Investment Institute
Take 2

Cala la fiducia dei consumatori statunitensi, il G7 contrasterà la Nuova via della seta cinese

  • 04 Luglio 2022 (5 min di lettura)

Fatti salienti

L'effetto di un'inflazione elevata e prolungata e la percezione della minaccia di recessione si sono riflessi nell'indebolimento della fiducia dei consumatori statunitensi a giugno. L'indice sulla fiducia dei consumatori della Conference Board è sceso più del previsto, toccando il minimo degli ultimi 16 mesi (98,7), rispetto a quota 103,2 di maggio, mentre un altro dato che misura la fiducia per i sei mesi successivi è sceso più nettamente. Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha riconosciuto il rischio che un'azione di contenimento dei prezzi possa innescare una contrazione economica, ma ha sostenuto che il rischio di lasciare l'inflazione senza controllo è maggiore. I suoi commenti, in occasione del forum delle banche centrali in Portogallo, sono stati ripresi dal presidente della BCE Christine Lagarde, la quale ha messo in guardia sul fatto che la bassa inflazione dell'era pre-pandemica non sarebbe tornata rapidamente.

Notizie dal mondo

Secondo l'indice Caixin dei direttori agli acquisti (PMI), a giugno l'attività manifatturiera cinese è entrata in fase di crescita, salendo a 51,7 da 48,1 di maggio. Si tratta del ritmo di espansione più rapido degli ultimi 13 mesi e superiore alle aspettative degli analisti. I dati ufficiali del governo avevano già indicato una ripresa dell'attività manifatturiera e dei servizi per il mese in corso, con l'Ufficio nazionale di statistica che ha riportato un aumento particolarmente marcato dell’indice PMI del settore dei servizi ed edile, salito a 54,7 dal 47,8 di maggio. I PMI manifatturieri di Giappone e Corea del Sud hanno entrambi evidenziato a giugno un rallentamento dell'espansione, ma sono rimasti sopra quota 50, indicando una crescita.

Il numero sotto i riflettori: $ 600 miliardi

I leader del Gruppo dei sette (G7) si sono impegnati a raccogliere $ 600 miliardi per finanziare le infrastrutture nei Paesi a medio e basso reddito, in quella che viene vista come una risposta alla Belt and Road Initiative della Cina. I fondi per il piano “Partnership for Global Infrastructure and Investment” proverranno da fondi pubblici e privati per cinque anni e cercheranno di affrontare i cambiamenti climatici, migliorare la salute globale, costruire infrastrutture digitali e promuovere l'uguaglianza. Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato che il programma consentirà ai Paesi in via di sviluppo di "vedere i benefici concreti della collaborazione con le democrazie".

La parola della settimana: Skimpflation

Un termine che suggerisce che le aziende stanno tagliando o lesinando su ciò che forniscono ai loro clienti, pur continuando a far pagare lo stesso importo o un prezzo più alto. Mentre la shrinkflation si riferisce generalmente a una riduzione della quantità di prodotti mentre il loro prezzo rimane invariato, la skimpflation si riferisce alla qualità del prodotto o del servizio. Ad esempio, i consumatori attendono più a lungo la consegna degli articoli ordinati, le compagnie aeree cancellano i voli e gli hotel riducono la frequenza dei servizi di pulizia, mentre le aziende lottano contro l'aumento dei costi e la carenza di manodopera.

Prossimamente

Martedì verranno pubblicati i dati degli indici PMI del settore dei servizi e compositi di giugno per Giappone, Cina, eurozona e Regno Unito, seguiti mercoledì dagli stessi dati per gli Stati Uniti. Mercoledì saranno inoltre pubblicati i verbali dell'ultima riunione del Federal Open Market Committee. Venerdì in Giappone verranno comunicati i dati dell’indagine Economy Watchers Survey, che ha lo scopo di fornire un quadro regionale delle tendenze economiche all'interno del Paese. Infine, sempre venerdì, saranno diffuse le cifre sulla disoccupazione negli Stati Uniti.

Ti potrebbe interessare

Take 2

Le notizie sugli utili distolgono l’attenzione da Taiwan, mentre la BoE alza i tassi

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 05 Agosto 2022 (5 min di lettura)
Take 2

La Fed alza i tassi mentre gli Stati Uniti entrano in recessione tecnica, il FMI taglia le stime di crescita

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 29 Luglio 2022 (5 min di lettura)
Take 2

La BCE alza infine i tassi; gli Stati Uniti lanciano un piano infrastrutturale da $ 2,3 miliardi

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 22 Luglio 2022 (5 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris - Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.