Investment Institute
Take 2

L’economia cinese cresce più lentamente del previsto; l’inflazione dell’eurozona rallenta

  • 24 Luglio 2023 (3 min di lettura)

Fatti salienti

L’economia cinese è cresciuta meno del previsto nel secondo trimestre (T2), a un tasso annuo del 6,3%, per quanto abbia accelerato rispetto al 4,5% del T1. Questa dinamica riflette la debolezza della domanda, con le vendite al dettaglio che hanno esibito la progressione più contenuta da dicembre, in brusco rallentamento al 3,1% nel mese di giugno dal 12,7% di maggio. Tuttavia, la solida attività manifatturiera ha contribuito a un inaspettato aumento della produzione industriale cinese a giugno, salita del 4,4% rispetto a un anno fa, a fronte del 3,5% registrato a maggio. La scorsa settimana il governo nazionale ha annunciato piani per rilanciare la spesa delle famiglie, mentre vengono invocati maggiori stimoli per trainare la ripresa cinese post-pandemia.

 

Notizie dal mondo

A giugno l’inflazione annuale dell’eurozona è stata confermata al 5,5%, in calo dal 6,1% di maggio e a un minimo dall’inizio del 2022, ma ancora superiore all’obiettivo del 2% fissato dalla Banca centrale europea (BCE). Un membro del Consiglio direttivo della BCE, Klaas Knot, ha dichiarato di ritenere un’ulteriore stretta monetaria a luglio “una necessità” e “al massimo una possibilità” dopo tale mese. In Giappone l’inflazione core è aumentata a giugno del 3,3% rispetto a un anno prima (dal 3,2% di maggio), mentre la componente che esclude i generi alimentari e l’energia è scesa dal 4,3% al 4,2%. Altrove, nell’anno fino a giugno l’inflazione del Regno Unito ha fatto segnare una riduzione superiore alle attese, al 7,9% dall’8,7% di maggio.

 

Il numero sotto i riflettori: 0,3%

La produzione statunitense ha disatteso le aspettative del mercato a giugno. La produzione manifatturiera si è contratta dello 0,3% dopo la flessione rivista di maggio (-0,2%), una dinamica causata in parte da spese maggiormente orientate ai servizi anziché ai beni. Anche la produzione industriale si è rivelata più debole di quanto anticipato, cedendo lo 0,5% a giugno dopo il declino di pari entità osservato nel mese precedente. A giugno le vendite al dettaglio sono cresciute per il terzo mese consecutivo, anche se più lentamente del previsto (0,2% rispetto allo 0,5% rivisto di maggio). I dati, che mostrano come i consumatori statunitensi continuino a spendere nonostante l’ascesa dei tassi d’interesse e la persistente inflazione, potrebbero rafforzare le attese di un nuovo rialzo da parte della Federal Reserve (Fed) alla riunione di questa settimana.

 

La parola della settimana: Cambiamento climatico sotterraneo

Un’espressione più semplice per un fenomeno noto come “isole di calore sotterranee”. Entrambi si riferiscono al riscaldamento del sottosuolo nelle grandi città, a causa del calore rilasciato da edifici, metropolitane o altre infrastrutture. Le preoccupazioni per questo problema non sono legate principalmente al cambiamento climatico atmosferico. Inoltre, uno studio pubblicato nel mese sugli effetti a Chicago ha individuato potenziali danni a edifici, muri e gallerie dovuti a deformazioni di terreno, rocce o materiali da costruzione. Stando a un rapporto separato del gruppo senza scopo di lucro Berkeley Earth, dopo una serie di ondate di calore la probabilità che il 2023 sia l’anno più caldo mai registrato si attesta ora all’81%.

 

Prossimamente

Questa settimana le banche centrali saranno sotto i riflettori. La Fed si riunirà mercoledì; a giugno l’istituto ha mantenuto i tassi d’interesse invariati al 5%-5,25%, una decisione descritta come una “pausa temporanea”. Giovedì sarà il turno della BCE; lo scorso mese Francoforte ha innalzato il tasso di riferimento di 25 punti base al 3,5%, un massimo da 22 anni, mentre la Banca del Giappone delibererà venerdì. Riguardo agli aggiornamenti dei dati, lunedì saranno pubblicati gli indici dei direttori agli acquisti di Giappone, Australia, Regno Unito, Stati Uniti ed eurozona, mentre giovedì è in programma una stima anticipata sulla crescita del PIL statunitense per il T2.

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute

Ti potrebbe interessare

Take 2

La Banca d’Inghilterra mantiene invariati i tassi nonostante l’inflazione sia arrivata all’obiettivo; le esportazioni del Giappone crescono

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 24 Giugno 2024 (3 min di lettura)
Take 2

La Fed ha ridotto il numero di tagli dei tassi per il 2024; Macron ha indetto elezioni lampo

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 17 Giugno 2024 (3 min di lettura)
Take 2

La BCE e la Banca del Canada hanno tagliato i tassi di interesse

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 10 Giugno 2024 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.