Azionario: inizio anno in rally, attenzione a possibili revisioni degli utili

  • 10 Febbraio 2023 (5 min di lettura)

I mercati azionari hanno cominciato il 2023 in rialzo, dopo il calo di dicembre. I timori di una recessione sono stati spazzati via dopo che il Fondo Monetario Internazionale ha rivisto al rialzo le stime sulla crescita mondiale e la Cina ha annunciato a sorpresa la riapertura dell’economia. Ma attenzione, i warning sugli utili societari potrebbero portare a una pausa dopo il rally.

A gennaio, i mercati azionari hanno messo a segno un forte progresso, spinti da alcune buone notizie: il Fondo Monetario Internazionale ha rivisto le sue stime sulla crescita mondiale nel 2023, mostrando un quadro in miglioramento; i dati sull’inflazione continuano a indicare un rallentamento; la riapertura della Cina – che a sorpresa ha revocato tutte le restrizioni sanitarie – ha ulteriormente allontanato lo spettro della recessione facendo sperare in una forte ripresa dei consumi e quindi dell'economia. Buone notizie anche sul fronte del meteo dal momento che a gennaio l’inverno si è mostrato mite, contribuendo ad allentare notevolmente le tensioni sui prezzi dell'energia e sul futuro fabbisogno di approvvigionamento.

 

La stretta monetaria continua

Le banche centrali hanno messo in guardia il pubblico circa la loro volontà di proseguire con la stretta monetaria e gli avvertimenti su una possibile revisione degli utili societari si sono moltiplicati. Eppure, questi segnali sono stati appena sufficienti a moderare l’appetito degli investitori, riflettendo così il loro posizionamento (troppo?) prudente.

I mercati scommettono su una pausa a breve della stretta monetaria, ma le banche centrali sono impegnate a raffreddare l’economia per sconfiggere l’inflazione. La Banca centrale europea (Bce) in particolare è alle prese con due grossi problemi rispetto alla Federal Reserve (Fed): il primo è rappresentato dalla corsa dei salari, che rischiano di accelerare oltre la soglia del 3%, considerata pericolosa perché potrebbe alimentare pressioni inflazionistiche; il secondo è la qualità dell’inflazione, che soltanto per un terzo è controllabile dalla politica monetaria, mentre per due terzi è un’inflazione da offerta, legata agli shock sul prezzo dell’energia o a strozzature logistiche, quindi più difficile da spegnere alzando i tassi di interesse.

 

Forte rimbalzo di Piazza Affari

Nel corso del mese, il DJ Eurostoxx dividendi reinvestiti è rimbalzato del 9,31%. Tutti i settori hanno chiuso in positivo. Anche a Piazza Affari – dove l’indice Ftse Mib è rimbalzato del 12,24%, tutti i settori hanno registrato una performance positiva. Il consumo discrezionale, direttamente impattato dalla riapertura della Cina, la tecnologia, l’immobiliare e la finanza sono i settori che hanno messo a segno le migliori performance con rialzi di oltre il 10%. Al contrario, i settori della sanità e dell’energia sono rimasti in fondo, influenzati in particolare dal calo della divisa statunitense.  

Il rialzo ha portato vantaggi essenzialmente ai titoli a più grande capitalizzazione (large cap) che hanno beneficiato di un effetto di riallocazione, mentre i più piccoli (small cap) continuano a registrare una sottoperformance di più di di 5 punti nel corso del mese, come evidenzia l’indice Star che è salito solo del 5,38%.

In questo contesto, il nostro fondo AXA WF Italy Equity ha chiuso il mese in rialzo dello 7,97% per la Classe d’Azioni A EUR1 , quindi in forte progresso senza tuttavia pervenire a eguagliare la performance del mercato. Questo si spiega principalmente per la sua componente small cap dovuta allo status di fondo PIR, per la sottoperformance di titoli quali Diasorin, ma anche per l’assenza di esposizione a titoli come Ferrari, Moncler ma soprattutto Unicredit, la cui strategia finanziaria fatica ancora a convincerci.

 

Il focus resta sugli utili: possibile pausa in reazione a revisioni utili

Nelle prossime settimane, l’attenzione degli investitori continuerà ad essere puntata sugli annunci dei risultati societari annuali, che permetteranno di tastare il polso dell’economia reale.

Anche se finora i warning sugli utili nel complesso non hanno sortito effetto, non si deve escludere, dopo il forte rialzo di gennaio, che ciò possa portare a una pausa, o addirittura a un leggero ritracciamento. Se è vero che il quadro macroeconomico è migliorato in Europa, ci sembra che ciò rafforzi la prospettiva di un'ulteriore stretta monetaria. Di conseguenza, potrebbe essere difficile prevedere un'espansione dei multipli di valutazione, mentre allo stesso tempo è ancora troppo presto per prevedere una revisione generale delle previsioni sugli utili per il 2023.

Riteniamo più che mai importante mantenere una buona diversificazione. Restiamo fedeli alla nostra strategia d'investimento, concentrandoci su società che combinano la capacità di adeguare i prezzi, avere visibilità e/o prospettive di crescita attraverso l'esposizione a temi di lungo termine, nonché una solida struttura finanziaria.

Va inoltre considerato che la sottoperformance delle mid e small cap ha creato, secondo noi, delle opportunità. Continua ad essere un momento interessante per guardare ancora ai fondi PIR che hanno sofferto dei flussi negativi ma che possono offrire delle opportunità per chi vuole investire sul medio termine. Per chi volesse considerare una strategia d’accumulo, questo potrebbe essere il momento opportuno.

  • QVhBIElNIGFsIDMxIGdlbm5haW8gMjAyMy4gTGEgcGVyZm9ybWFuY2UgcGFzc2F0YSBub24gw6ggaW5kaWNhdGl2YSBkZWkgcmlzdWx0YXRpIGZ1dHVyaS4=

Visita il nostro Fund Center

AZIONI
AXA WF Italy Equity

Per ulteriori informazioni sul prodotto (performance, documenti correlati, ecc.), visita il nostro Fund Center.

Scopri di più

Ti potrebbe interessare

Azioni

Azionario: mercati data dependent, rassicurati da miglioramento eurozona

  • A cura di Gilles Guibout
  • 09 Maggio 2024 (5 min di lettura)
Azioni

Azionario: i mercati festeggiano la resilienza dell’economia e i tassi fermi

  • A cura di Gilles Guibout
  • 19 Aprile 2024 (5 min di lettura)
Azioni

Azionario: la buona salute delle imprese contribuisce al rialzo

  • A cura di Gilles Guibout
  • 14 Marzo 2024 (3 min di lettura)

    Informazioni importanti

    I fondi menzionati fanno capo ad AXA WORLD FUNDS, SICAV di diritto lussemburghese UCITS IV approvata dalla CSSF, iscritta al "Registre de Commerce et des Sociétés" con numero B. 63.116, avente sede legale al 49, avenue J.F Kennedy L-1885 Lussemburgo, armonizzata ai sensi della direttiva 2009/65/CE le cui azioni sono ammesse alla commercializzazione in Italia. La Società è gestita da AXA Investment Managers Paris, società di diritto francese, con sede legale in Tour Majunga - La Défense 9 - 6, place de la Pyramide - 92800 Puteaux, iscritta al Registro delle imprese di Nanterre con il numero 353 534 506, e società di gestione di portafogli autorizzata dall’AMF con n. GP 92-008 in data 7 aprile 1992.

    FTSE International Limited (“FTSE”) © FTSE 2022. FTSE® è un marchio di London Stock Exchange Plc e The Financial Times Limited ed è usato da FTSE su licenza. Tutti i diritti sugli indici FTSE sono attribuiti a FTSE e/o ai suoi licenziatari. Né FTSE né i suoi licenziatari accettano alcuna responsabilità per eventuali errori od omissioni negli indici FTSE o nei dati sottostanti. Non è consentita alcuna ulteriore distribuzione di dati FTSE senza l'espresso consenso scritto di FTSE.

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.

    Contenuto riservato ad investitori professionali

    Questa sezione del sito potrebbe contenere informazioni non appropriate e di non immediata comprensione per gli investitori retail. Confermo di essere un investitore professionale, come definito dall'art. 35 della Delibera Consob n. 20307 del 15 febbraio 2018, di essere in possesso delle conoscenze e dell’esperienza di investimento necessarie associate a tale profilo.