Investment Institute
Take 2

La Fed intende proseguire l’aumento dei tassi, mentre la Cina prevede tagli per rilanciare l’economia

  • 19 Agosto 2022 (5 min di lettura)

Fatti salienti

La Federal Reserve continuerà ad alzare i tassi di interesse per contrastare l’inflazione, ma ha ammesso che potrebbe allentare il ritmo per valutare l’impatto sull’economia, come emerge dai verbali dell’ultima riunione. La Fed ha riferito che probabilmente “a un certo punto sarebbe opportuno rallentare il ritmo degli aumenti dei tassi di politica monetaria”, salvo poi mantenere i tassi a un livello “sufficientemente restrittivo” per un certo periodo di tempo. Nel frattempo, il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha approvato un nuovo decreto da 700 miliardi di dollari per affrontare il cambiamento climatico e ridurre i costi della sanità. Nonostante la drastica correzione rispetto al pacchetto di 3.500 miliardi di dollari proposto inizialmente, si tratta del più grande investimento federale del paese nell’ambito del cambiamento climatico.

 

Notizie dal mondo

La Banca Popolare Cinese ha ridotto di 10 punti base sia il tasso sulle linee di credito a un anno che quello sui prestiti a breve termine, portandoli rispettivamente al 2,75% e al 2%. La mossa, che ha sorpreso i mercati, rispecchia un rallentamento economico dovuto ai ripetuti lockdown legati al COVID-19, alla crisi immobiliare e allo stallo della crescita del credito. A luglio la produzione industriale cinese è cresciuta soltanto del 3,8% e le vendite al dettaglio del 2,7% rispetto all’anno precedente, disattendendo le previsioni e leggermente al di sotto dei dati di giugno. Per la prima volta in sette anni, quest’anno si prevede che l’economia cinese non raggiungerà l’obiettivo di crescita annuale del 5,5%.

 

Il numero sotto i riflettori: 0,6%

L’economia dell’eurozona è cresciuta dello 0,6% su base trimestrale nel periodo aprile-giugno, in leggero ritardo rispetto allo 0,7% precedentemente stimato, ma al di sopra dello 0,5% del primo trimestre. Per contro, l’inflazione dell’eurozona si è confermata all’8,9% a luglio, in aumento rispetto all’8,6% di giugno, e molti economisti prevedono un indebolimento delle prospettive per la regione nella seconda metà di quest’anno, poiché l’inflazione e la carenza di forniture energetiche pesano sull’attività. Spostando l’attenzione altrove, a luglio l’inflazione britannica è salita al 10,1%, segnando un massimo dal 1982, mentre il tasso di inflazione canadese è sceso dall’8,1% di giugno al 7,6%, considerando che i prezzi della benzina sono aumentati a un ritmo più lento.

 

La parola della settimana: UN High Seas Treaty

UN High Seas Treaty (Trattato delle Nazioni Unite per la protezione dell’alto mare): un trattato delle Nazioni Uniti (ONU) volto a proteggere gli oceani di tutto il mondo e a contrastare la perdita di biodiversità tramite la creazione di una rete di aree marine protette. Queste aree sarebbero sottoposte a un regime legalmente vincolante, che trascende i confini nazionali per salvaguardare le forme di vita marine da attività commerciali potenzialmente dannose (come l’estrazione mineraria in acque profonde) e fornire alle nazioni senza sbocco sul mare e ai mercati emergenti un accesso equo alle risorse marine. Dopo un decennio di negoziazioni, la scorsa settimana è iniziata la quinta e ultima seduta con l’obiettivo di finalizzare un accordo tra gli Stati membri dell’ONU.

 

Prossimamente

Il nuovo indice dei prezzi residenziali canadese sarà pubblicato lunedì, mentre martedì saranno resi noti i Flash PMI per Australia, Giappone, eurozona, Regno Unito e Stati Uniti. Mercoledì sarà poi il turno dell’indice del mercato ipotecario MBA, mentre giovedì sarà rivelata la previsione definitiva sul tasso di crescita dell’economia tedesca per il secondo trimestre, così come l’ampiamente seguito indicatore Ifo Business Climate. Lo stesso giorno gli Stati Uniti renderanno nota una seconda previsione sulla crescita del PIL per il secondo trimestre e si aprirà il vertice economico di Jackson Hole.

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute

Ti potrebbe interessare

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.