Investment Institute
Demografia

Sostenibilità: come cambiano i consumi dei senior nell’epoca del climate change

  • 01 Giugno 2022 (5 min di lettura)

A sorpresa i nonni si ritrovano in prima linea (assieme ai nipoti) nei comportamenti ecosostenibili. Spingendo la “Silver Economy”, con il suo enorme peso, a fare davvero la differenza nella lotta al cambiamento climatico.

Tra i paladini più accesi dell’ambiente non ci sono solo i giovani. Accanto ai coetanei di Greta Thunberg, in prima linea nella lotta al climate change combattono milioni di “pantere grigie” che potrebbero tranquillamente essere i nonni della ragazza svedese simbolo dell’attivismo green. Anzi, secondo alcune fonti, gli ecoguerrieri più indomiti sarebbero proprio quelli della silver generation. Una ricerca condotta in Gran Bretagna dal King’s College di Londra e da New Scientist, per esempio, rivela che proprio i “Baby Boomers” (i nati dal 1946 al 1964) sono al primo posto nel voler cambiare il proprio stile di vita per combattere il cambiamento climatico e preservare la biodiversità. Precedono persino i loro nipoti della Generazione Z, i giovani dalla classe 1997 in poi come Greta Thunberg.

Quella per l’ambiente è infatti un’attenzione trasversale, senza età: come spiega Robert Duffy, direttore del Policy Institute del King’s College di Londra, i temi ecologici stanno creando una forte connessione tra generazioni molto distanti tra loro, con gli anziani preoccupati per il mondo che lasceranno ai nipoti.

 

Una silver generation di eco-guerrieri

Anche la rivista Nature conferma la sensibilità dei “silver” per la sostenibilità: un maxisondaggio condotto su 88mila persone ha mostrato una spiccata coscienza ecologica proprio tra le persone anziane, più propense a vivere immerse nella natura (non dimentichiamoci che sono state giovani negli anni Sessanta-Settanta, quelli degli hippies) e a modificare i loro stili di vita per preservare l’ambiente. Il che è curioso, nota Nature, perché - considerata l’età avanzata - le generazioni “silver” sarebbero le meno colpite in prima persona dai cambiamenti climatici dei prossimi decenni.

Lo stesso Pew Research Center, noto think tank di Washington, ha condotto un sondaggio in 23 Paesi scoprendo che solo in quattro di essi (Stati Uniti, Francia, Australia e Filippine) i giovani sono i più preoccupati per l’ambiente: negli altri 19 Stati la coscienza green si “spalma” senza differenze su tutte le generazioni, dai teenagers ai pensionati.

 

Image

Fonte: sondaggio The Policy Institute-King’s College London

 

La potenza della silver economy

Perché la sensibilità ecologica della Terza età è così importante? Semplice: perché gli anziani - oltre che essere sempre più numerosi soprattutto nei Paesi ricchi - sono consumatori dalle grandi disponibilità economiche. Secondo una ricerca di Confindustria, in termini monetari il valore generato dalla cosiddetta Silver Economy tocca i 7.600 miliardi di dollari l’anno nei soli Stati Uniti e arriva a 15.600 miliardi di dollari a livello globale, ovvero al valore del Pil di una ipotetica terza superpotenza mondiale che tallona da vicino Stati Uniti e Cina. In Italia, poi, la domanda generata direttamente dagli over 65 è di circa 200 miliardi di euro, quasi un quinto dell’intero ammontare dei consumi delle famiglie residenti, ed è destinata a crescere a quota 25% entro il 2030 e al 30% entro il 2050.

Se una Silver Economy di queste dimensioni riuscisse a virare con decisione verso stili di vita e di consumo sostenibili, potrebbe davvero fare la differenza nella lotta al climate change. Il peso economico degli anziani, infatti, è molto più rilevante di quello dei giovani. Ci sono già segnali tangibili: sempre in Gran Bretagna una ricerca commissionata da Company Shop Group, società che distribuisce eccedenze alimentari per non buttarle, mostra una maggior sensibilità degli over 55 al tema del “non gettare gli avanzi” rispetto a giovani ben più schizzinosi.

Anche oltreoceano il 70% degli americani ammette di essere diventato attento ai consumi sostenibili con il passare degli anni, rivela un sondaggio compiuto da OnePool su un campione di duemila cittadini statunitensi. Mentre in Italia uno studio condotto in Lombardia dall’Università Statale di Milano e dall’Ente Nazionale Energie Alternative, pubblicato su Science Direct, suggerisce che la fascia di popolazione più anziana (over 78 anni) è attenta a minimizzare gli sprechi di acqua e di elettricità, ma probabilmente più per motivazioni di carattere economico che ambientale.

La strada verso l’adozione generalizzata di stili di vita sostenibili è ancora lunga, insomma, e per arrivare al traguardo è indispensabile che tutte le generazioni continuino a dialogare e a informarsi. Mantenendo scelte e comportamenti “green” al centro della loro vita quotidiana.

Ti potrebbe interessare

Demografia

Perché il 2030 sarà un momento cruciale per l'economia della longevità

  • A cura di Peter Hughes , Stephen Kelly
  • 13 Luglio 2022 (5 min di lettura)
Demografia

L’avvento delle megacittà: sette cose da sapere sui luoghi dove vivremo nel futuro

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 25 Maggio 2022 (5 min di lettura)
Demografia

Inflazione e disoccupazione post Covid: doppio colpo basso a Gen Z e Millennials

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 04 Aprile 2022 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris - Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.