Investment Institute
Sociale

Tempo di crisi: quale impatto sulla finanza sostenibile

  • 07 Aprile 2022 (3 min di lettura)

L'impatto degli anni della pandemia non poteva non riguardare anche la finanza sostenibile e la percezione che di essa hanno i risparmiatori. Il tema è stato al centro dell'ultima edizione della Settimana SRI promossa dal Forum per la Finanza Sostenibile. Da qui occorre partire per affrontare le sfide del futuro.

È una domanda che in questi due anni probabilmente ci siamo fatti tutti: in che modo la pandemia di Covid-19 avrà cambiato le nostre vite? Una questione che vale ovviamente anche per le scelte d'investimento e che il Forum per la Finanza Sostenibile (FFS) ha affrontato durante la Settimana SRI 2021.

 

Image

Fonte: Finanza sostenibile in tempo di crisi: la percezione dei risparmiatori, Doxa-Forum per la Finanza Sostenibile, Settimana SRI 2021 

 

Cosa è già cambiato. Cosa potrebbe cambiare

"Finanza sostenibile in tempo di crisi: la percezione dei risparmiatori" è il titolo dello studio presentato nell'occasione da FFS in collaborazione con BVA Doxa. L'obiettivo era quello di indagare se e in che misura comportamenti e scelte di risparmio e investimento degli italiani, con particolare riferimento alla finanza sostenibile e responsabile (SRI), sono stati influenzati dalla prolungata emergenza sanitaria. Lo studio si è basato su interviste a un migliaio di risparmiatori, il 18% dei quali già investitori in prodotti finanziari SRI. Ne è emerso che la pandemia non solo ha già avuto un impatto importante, ma potrebbe continuare a influenzare gli orientamenti dei risparmiatori anche nei prossimi anni.

Una delle evidenze più significative dello studio ha riguardato l'incremento dello spazio che con la pandemia i risparmiatori hanno riservato, all'interno dei propri investimenti, a quelli SRI: un terzo abbondante degli intervistati (35%) ha infatti dichiarato di aver accresciuto la quota di investimenti SRI dall'inizio della pandemia. Inoltre, un'ampia maggioranza (57%) ha risposto che, pur non avendolo fatto, pensa di aumentare la quota dei propri investimenti SRI in futuro. Solo una piccola parte (8%) ha invece affermato di non averlo fatto e di non essere interessata a farlo.

Questi risultati sono da leggere in combinazione con quelli sulla rilevanza che i risparmiatori assegnano ai temi ESG (ambientali, sociali e di governance) quando si tratta di scegliere come e dove investire. Già allo stato attuale, secondo la fotografia scattata dallo studio, i risparmiatori che ritengono che i temi ESG siano abbastanza (61%) o molto (21%) importanti rappresentano, se considerati insieme, la larghissima maggioranza. Ma l'impatto della situazione legata al Covid-19 sembra destinato a influire ancor più positivamente, cioè a favore della sostenibilità, nel prossimo futuro: quasi la metà (48%) degli intervistati, infatti, crede che per via della pandemia l'attenzione di cittadini, imprese e istituzioni verso le tematiche ESG aumenterà. Solo il 12% pensa invece che l'effetto sarà nel senso di una diminuzione. Per il restante 40%, suddivisi quasi equamente tra chi crede che l'attenzione sia già alta (19%) e chi al contrario crede che l'attenzione sia bassa (21%), non dovrebbe cambiare nulla.

 

Settori più (e meno) attrattivi

Lo spostamento nelle preferenze dei risparmiatori è forse ancora più evidente se si osserva la percezione che essi hanno di quali settori economici, per effetto dell'emergenza sanitaria, sono destinati a diventare più attrattivi dal punto di vista degli investimenti.

Anche in questo caso i rispondenti che credono che le vicende legate al Covid-19, e alla conseguente crisi economica, abbiano modificato l'attrattività di alcuni settori sono in larga maggioranza (56%). La loro opinione sui settori potenzialmente più attrattivi nel post-pandemia (era possibile una risposta multipla) è piuttosto netta: saldamente in testa, infatti, sono risultati i due settori che la pandemia ha sollecitato di più, quello farmaceutico (65%) e quello sanitario (63%). In terza posizione il settore tecnologico/digitale (56%), anch'esso in grande evidenza durante la pandemia (basti pensare alla crescita esponenziale, specie nei periodi di lock down, dello smart working e della didattica a distanza). A seguire il settore energetico (35%), la mobilità elettrica (28%), l'immobiliare (21%), l'agroalimentare (19%) e le infrastrutture (12%).

 

Le sfide del post-pandemia

Comprendere e gestire l'impatto della pandemia sarà una delle questioni centrali per la finanza sostenibile nei prossimi anni. Nella giornata conclusiva della Settimana SRI, FFS (che ha raggiunto una base associativa di 130 membri, fra i quali figura AXA Investment Managers) ha indicato da una parte quelle che valuta siano le principali sfide future per la finanza sostenibile, dall'altra le strategie di azione che ritiene più efficaci per affrontarle. Considerazioni che nel loro insieme offrono indicazioni sull'evoluzione che la finanza sostenibile potrebbe seguire negli anni della post-pandemia, in Italia e a livello internazionale.

Tra le sfide principali figurano: aumento di operatori e masse gestite che integrano criteri ESG; contrasto al greenwashing; analisi della transizione ecologica in termini di costi e opportunità per gli investitori.

Le strategie d’azione sono suddivise in quattro aree: la ricerca, per esempio attraverso il rafforzamento della collaborazione tra operatori finanziari e mondo accademico; l'educazione finanziaria e la comunicazione della finanza sostenibile a un pubblico sempre più ampio; la facilitazione di iniziative di engagement collaborativo; il monitoraggio dell'evoluzione normativa che riguarda il settore e il rafforzamento delle attività e delle relazioni a livello europeo e internazionale.

Ti potrebbe interessare

Sociale

Quattro ragioni per cui il social investing spingerà la sostenibilità

  • A cura di Anne Tolmunen
  • 21 Ottobre 2022 (5 min di lettura)
Sociale

Ripartire dai diritti umani

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 25 Agosto 2022 (3 min di lettura)
Sociale

Scuola e impresa possono cambiare la vita – e offrire opportunità per gli investitori

  • A cura di Anne Tolmunen , Caroline Moleux
  • 25 Maggio 2022 (7 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.