Le società a più piccola capitalizzazione prime per innovazione nell'economia digitale

  • 20 Gennaio 2022 (5 min di lettura)

In primo piano

  • L'importanza della trasformazione digitale è stata amplificata dalla pandemia
  • Tra i trend che vedono una crescente presenza di imprese di piccole dimensioni figurano il digital marketing e la cybersecurity
  • Se a questo aggiungiamo l'intensa attività sul fronte delle operazioni societarie, c'è di che essere ottimisti rispetto al potenziale di crescita a lungo termine delle imprese più piccole

Durante la pandemia di Covid-19, quasi tutte le società si sono trovate ad affrontare una serie di difficoltà – non ultima quella di come mantenere i rapporti con i clienti. Alcune aziende si sono concentrate nella migrazione della forza lavoro in un ambiente virtuale, altre hanno rinnovato i propri siti Internet e definito strategie specifiche per approfittare dello spostamento dei consumi dal mondo fisico alle vendite online, ma in tutti i casi una cosa è chiara: le società che non hanno accolto la trasformazione digitale sono rimaste indietro.

Le società meno digitalizzate hanno sempre più investito nelle tecnologie necessarie per adeguarsi al cambiamento, altre hanno fatto lo stesso per migliorare la propria presenza online, andando incontro ai propri clienti. Allo stesso tempo, in questa nuova età digitale stanno emergendo imprese con prodotti e servizi volti a soddisfare le ultimissime preferenze di consumo.

Lo sviluppo delle società a più piccola capitalizzazione nell'era post-Covid

Sebbene vi sia ancora qualche incertezza rispetto agli impatti a lungo termine della pandemia, vediamo che diverse piccole imprese – società quotate con un valore di mercato fino a 25 miliardi di dollari - non solo riescono a sopravvivere, ma addirittura a prosperare, in questa economia sempre più digitale. Ecco di seguito un elenco di alcuni dei principali trend accolti da queste imprese innovative:

  • Uso di strumenti di digital marketing per attrarre clienti

La spesa nei consumi online nel 2020 è ammontata a 844 miliardi di dollari, con un incremento del 42% rispetto al 2019. Il trend è proseguito anche nel 2021, con una spesa online di 541 miliardi di dollari tra gennaio e agosto, il 9% in più rispetto allo stesso periodo del 2020 e il 58% in più rispetto allo stesso periodo del 20191 .

Motori di ricerca, pubblicità online e social media sono strumenti digitali sempre più potenti per attirare, coinvolgere e incoraggiare i clienti ad acquistare prodotti e servizi online. La spesa globale per pubblicità digitale (su computer, smartphone, tablet e device connessi a Internet) ha superato la spesa per spot non digitali (televisione, stampa e radio) per la prima volta nel 2019, e dovrebbe salire a 645 miliardi di dollari nel 2024 (contro 306 miliardi di dollari per pubblicità non digitale)2 .

Ciò ha indotto numerose aziende a rivolgersi all'esterno per un supporto nel digital marketing, un'area che richiede competenze molto più specialistiche rispetto al marketing tradizionale. Per esempio, Sprout Social offre un unico hub con soluzioni di social media engagement, pubblicazione e analisi di tutti i profili social dei propri clienti. Tra i clienti di Sprout Social c'è TUI, uno dei principali brand del Regno Unito nel settore viaggi, che ha visto quasi quadruplicare il numero di messaggi ricevuti tra febbraio e marzo 2020, a fronte dei crescenti timori per le restrizioni agli spostamenti. Grazie alla casella di posta Sprout Smart, il team di servizio al cliente TUI ha potuto organizzare la inbox per priorità, taggando, filtrando e nascondendo i messaggi completati, e procedendo parallelamente al monitoraggio dei dati sull'engagement. In tre mesi sono riusciti a rispondere a più di 500.000 richieste di informazioni di clienti con un team remoto di 61 unità.

Le aziende che vogliono crescere in questo ambito trovano un valido aiuto anche in HubSpot, una piattaforma dedicata alla gestione delle relazioni con il cliente. Utilizzato nei blog, per contenuti YouTube o per un profilo Instagram, il software HubSpot è un efficace aiuto alle aziende nella gestione delle operazioni di vendita e marketing.

  • Misure di cybersecurity per proteggere aziende e clienti

La crescente interconnessione della nostra vita professionale e privata ha fatto aumentare il rischio di attacchi informatici, una situazione che sembra destinata a persistere. Le società di beni di consumo, che operano su supply chain connesse e gestiscono volumi elevati di dati sensibili sui consumatori, sono particolarmente vulnerabili. L'investimento in misure di protezione è essenziale per qualunque azienda voglia mantenere la fiducia dei consumatori e, in ultima analisi, tutelare la propria reputazione.

Image

Tra le società che operano in questo ambito figura ad esempio Darktrace, che offre una piattaforma completa di cyber defence per la sicurezza del cloud, delle e-mail, dei sistemi di IoT, delle reti tradizionali, degli endpoint e dei sistemi industriali. La piattaforma utilizza una tecnologia di intelligenza artificiale (AI) di autoapprendimento che, anziché partire dai dati esistenti per la prevenzione di una minaccia, apprende “in corso d’opera” dai dati che emergono in tempo reale. Non essendo basata solo sui dati storici, la tecnologia di autoapprendimento, applicata alla cybersecurity, è in grado di individuare e bloccare gli attacchi dal giorno zero.

Rapid7 offre invece una gamma di soluzioni di analisi e gestione dati per consentire ai suoi clienti di prevenire gli attacchi grazie alla maggiore visibilità delle aree vulnerabili, rilevando piattaforme violate o compromesse e risolvendo le cause sottostanti dei cyberattacchi.

  • Il segmento Dati & Enabler offre strumenti per migliorare la presenza digitale dei brand

Dall'inizio della crisi del Covid-19, le strategie di comunicazione digitale delle imprese hanno avuto in media un'accelerazione di sei anni per riuscire a far fronte alla crescente domanda di servizi online3 . Per rendere efficiente il processo di digitalizzazione, le imprese si sono per lo più rivolte a fornitori esterni esperti in tecnologie digitali, nel comparto definito Dati & Enabler. Ecco qualche esempio di questi enabler che mettono a disposizione strumenti, tecnologia e competenze per consentire la migrazione verso i canali digitali, supportando l'adozione da parte delle aziende di strategie di tipo ‘digital-first’:

Five9, un fornitore di software per contact center per il cloud, che ha recentemente siglato una partnership con Google Cloud per offrire ai propri clienti una soluzione di agente vocale virtuale in grado di comprendere le domande più frequenti sul coronavirus e di fornire risposte specifiche - che si aggiornano facilmente in base all'evolversi della crisi sanitaria.

New Relic è un fornitore di software-as-a-service incentrato sul monitoraggio della performance e della disponibilità. I tool di New Relic consentono di conoscere i dati di performance, sia storici che in tempo reale, e di valutare l'affidabilità delle applicazioni web e mobile.

Le società più piccole in testa per crescita e innovazione

L'evoluzione digitale non è stata un fenomeno improvviso. Se è vero che nel 2020 alcune decisioni sono state prese in modo affrettato per consentire alle imprese di non interrompere la loro operatività, continuano a esserci numerose opportunità che prevediamo possano svilupparsi nel tempo, man mano che le aziende cercheranno di introdurre sistemi e tecnologie capaci di consentire la continuità aziendale e la crescita.

Le operazioni societarie, sia in termini di fusioni e acquisizioni (M&A) che di quotazioni in borsa, negli ultimi anni hanno evidenziato un certo dinamismo. Darktrace è quotata sul FTSE 250 da aprile 20214 , mentre ProofPoint, azienda specializzata in sistemi di enterprise security, è stata acquisita nello stesso mese dalla società di private equity Thoma Bravo, e torna così ad essere un'impresa a capitale privato5 . La piattaforma per comunicazioni su cloud Twilio ha portato a termine diverse operazioni societarie negli ultimi due anni, non ultima l'acquisizione, per 3,2 miliardi di dollari, di Segment, una software house specializzata in sistemi per il tracciamento e la gestione dei dati sui clienti6 .

Nel loro insieme, questi fattori a nostro avviso fanno ben sperare per il potenziale di crescita a lungo termine delle piccole e medie imprese – sia in termini di stimolo dell'attività di M&A da parte di grandi gruppi, sia con lo sviluppo di soluzioni innovative in risposta agli ultimi trend di consumo, in un'economia digitale in costante crescita. 

AXA WF Framlington Digital Economy: accesso alle società che anticipano i cambiamenti

La nostra strategia AXA WF Framlington Digital Economy identifica e investe nelle società che stanno anticipando questi cambiamenti e che contribuiscono all’intera creazione del valore nell’economia digitale, dalla scoperta del prodotto o del servizio fino alla consegna. Il nostro fondo cerca inoltre di investire in società che svolgono un ruolo di “facilitatori” per le imprese di tipo tradizionale che vogliono entrare nell’economia digitale. Il focus è solo su aziende nelle quali vediamo chiari segni di successo commerciale e adozione mainstream di prodotti o servizi.

Il grafico qui sotto mostra il breakdown dei sottotemi in cui investiamo e il loro peso in percentuale:

Image

Fonte: AXA IM al 30 novembre 2021. Solo a scopo illustrativo.

Tre motivi per investire in AXA WF Framlington Digital Economy:

  1. Per avere accesso al potenziale di crescita a lungo termine del mercato in rapida espansione della Digital Economy.
  2. Per ottenere esposizione a un universo diversificato e in crescita.
  3. Per avere i vantaggi di un approccio gestito attivamente e privo di vincoli.
  • Adobe Digital Economy Index: eCommerce hits new milestone – Online prices continue to rise, Adobe, 15 settembre 2021
  • How the pandemic changed worldwide ad spending, eMarketer, 17 maggio 2021
  • COVID-19 Digital Engagement Report, Twilio, 15 luglio 2020
  • London Stock Exchange welcomes Darktrace to the premium segment of the main market, London Stock Exchange, 30 aprile 2021
  • Thoma Bravo completes acquisition of Proofpoint, Thoma Bravo, 31 agosto 2021
  • Twilio acquires Segment, the market-leading customer data platform, Twilio, 2 novembre 2020

Ti potrebbe interessare

Azioni

Webinar con Mark Hargraves - 13 gennaio 2022

  • A cura di AXA Investment Managers , Mark Hargraves
  • 13 Gennaio 2022 (15 min di lettura)
Azioni

Evolving Trends: i temi su cui puntiamo nel 2022

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 14 Gennaio 2022 (5 min di lettura)
Azioni

Azionario: pesa la paura di un’escalation della guerra, le trimestrali non bastano

  • A cura di Gilles Guibout
  • 06 Maggio 2022 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. La performance passata non è indicativa dei risultati futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA Investment Managers Italia SIM S.p.A., Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, iscritta al n. 210 dell’albo delle SIM tenuto dalla CONSOB www.consob.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.

    Contenuto riservato ad investitori professionali

    Questa sezione del sito potrebbe contenere informazioni non appropriate e di non immediata comprensione per gli investitori retail. Confermo di essere un investitore professionale, come definito dall'art. 35 della Delibera Consob n. 20307 del 15 febbraio 2018, di essere in possesso delle conoscenze e dell’esperienza di investimento necessarie associate a tale profilo.