• AXA IM Italia
  • Azionario: inflazione e crescita più lenta frenano il rally

Azionario: inflazione e crescita più lenta frenano il rally

  • 14 Ottobre 2021 (5 min di lettura)

Per le banche centrali l’aumento dell’inflazione è un fenomeno transitorio, legato alla ripresa economica, e il tapering sarà graduale. Tuttavia, per i mercati ci sono segnali che alimentano la possibilità di un’inflazione più persistente. Le preoccupazioni per una crescita più lenta abbinata a un aumento dell’inflazione hanno riportato l’avversione al rischio.

 

Dopo sette mesi di rialzo ininterrotto, a settembre l’emergere di uno scenario di stagflazione (debole crescita economica abbinata a un aumento dell’inflazione) ha avuto la meglio sull’ottimismo degli investitori.

La crescita economica più lenta e le preoccupazioni per il settore immobiliare cinese stanno pesando sulle prospettive di utili per le società. Le interruzioni nelle catene di approvvigionamento, l’effetto “collo di bottiglia”, e l’aumento esponenziale dei prezzi dell’energia stanno alimentando la possibilità che l’inflazione sia meno transitoria del previsto, anche se le banche centrali hanno confermato che la riduzione del programma di riacquisto di asset (tapering) sarà graduale.

Un cocktail amaro ha portato gli indici in territorio negativo

Sui mercati finanziari, questo cocktail dal sapore amaro ha provocato un simultaneo calo dell’obbligazionario e dell’azionario. A settembre, il Ftse Italia All Share NT ha perso l’1,32%. Ad eccezione dei titoli finanziari e del petrolio, trainati rispettivamente dal rialzo dei tassi d’interesse e del prezzo del greggio, tutti gli altri settori hanno chiuso in calo.

Le utility e i tecnologici hanno registrato i maggiori ribassi, penalizzati dalla lunga durata e – nel caso delle utility – dalla volontà di alcuni governi di limitare l’aumento dei prezzi dell’energia elettrica per il consumatore finale (a scapito delle società).

Altro elemento degno di nota di questo aumento dell’avversione al rischio è la forte correzione subita dal mercato delle small e mid cap. L’indice Star è calato del 4,61% a settembre, anche se dopo la performance eccezionale messa a segno ad agosto (+7,77%).

In questo contesto, AXA WF Framlington Italy ha registrato una marcata flessione, penalizzato in parte dalla sua sottoesposizione a Eni e Unicredit, e in parte dalla componente di titoli a piccola e media capitalizzazione che rappresenta oltre il 20% del nostro portafoglio. Titoli come De Longhi, Labomar, CY4Gate, Datalogic, Antares Vision o anche Avio hanno lasciato sul terreno oltre il 10% – 20% e nel complesso il Fondo ha chiuso in calo del 3,53% per la Classe d’Azioni A EUR*.

Nel corso del mese abbiamo alleggerito le posizioni su Aquafil, Datalogic e Prysmian e, al contrario, abbiamo rafforzato CNH, Wiit e Mediobanca.

*AXA IM al 30 settembre 2021. La performance passata non è indicativa dei risultati futuri.

Lo stock picking come antidoto all’incertezza

Cosa ci aspettiamo per le prossime settimane? Segnali tangibili di rallentamento della ripresa economica in Cina e negli Stati Uniti potrebbero pesare sui mercati azionari, soprattutto perché le inquietudini sul livello dell’inflazione sembrano aumentare e le banche centrali mantengono la loro volontà di ridurre i programmi di riacquisto degli asset entro la fine dell’anno.

Le riunioni dei banchieri centrali continueranno a catturare l’attenzione degli  investitori che nelle prossime settimane le scruteranno alla ricerca del minimo segnale di un possibile cambiamento delle politiche monetarie. Anche i prossimi risultati trimestrali saranno esaminati per misurare l’impatto dell’aumento dei costi e di eventuali mutamenti nelle prospettive di crescita.

In questo contesto incerto, ci sembra quanto mai importante mantenere una buona diversificazione per poter far fronte a scenari diversi. Continuiamo ad essere selettivi nella scelta dei titoli e privilegiamo le società che offrono un reale potenziale di crescita del fatturato e/o dei margini, unica garanzia della capacità di generare risultati e pagare dividendi nel tempo.

Ti potrebbe interessare

Azioni

Azionario: mercati giù, pesano timori rallentamento economia

  • A cura di Gilles Guibout
  • 13 Settembre 2022 (3 min di lettura)
Azioni

Active ETFs: A paradigm shift for sustainable investing

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 02 Settembre 2022 (5 min di lettura)
Azioni

Il metaverso: un mercato troppo grande per essere ignorato

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 02 Settembre 2022 (5 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.

    Contenuto riservato ad investitori professionali

    Questa sezione del sito potrebbe contenere informazioni non appropriate e di non immediata comprensione per gli investitori retail. Confermo di essere un investitore professionale, come definito dall'art. 35 della Delibera Consob n. 20307 del 15 febbraio 2018, di essere in possesso delle conoscenze e dell’esperienza di investimento necessarie associate a tale profilo.