L’inflazione è qui per restare: opportunità nel mercato inflation-linked

  • 31 Marzo 2023 (7 min di lettura)

L’inflazione resta elevata e non ci lascerà nel breve periodo. I mercati finanziari continuano a sperimentare forti oscillazioni, dopo il sell-off provocato dal crack delle banche statunitensi Svb e Signature e le difficoltà del Credit Suisse. La banca centrale americana dovrà decidere se continuare la stretta monetaria o mettere in pausa i rialzi dei tassi. In questo contesto, anziché scegliere tra obbligazioni nominali e inflation-linked, potremmo puntare su una strategia che consenta un’allocazione flessibile su entrambe le componenti.

In un contesto di rafforzamento dei dati economici, l'inflazione ha iniziato a rallentare, anche se non tanto quanto auspicato dalle autorità monetarie. A febbraio e marzo il sentiment di mercato si è fatto più cauto mentre gli investitori consideravano la possibilità di una recessione nella seconda parte di quest'anno, con i tassi d'interesse che potrebbero continuare a salire più a lungo.

Ancora più di recente, le preoccupazioni per il settore bancario spingevano nettamente al ribasso i rendimenti dei titoli di Stato, al tempo stesso ampliando gli spread nei mercati del credito investment grade e high yield con l'aumento dei premi per il rischio sulle obbligazioni societarie.

Nel lungo termine le prospettive del reddito fisso sono migliorate, cosi come le opportunità di incrementare la resilienza e la diversificazione dei portafogli, approfittando di un entry point più favorevole. Il segreto starà nel considerare l’universo del reddito fisso in tutta la sua estensione, ricercando le migliori opportunità per navigare in un contesto di grande incertezza.

 

Banche centrali tra inflazione e rischio stabilità finanziaria

“Le banche centrali sono state preoccupate per la stabilità finanziaria, ma al tempo stesso stanno continuando ad alzare i tassi, con l’ultimo rialzo di un quarto di punto da parte della Fed”, commenta Jonathan Baltora, Head of Sovereign, Inflation and FX di AXA IM. “L’inflazione è troppo alta – aggiunge – e le banche centrali continueranno la stretta monetaria nonostante le preoccupazioni per il sistema finanziario”.

Evidentemente il sentiment nel settore bancario è stato offuscato, il che peserà sugli spread e sugli asset rischiosi. Ma è improbabile un rischio sistemico sull’interno sistema bancario, che possa materializzarsi, come in passato, in una fuga dei depositi.

Piuttosto, secondo il gestore uno stress del sistema bancario potrebbe prendere la forma del “credit crunch” del 2007. “Non ci aspettiamo che qualcosa del genere capiti nel prossimo futuro, tuttavia è un rischio e potrebbe accadere”, dice Baltora.

“Sto monitorando la situazione con un’attenzione a possibili segnali sul momento in cui devo aggiungere duration al portafoglio attraverso gli inflation-linkers”, spiega Baltora. “Non vediamo segni di crescita, anche se l’attività economica ha fatto bene da inizio anno, complice la riapertura della Cina, ma sarà abbastanza per evitare una recessione?”

 

Il momento dell’inflazione non è finito

L’inflazione primaria (headline) si è abbassata, ma l’inflazione core è rimasta persistentemente elevata.

“Quel che ci mostrano i grafici (qui sotto) – spiega Baltora – è che l’inflazione primaria sta scendendo. Tuttavia, quella core resta elevata e vicina al suo picco, quindi mi aspetto che il mercato guarderà all’inflazione dei servizi”. E negli Stati Uniti l’inflazione dei servizi è ancora troppo elevata.

 

Image

Fonte: AXA IM, Datastream. A solo scopo illustrativo

 

Le prospettive dell’inflazione a breve termine, tutt’altro che chiare, continuano a preoccupare gli investitori. In questo contesto, anziché scegliere tra obbligazioni nominali e inflation-linked, potrebbe valere la pena di considerare una strategia che consenta un’allocazione flessibile su entrambe le componenti.

AXA IM ha lanciato la strategia AXA WF Euro Inflation Plus basandosi sulla considerazione che il mercato delle obbligazioni legate all’inflazione, pur essendo enorme, non è molto conosciuto dagli investitori, spiega Baltora. “Se dovessi semplificare il tipo di processo che utilizziamo – aggiunge – direi che quando l’inflazione accelera possiamo aspettarci alti tassi d’interesse e quindi vogliamo comprare obbligazioni inflation-linked a breve scadenza, che hanno meno esposizione alla duration, catturano l’indicizzazione e sono meno sensibili ai tassi d’interesse; ma al contrario, quando l’inflazione decelera, vogliamo vendere obbligazioni inflation-linked a breve scadenza e comprare obbligazioni a lunga scadenza... e anche potenzialmente vendere breakeven”.

L’ambizione di questo Fondo, che investe in obbligazioni globali di Paesi sviluppati, è di battere l’inflazione e di essere flessibili. Il bello di questa strategia è che permette di investire sia in obbligazioni nominali che inflation-linked.

 

AXA WF Euro Inflation Plus: più duration in portafoglio

“Il messaggio chiave al momento – spiega il gestore – è che l’inflazione core è ancora molto elevata, ma non bisogna guardare all’inflazione come segno dello stato dell’economia, in quanto la corsa dei prezzi attuale è il risultato dell’attività economica dello scorso anno”.

Il grafico qui sotto mostra come il gestore ha gestito la duration dal lancio. Ora la duration del Fondo è appena sopra 2,5 anni su una scala da 0-5. A inizio marzo è stata aumentata con una preferenza per i mercati USA e UK dal momento che nell’area euro la Banca centrale europea potrebbe restare più “hawkish” perché l’inflazione core non ha ancora raggiunto il picco. “In questo momento vediamo valore nei rendimenti reali, per questo abbiamo aggiunto duration”, dice Baltora.

 

Image

Fonte: AXA IM front office data, UBS Delta, al 28/02/2023. A solo scopo illustrativo

 

Punti chiave

 

Image

Fonte: AXA IM, marzo 2023. A solo scopo illustrativo

Scopri le nostre strategie inflation

Per informazioni approfondite sui prodotti (performance, documenti correlati, ecc.), visita il nostro Fund Center.

Obbligazioni
AXA WF Euro Inflation Plus

Un fondo con l'obiettivo di battere l’inflazione dell’area euro.

Scopri di più
Obbligazioni
AXA WF Global Inflation Short Duration Bonds

Un fondo globale che mira a cogliere le opportunità nel mercato Inflation-linked diversificando tra regioni geografiche e scadenze.

Scopri di più

Ti potrebbe interessare

Guida ai Mercati

Rispunta l’inflazione: ci saranno meno tagli dei tassi?

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 15 Febbraio 2024 (5 min di lettura)
Obbligazioni

Tassi su di un altro quarto di punto: puntiamo su inflation-linked con duration breve

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 04 Agosto 2023 (5 min di lettura)
Obbligazioni

Inflazione: perché le obbligazioni inflation-linked sono ancora attraenti

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 09 Giugno 2023 (5 min di lettura)

    Rischi principali – AXA WF Euro Inflation Plus

    Rischio di credito: rischio per cui gli emittenti dei titoli di debito detenuti nel Comparto possano risultare inadempienti verso i propri obblighi o possano subire un declassamento del rating, il che comporterebbe una diminuzione del NAV del Comparto.

    Rischio di liquidità: rischio di livelli bassi di liquidità in determinate condizioni di mercato, che potrebbero costringere il Comparto ad affrontare difficoltà nel valutare, acquistare o vendere tutti/parte dei propri attivi e avere un impatto potenziale sul suo NAV.

    Rischio di controparte: rischio di default (insolvenza, bancarotta) di una delle controparti che comporterebbe un mancato pagamento o una mancata consegna.

    Impatto dell’uso di tecniche, come ad esempio gli strumenti derivati: alcune strategie di gestione comportano rischi specifici, come il rischio di liquidità, il rischio di credito, il rischio di controparte, il rischio di valutazione, il rischio legale, il rischio operativo e i rischi associati agli attivi sottostanti.

     

    Informazioni importanti

    I fondi menzionati fanno capo ad AXA WORLD FUNDS, SICAV di diritto lussemburghese UCITS IV approvata dalla CSSF, iscritta al "Registre de Commerce et des Sociétés" con numero B. 63.116, avente sede legale al 49, avenue J.F Kennedy L-1885 Lussemburgo, armonizzata ai sensi della direttiva 2009/65/CE le cui azioni sono ammesse alla commercializzazione in Italia. La Società è gestita da AXA Investment Managers Paris, società di diritto francese, con sede legale in Tour Majunga - La Défense 9 - 6, place de la Pyramide - 92800 Puteaux, iscritta al Registro delle imprese di Nanterre con il numero 353 534 506, e società di gestione di portafogli autorizzata dall’AMF con n. GP 92-008 in data 7 aprile 1992.

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.

    Contenuto riservato ad investitori professionali

    Questa sezione del sito potrebbe contenere informazioni non appropriate e di non immediata comprensione per gli investitori retail. Confermo di essere un investitore professionale, come definito dall'art. 35 della Delibera Consob n. 20307 del 15 febbraio 2018, di essere in possesso delle conoscenze e dell’esperienza di investimento necessarie associate a tale profilo.