Investment Institute
Outlook Annuale

Japan outlook – Recovery appears set to continue

  • 01 Dicembre 2022 (7 min di lettura)

Key points

  • Japan’s economy looks set to remain robust – we forecast GDP growth of 1.6%, 1.7% and 1.3% in 2022, 2023 and 2024 respectively
  • Wage pressures are rising and evidence of firms passing on cost increases are growing
  • We expect the BoJ to remain on hold in 2023, but positive shifts in pricing norms could see yield curve control adjusted in 2024
  • The next BoJ Governor expected in April 2023 could signal a shift in approach.

Recovery set to continue

The recovery of the Japanese economy looks set to continue. Growth should be supported by the delayed reopening of the economy from COVID-19 and a recovery in tourism, with the borders of the country now fully open to overseas visitors. The positive growth momentum will be tempered by slowing external demand – we expect recession in Europe and the US and below-trend growth in China in 2023. In 2024 we expect Japan to continue catching up to its pre-pandemic trend (Exhibit 10). We forecast GDP growth of 1.6%, 1.7% and 1.3% in 2022, 2023 and 2024 respectively (consensus 1.5%, 1.3% and 1.1%).

Growth continues to recover
Source: Refinitiv and AXA IM Research, 25 November 2022

Inflation spike to fade, but price pressures growing

Inflation is set to remain above the Bank of Japan’s (BoJ) target in the near term with a weak yen adding to inflationary pressures. Core Consumer Price Index (CPI) inflation (which excludes only fresh food) is on the rise and likely to peak this quarter. Government intervention is set to cap the increase in inflation in 2023 through additional subsidies on energy. Following this, we expect to see inflation fall in 2024, though companies becoming more willing to pass on price increases to their customers provides some upside risks. We expect CPI inflation to average 2.4% in 2022, 2.1% in 2023 and 1.3% in 2024 (consensus 2.3%, 1.6% and 1.0%). That said, the outlook is for inflation to fall back below the BoJ’s target, with having just risen above target due to extreme external pressure, and far short of elevated inflation across the globe.

Wage dynamics in Japan appear to be improving but do not yet suggest a significant shift in Japan’s pricing norms and spring wage negotiations will be key. Rengo, Japan’s largest Trade Union confederation, confirmed it will request a total pay increase of 5% but final results tend to come in below Rengo’s target – in 2022 Rengo aimed for total pay increase of 4% and achieved 2.2%.

BoJ: The last dove standing

The BoJ continues to emphasise wage growth as a necessary condition to changing its ultra-accommodative policy stance. This has remained the philosophy under Haruhiko Kuroda’s governorship, but things may change following the appointment of a new Governor in April 2023. Deputy Governor Masayoshi Amamiya and ex-Deputy Governor Hiroshi Nakaso are seen as frontrunners. Nakaso is widely seen as more in favour of reducing monetary stimulus and his appointment would raise the risk of a change in policy from Q3 2023 after the spring wage negotiations. We currently still do not expect the 2% inflation target to be achieved in a sustainable manner during our forecast horizon, but we expect the post-Kuroda BoJ to adjust the ultra-accommodative yield curve control (YCC) policy after taking into account recent inflation, shifts in expectations and a gradual rise in wages.

In terms of timing, we believe a decision to change BoJ policy is unlikely before the spring 2023 wage negotiations. But weaker global economic conditions could see the BoJ proceed cautiously and only tweak policy early in the following year when external conditions improve. In addition, we expect the BoJ to wait for clearer evidence that underlying inflationary pressures are growing and to see if core inflation remains above previous levels once the energy shock dissipates. We expect the BoJ to shift the YCC target of around 0% plus or minus 25 basis points (bps) on 10-year Japanese government bond yields to +/-40bps and to make this move in early 2024. Yet this is a finely balanced call and we see risks skewed to the BoJ remaining on hold throughout 2024.

Outlook 2023: documentazione completa

Per ulteriori dettagli, scarica l'intera documentazione "Outlook 2023" dei nostri esperti (in inglese).

Investment Institute

2023 Outlook

I nostri esperti condividono le loro opinioni sull'anno prossimo.

Scopri di più

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2023 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.