Investment Institute
La Parola a Tentori

Elezioni europee e francesi: e ora?

  • 25 Giugno 2024 (5 min di lettura)
PUNTI CHIAVE
La decisione del presidente Emmanuel Macron di indire elezioni anticipate in Francia, a seguito del risultato del voto per il Parlamento europeo, ha sollevato preoccupazioni sul potenziale impatto per la stabilità fiscale.
Le prospettive di mercato a breve termine saranno modellate dagli scenari elettorali, dai dati economici e dalle politiche delle banche centrali.
Tuttavia, il potenziale ampliamento degli spread nei mercati del credito potrebbe rappresentare un’opportunità d’investimento.

Alle elezioni del Parlamento europeo i partiti di destra e di centrodestra hanno ottenuto risultati significativi, spingendo il presidente francese Emmanuel Macron a indire elezioni anticipate. Ecco le valutazioni dei nostri esperti circa l’impatto sui mercati azionari e obbligazionari, le  prospettive politiche a breve termine e i potenziali scenari a lungo termine.


Incertezza e potenziale impatto sui mercati 

(Gilles Moëc, AXA Group Chief Economist)

La richiesta di elezioni anticipate ha introdotto un elevato grado di incertezza sulle future politiche macroeconomiche della Francia, in particolare in relazione alla politica fiscale. Questa incertezza ha avuto un impatto notevole sui mercati finanziari, con un aumento significativo dello spread sui rendimenti a 10 anni tra Francia e Germania. Di conseguenza, la Francia ora si trova vicino alla Spagna, allontanandosi dai soliti livelli.

Allo stesso tempo, i tassi di interesse globali a lungo termine sono diminuiti grazie alle notizie positive sull’inflazione statunitense. Nonostante lo spread tra i rendimenti francesi e tedeschi sia in aumento, i rendimenti assoluti non si sono ridotti in modo significativo, mantenendo un livello compreso tra il 3,1 e il 3,2% sui titoli a 10 anni, che non hanno esercitato un impatto significativo sull’economia francese o europea dal punto di vista della trasmissione macroeconomica.

Tuttavia, il settore bancario ha vissuto notevoli turbolenze, con le maggiori banche francesi che hanno assistito a una riduzione dal 10% al 15% del loro valore azionario nella settimana successiva all’annuncio delle elezioni. Questa correzione, sebbene in parte attribuita a una correzione della precedente forte performance, ha sollevato preoccupazioni circa il suo potenziale impatto sui prestiti al settore privato. Le stime della Banca di Francia suggeriscono che un tale calo del valore delle azioni potrebbe portare a una riduzione dei prestiti alle imprese e alle famiglie di circa 20 miliardi di euro, il che, a nostro avviso, avrebbe un impatto macroeconomico potenzialmente significativo.

Guardando alle prossime elezioni, i sondaggi indicano la mancanza di una chiara maggioranza per ciascuno dei blocchi politici concorrenti, compresa l’estrema destra, i centristi, e l’alleanza di sinistra. L’assenza di una maggioranza chiara indica la probabilità di un Parlamento sospeso, uno scenario che presenta sfide in termini di governance dato il sistema presidenziale maggioritario. Altri potenziali risultati includono la formazione di un governo provvisorio, una maggioranza di estrema destra o la vittoria di un’alleanza di sinistra, ciascuno con le proprie implicazioni per la politica fiscale e la stabilità del mercato.

L’incertezza che circonda i risultati elettorali e la conseguente struttura di governance ha sollevato preoccupazioni circa il potenziale impatto sulla stabilità fiscale e sulla traiettoria macroeconomica della Francia proprio mentre il paese, indipendentemente dall’esito elettorale, deve adottare significative misure fiscali correttive. La complessità della situazione, soprattutto in assenza di una maggioranza chiara, presenta sfide in termini di rispetto delle norme europee. Ciò ha implicazioni per la stabilità dell’unione monetaria europea e solleva interrogativi sul ruolo della Banca centrale europea (Bce) nella gestione degli spread elevati nel mercato obbligazionario: il ricorso agli acquisti da parte della Bce di titoli di Stato implica il rispetto del quadro fiscale europeo. Sia l’estrema destra che l’alleanza di sinistra lo respingono esplicitamente.

L’incertezza prevalente e il suo potenziale impatto sui mercati e sulla stabilità fiscale sottolineano la necessità di approcci pragmatici e soluzioni creative. Nonostante le incertezze, si prevede che le istituzioni e i processi fiscali proseguiranno, ma è probabile che la situazione generale rimanga volatile  per un periodo prolungato.


Ampliamento spread nel credito potrebbe essere opportunità 

(Chris Iggo, CIO, Core Investments)

Lo spread tra i titoli di Stato francesi e tedeschi si è stabilizzato tra 75 e 80 punti base dopo l’annuncio delle elezioni anticipate. Sebbene gli spread sulle obbligazioni societarie francesi si siano ampliati di circa 20-25 punti base, gli investitori hanno generalmente mantenuto una visione positiva sui mercati del reddito fisso, largamente influenzati dalle aspettative di ulteriori tagli dei tassi di interesse da parte della Bce.

L'incertezza derivante dall'esito elettorale potrebbe non riportare immediatamente lo spread ai livelli pre-elettorali, e il confronto con i livelli obbligazionari della Spagna suggerisce una posizione più appropriata per la Francia. Le prospettive di mercato a breve termine saranno modellate dagli scenari elettorali, dai dati economici e dalle politiche delle banche centrali. Nonostante i movimenti di mercato, non si registrano allarmi di rilievo sul mercato del credito, con fondamentali solidi a sostegno degli emittenti, in particolare nei settori finanziario, dei servizi pubblici e delle telecomunicazioni. Il potenziale ampliamento degli spread nel mercato del credito potrebbe rappresentare un’opportunità di acquisto se guidato dal sentiment piuttosto che dal deterioramento dei fondamentali. Inoltre, il mercato azionario francese ha sottoperformato rispetto ad altri importanti indici dall’annuncio delle elezioni anticipate.


Come l’Italia di sei anni fa... 

(Alessandro Tentori, CIO Europe)

Il contesto attuale richiama immediatamente il panorama politico italiano nel 2018. Durante quel periodo, l’Italia ha dovuto affrontare un parlamento diviso con il Movimento Cinque Stelle come fazione più numerosa e un’alleanza di centrodestra come gruppo più numeroso. Ciò ha portato alla formazione di un governo ibrido, il governo Conte 1, che univa il Movimento Cinque Stelle e la Lega di Matteo Salvini. Il governo ha dovuto affrontare sfide, tra cui il confronto di Salvini con le istituzioni europee sulle politiche di immigrazione e le preoccupazioni sulla stabilità fiscale dovute all'introduzione del reddito universale da parte del Movimento Cinque Stelle, che ha sostenuto costi significativi.

Il contrasto con la situazione attuale sotto il governo di Giorgia Meloni è notevole. L’Italia ha ora accesso a 230 miliardi di euro dal fondo Next GenerationEU, che tutti i partiti, in particolare Fratelli d’Italia di Meloni, sono ansiosi di gestire e investire. A differenza del 2018, i partiti sono fortemente incentivati ​​ad allinearsi all’agenda europea per accedere e utilizzare questi fondi. Questa differenza sottolinea l’impatto significativo dell’incertezza sul contesto politico ed economico.

Se il governo Meloni avrà ora maggiore flessibilità per perseguire la sua agenda politica, e se si discosterà dalla posizione attuale, dipenderà in parte dalla composizione della Commissione europea e dalla capacità dell’Italia di collocare sottocommissari in posizioni chiave, cosa sarà vista come una vittoria per l’attuale governo. Sul fronte della politica interna ritengo che tutto sia destinato a proseguire nella direzione stabilita negli anni precedenti. Ciò conferma che il Paese è soddisfatto di questo governo, nonostante debba fare marcia indietro su alcune questioni non direttamente legate alle istituzioni dell’Unione Europea (UE), in particolare nella politica estera e di immigrazione.


Aziende europee restano attraenti 

(Gilles Guibout, Head of European Equity Strategies) 

La reazione del mercato all’annuncio delle elezioni anticipate in Francia è stata probabilmente una risposta naturale, con gli investitori che inizialmente hanno ridotto i rischi in previsione di un risultato potenzialmente negativo. Ciò ha portato alla vendita di società fortemente esposte verso la Francia, in particolare quelle dipendenti dal mercato interno, come le banche e come Vinci ed Engie nel settore energetico. Tuttavia, questa reazione potrebbe essere stata eccessiva, poiché i risultati delle elezioni potrebbero avere impatti diversi, in particolare per quanto riguardano le tasse e il costo del lavoro sotto una diversa leadership politica.

Mentre alcune società potrebbero essere state eccessivamente colpite, ad esempio perché entrambe le parti vogliono nazionalizzare le autostrade, ci sono aspettative che alcune società, come Vinci e Lafarge, difficilmente verranno nazionalizzate a causa delle costose indennità che sarebbero dovute, e potrebbero addirittura schierare capitale fuori dalla Francia. La preoccupazione più comprensibile del mercato riguarda il settore bancario, che è altamente sensibile alle condizioni economiche e ai tassi di interesse. Fino a quando non ci sarà maggiore chiarezza sulla posizione del governo sul contenimento del deficit, si prevede che la volatilità del mercato persisterà. In risposta a ciò, abbiamo leggermente ridotto la nostra esposizione verso le banche, considerando selettivamente le società colpite dal calo indiscriminato del mercato.

La recente reazione del mercato ha bloccato gli afflussi che stavano iniziando ad arrivare nel mercato europeo, portando anche ad alcuni rimborsi. Tuttavia, le aziende europee rimangono attraenti grazie alla loro esposizione globale, con circa il 60% dei loro ricavi provenienti dai mercati globali e circa il 25% dal mercato statunitense. Sebbene esistano differenze tra le società, le imprese europee generalmente vengono scambiate a prezzi scontati rispetto ad altre di qualità simile, il che le rende un’opportunità di investimento potenzialmente interessante.

Azionario: il rischio politico pesa sugli indici europei
Fund Manager View Azioni

Azionario: il rischio politico pesa sugli indici europei

  • A cura di Gilles Guibout
  • 12 Luglio 2024 (5 min di lettura)
Fund Update
Vidéo: Rischio di credito - Aggiornamento (Webinar)
Mercati La Parola a Tentori

Rischio di credito - Aggiornamento (Webinar)

  • A cura di Alessandro Tentori
  • 09 Luglio 2024 (15 min di lettura)
Investment Institute
IA: più talenti neurodiversi per le aziende
Trend Futuri Tecnologia

IA: più talenti neurodiversi per le aziende

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 09 Luglio 2024 (3 min di lettura)
Investment Institute
Looking for some Glue
Mercati Viewpoint Chief Economist

Looking for some Glue

  • A cura di Gilles Moëc
  • 08 Luglio 2024 (10 min di lettura)
Investment Institute

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.