Investment Institute
Take 2

La Fed e la Banca d’Inghilterra alzano i tassi; l’inflazione dell’eurozona raggiunge nuove vette

  • 07 Novembre 2022 (5 min di lettura)

Fatti salienti

In linea con quanto previsto dal mercato, la Federal Reserve (Fed) statunitense ha proceduto al quarto rialzo consecutivo di 75 punti base (pb), portando i tassi d’interesse al 3,75%-4%. Stando a Jerome Powell, gli aumenti continueranno fino a quando non saranno “sufficientemente restrittivi” per frenare l’inflazione ed è probabile che il tasso terminale si riveli più alto delle attese. Tuttavia, il presidente della Fed ha suggerito che l’istituto modererà il ritmo della stretta nelle prossime riunioni. Anche la Banca d’Inghilterra ha innalzato i tassi di 75 pb, l’incremento più significativo dal 1989, al 3% ed evocato prospettive “molto complesse” per l’economia britannica.

 

Notizie dal mondo

A ottobre l’inflazione annuale nell’eurozona ha toccato un nuovo record del 10,7%, in ascesa dal 9,9% di settembre, mentre la crescita del PIL per il terzo trimestre (T3) è diminuita allo 0,2% dallo 0,8% del T2. Questi dati deludenti riflettono il dilemma con il quale è alle prese la Banca centrale europea, ma la presidente della BCE Christine Lagarde ha affermato che è necessario proseguire il ciclo rialzista per contrastare il rincaro dei prezzi, anche a costo di un maggiore rischio di recessione. L’obiettivo d’inflazione di Francoforte è pari al 2%. Le cattive notizie non sono però finite qui: a ottobre l’indice definitivo dei direttori agli acquisti mostrava un calo dell’attività manifatturiera a 46,4, il livello più basso da maggio 2020, mentre l’indice composito, che include i servizi, si è attestato a un minimo da 23 mesi di 47,3. Una cifra inferiore a 50 denota una contrazione.

 

Il numero sotto i riflettori: ¥ 6,3 mila miliardi

Il governo giapponese ha speso ¥ 6,3 mila miliardi ($ 42,8 miliardi) a ottobre nel quadro del suo intervento a sostegno dello yen, dopo che la valuta è sprofondata al minimo da 32 anni nei confronti del dollaro USA. Verso la metà dello scorso mese un dollaro valeva oltre ¥ 150, ma da allora è stato scambiato in un intervallo di circa ¥ 145-149. Nel frattempo, a settembre la produzione industriale giapponese si è contratta dell’1,6% rispetto ad agosto, la prima flessione in quattro mesi, sulla scia verosimilmente di crescenti costi dei materiali e un rallentamento economico globale. Le vendite al dettaglio nipponiche sono salite per il settimo mese consecutivo a settembre, facendo segnare +4,5% su base annua, trainate da una ripresa dei consumi dopo il COVID-19.

 

La parola della settimana: Canali solari

L’idea di costruire coperture fotovoltaiche sui canali artificiali esistenti per generare elettricità rinnovabile e ridurre l’evaporazione dell’acqua. I canali solari potrebbero rappresentare un mezzo sostenibile per fornire acqua alle comunità remote dei Paesi in via di sviluppo. Tuttavia, nei prossimi mesi dovrebbe essere lanciato un importante progetto pilota in California; lo Stato mira infatti a produrre il 100% dell’energia da fonti rinnovabili entro il 2045. Il “Progetto Nexus”, del valore di $ 20 milioni, rientra nell’ambito delle iniziative per risolvere le persistenti condizioni di siccità nella regione e si prefigge di installare 8.500 piedi (circa 2.600 metri) di coperture fotovoltaiche entro il 2024.

 

Prossimamente

Questa e la prossima settimana si terrà la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP27). Nel corso dell’evento dovrebbero essere invocate azioni per il clima più decise e rapide, in un difficile contesto di sicurezza energetica e accessibilità economica. Martedì si svolgeranno le elezioni di medio termine negli Stati Uniti che assegneranno il controllo del Congresso. Tra i dati economici della settimana vi sono le vendite al dettaglio dell’eurozona, in programma martedì. Lo stesso giorno la Banca del Giappone pubblicherà la sua Sintesi delle opinioni. Mercoledì giungerà l’inflazione cinese di ottobre, seguita giovedì da quella statunitense. Venerdì sarà svelata la stima preliminare sulla crescita del PIL britannico per il terzo trimestre.

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute.

Ti potrebbe interessare

Take 2

L'OCSE rivede al rialzo le previsioni di crescita globale per il 2022, i verbali della Fed confermano che i rialzi potrebbero rallentare

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 28 Novembre 2022 (5 min di lettura)
Take 2

I Paesi del G20 calibreranno il ritmo del ciclo rialzista; inattesa contrazione del PIL giapponese

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 21 Novembre 2022 (5 min di lettura)
Take 2

Azioni sospinte dall’inatteso rallentamento dell’inflazione USA; inviti a regolamentare il greenwashing alla COP27

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 14 Novembre 2022 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.