per fissare i tassi di interesse alla fine del mese hanno contribuito a far salire il dollaro.

 

La parola della settimana: Principi ONU per l'investimento responsabile (PRI)

Un'organizzazione internazionale che promuove gli investimenti responsabili incoraggiando le società di investimento a incorporare le questioni ambientali, sociali e di governance (ESG) nelle loro analisi e nei processi decisionali. Lanciato nel 2006, il gruppo sostenuto dalle Nazioni Unite, che conta circa 4.000 firmatari, ha pubblicato la scorsa settimana un documento incentrato sui diritti umani, intitolato How investors can advance decent work (Come gli investitori possono promuovere il lavoro dignitoso). Secondo i PRI delle Nazioni Unite gli investitori dovrebbero adottare un approccio al lavoro dignitoso che metta al centro l'uomo: “Si tratta di superare la concezione dell'occupazione come mera transazione economica e di considerare i lavoratori come capitale umano, attraverso una lente di efficienza economica, e di spostare l'attenzione sulla dignità economica e sullo sviluppo umano".

 

Prossimamente

Martedì l'eurozona annuncerà il tasso di inflazione finale di giugno, mentre il Regno Unito pubblicherà i dati sulla disoccupazione. Seguiranno mercoledì le pubblicazioni dei dati sull'inflazione di Regno Unito e Canada, e, sempre lo stesso giorno, verrà pubblicato anche l'indicatore flash della fiducia dei consumatori dell'eurozona. La Banca del Giappone e la Banca Centrale Europea si riuniranno giovedì per prendere una decisione sui tassi di interesse. Gli indici dei responsabili degli acquisti per Giappone, eurozona, Regno Unito e Stati Uniti saranno comunicati venerdì.

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute.

 

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris - Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.