Investment Institute
Tecnologia

ChatGPT in classe: come cambierà la scuola?

  • 11 Gennaio 2024 (7 min di lettura)

Inizialmente i prodotti d’intelligenza artificiale come ChatGPT venivano guardati con sospetto dagli insegnanti, in quanto potenzialmente utilizzabili dagli studenti per imbrogliare, facendo i compiti al posto loro. Ora sembra che qualcuno stia pensando di farli entrare nelle classi americane. L’ingresso degli algoritmi in molte professioni sta già avvenendo. Cerchiamo di capirne di più.

Per anni siamo stati convinti che la robotizzazione avrebbe sostituito solo i lavori manuali ripetitivi: cassiere, receptionist, trasportatori, magazzinieri, operai alla catena di montaggio e così via. Poi è arrivato qualcosa che ha cambiato le carte in tavola. L’intelligenza artificiale generativa, o Generative AI. Ciò a cui stiamo assistendo oggi è l’ingresso degli algoritmi nelle professioni tecnico-creative: designer, artisti, giornalisti, programmatori, photo editor, videomaker. Territori fino a ieri riservati agli umani.

Ora si parla addirittura di utilizzare l’intelligenza artificiale generativa nelle scuole. OpenAI – la società che ha sviluppato ChatGPT – ha fatto sapere che sta esplorando il modo di introdurre ChatGPT nelle classi. In una conferenza a San Francisco, un rappresentante dell’azienda ha dichiarato che si stanno studiando soluzioni sulle possibili applicazioni della tecnologia al sistema educativo. 

Da parte del produttore c’è indubbiamente il desiderio di mettere le mani su un settore lucrativo: la spesa per l’istruzione globale potrebbe raggiungere i $10 trilioni entro il 2030, secondo stime dell’australiana azienda di ricerca HolonIQ. Ma è pur vero che il chatbot, che è subito diventato una delle applicazioni a più rapida crescita al mondo, con più di 180 milioni di utenti globali, è già stato provato dagli studenti e potenzialmente può essere usato per imbrogliare gli insegnanti, a cominciare dalla redazione di contenuti. L’applicazione infatti è in grado addirittura di scrivere un intero romanzo.

Si tratterebbe dunque di trovare il modo di usarlo in modo controllato da chi insegna. Secondo un ex dipendente di OpenAI, ci sarebbero molti modi di utilizzare ChatGPT a scuola. Per gli studenti, può fare da tutor e può creare contenuti a seconda degli stili d’apprendimento. Per gli insegnanti, può aiutare nella redazione dei programmi scolastici o essere un aiuto nel lavoro in classe.

 

Che cos’è l’AI Generativa?

L’intelligenza artificiale generativa è costituita da un insieme di tecnologie “deep learning” in grado di utilizzare contenuti esistenti per crearne di nuovi: audio, video, immagini, testo, codice e così via. Il sistema GPT-3, sul quale è nato ChatGPT, è stato addestrato con 45 terabyte di testo, che rappresentano le fonti del chatbot nell’elaborazione dei suoi contenuti. ChatGPT può generare testi, poesie e canzoni che non sono originali, ma rappresentano la rielaborazione di milioni di fonti. Idem per DALL-E, che può produrre immagini iper-realistiche “pescando” in un database con 650 milioni di foto e “fondendole” con la tecnica diffusion model.

 

I numeri di ChatGPT

Stando agli ultimi dati disponibili, ChatGPT ha attualmente circa 180,5 milioni di utenti globali. Nel mese di ottobre, l’anno scorso, il sito ha registrato 1,7 miliardi di visitatori. E nel 2028 il chatbot di OpenAI (che appartiene per il 49% alla Microsoft) potrebbe vantare un giro d’affari di $39 miliardi di fatturato, secondo stime di S&P Global Market Intelligence.

 

Image

Fonti: OpenAI, Reuters 2023

             

Quale uso se ne fa?

Da quando è stato messo sul mercato, gli utenti lo hanno utilizzato per svolgere diversi compiti, dalla scrittura di e-mail al miglioramento del curriculum fino alla creazione di un business. Inoltre, la  tecnologia si è evoluta: un anno fa esisteva solo una versione gratuita di ChatGPT mentre oggi c’è anche ChatGPT Plus, versione a pagamento che fornisce un chatbot AI più aggiornato.

L’AI generativa è destinata a cambiare in grande stile la nostra vita personale e lavorativa. In azienda può ottimizzare processi e prodotti, analizzare i big data, migliorare la customer experience, personalizzare ulteriormente marketing e advertisement (cosa che già avviene da tempo). Rappresenterà insomma una “spalla” robotica che dovrebbe aiutarci nel lavoro quotidiano: scrivere e mandare mail, creare presentazioni o nuovi prodotti, effettuare una prima scrematura nella selezione di candidati per un posto di lavoro, mettere a punto farmaci, etc. E ridurre i costi, magari assieme agli orari di lavoro, degli umani.

 

Un successo rapido

Il trionfo del chatbot di OpenAI rappresenta solo la punta dell’iceberg di una tecnologia davvero rivoluzionaria, come ha chiarito lo stesso Bill Gates: qualcosa di simile per portata innovativa al Pc, a internet o agli smartphone. Il suo iniziale successo è stato sorprendente per la rapidità. In appena cinque giorni, ChatGPT ha superato il milione di user, surclassando i passati record di crescita verticale dei social (anche quelli nuovi come TikTok).

 

Image

Fonte: Statista, 2022

 

AI e i colossi della Silicon Valley

Anche Big Tech si è lanciata nella nuova corsa all’oro. Microsoft brilla per attivismo: oltre a staccare assegni multimiliardari per le migliori startup, schiera in attacco il vecchio guru Bill Gates, che sempre più spesso si concede un po’ di ferie dalla filantropia per occuparsi di progetti AI. Vista la situazione, Google ha richiamato in servizio i fondatori Larry Page e Sergey Brin (secondo diversi analisti l’AI generativa potrebbe rubare una bella fetta di mercato ai motori di ricerca). Ma c’è anche Amazon, che segue con interesse l’image generation di Stability, mentre Hugging Face (valutata due miliardi) fornisce tools per Meta e Intel. Di recente Google ha poi annunciato lo sbarco dell'intelligenza artificiale generativa nei prodotti dell’ambiente Workspace, da Search a Maps, da Gmail a Docs.

 

Quali sono i rischi dell’AI generativa?

Ma attenzione, perché la potenza di fuoco dell’intelligenza artificiale ha ovviamente il suo rovescio della medaglia. I temi scottanti sul piano etico e sociale non mancano. In Italia il Garante della Privacy ha bloccato ChatGPT per raccolta illecita di informazioni personali e assenza di sistemi per la verifica dell’età dei minori. Poi c’è il problema della violazione del diritto d’autore, con Getty Images che ha denunciato Stability per utilizzo illegittimo di milioni di immagini coperte da copyright. Ma ci sono anche le class action (cause collettive) di sviluppatori software contro OpenAI e Microsoft, che non avrebbero tenuto a bada la “copiatura creativa” di codice da parte di ChatGPT. Poi c’è il tema della privacy. E quello, potenzialmente molto pericoloso, dell’utilizzo della AI generativa per distorcere la realtà. Sia con testi che con immagini generati dagli algoritmi.

Le società citate sono a solo scopo illustrativo, dati al 31/12/2023. Esse non costituiscono in nessun modo una ricerca in materia di investimenti o un'analisi relativa a operazioni su strumenti finanziari, né costituiscono un'offerta di acquisto o di vendita di investimenti, prodotti o servizi, e non devono essere considerate una sollecitazione o una forma di consulenza legale, fiscale o in materia d’investimento, la raccomandazione di una strategia d’investimento o una raccomandazione personalizzata ad acquistare o vendere titoli. 

Ti potrebbe interessare

Tecnologia

L’adozione dell’IA spinge il settore tecnologico in Borsa

  • A cura di Chris Iggo
  • 27 Febbraio 2024 (5 min di lettura)
Tecnologia

Tecnologia: dalle miniere agli smartphone, i rischi per i diritti umani

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 23 Febbraio 2024 (7 min di lettura)
Tecnologia

Black Friday e Cyber Monday: i consumatori spendono grazie alla tecnologia

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 13 Dicembre 2023 (5 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.