Investment Institute
Ambiente

L’impatto della crisi ucraina sul cambiamento climatico

  • 06 Giugno 2022 (10 min di lettura)

Quale impatto ha la guerra sulla corsa al net zero

  • L’invasione della Russia in Ucraina ha provocato un grande scombussolamento sui mercati energetici e ha accelerato l’ambizione dell’UE a ridurre la propria dipendenza dai combustibili fossili di provenienza russa.
  • La Commissione europea intende accelerare i già ambiziosi piani di introduzione delle tecnologie rinnovabili, portando la velocità media di riduzione delle emissioni annue da -4,8% a -5,0%. 
  • Tuttavia, nutriamo qualche dubbio sulla capacità dell’Europa di voltare le spalle al gas russo alla velocità prevista e sui suoi piani di introduzione di tecnologie rinnovabili, in particolare l’eolico, in tempi rapidi. Ma anche se si riuscissero a rispettare i piani, a nostro avviso l'Europa resterà vulnerabile a eventuali interruzioni delle forniture di gas fino al 2024, o anche oltre.
  • Il gas mancante sarà probabilmente compensato dalla capacità esistente di combustibili fossili, anche con un maggiore ricorso alle centrali a carbone. Ne potrebbe conseguire un aumento delle emissioni nel prossimo decennio, oltrepassando sia i valori previsti dal pacchetto “Fit for 55” che quelli suggeriti dal nuovo piano unionale.
  • Gli anni settanta del secolo scorso hanno segnato un punto di svolta nell’intensità di petrolio. La crisi in atto potrebbe segnare un analogo punto di svolta sui mercati energetici, aprendo la strada a una serie di nuove tecnologie per ridurre le emissioni.   

La guerra in Ucraina peserà sulla lotta al cambiamento climatico

Alla decisione della Russia di invadere l'Ucraina hanno indubbiamente contribuito vari fattori, tra i quali la considerazione che, data la dipendenza europea dai combustibili fossili russi - in particolare dal gas - eventuali sanzioni da parte dell’Occidente non sarebbero state molto severe. Tale convinzione era basata sulla considerazione dell’esiguità delle scorte di gas europee, delle forti pressioni inflazionistiche e del fatto che il piano d’azione europeo per il clima Fit for 55 (“Pronti per il 55%”) prevedeva una graduale riduzione delle importazioni di gas nel prossimo decennio, con l’obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra (GHG) del 55% sui livelli del 1990 entro il 2030. Tale analisi avrà suggerito che il relativo potere del gas russo in questo momento potrebbe ridursi nel tempo.

Ma, alla luce dei fatti, questi calcoli si dimostrano errati. Le sanzioni contro la Russia sono state più severe, molto più estese e più condivise di quanto molti si sarebbero aspettati. Per di più, in conseguenza dell’inevitabile aumento dei prezzi energetici – in particolare del gas naturale europeo – la Commissione europea ha proposto una ridefinizione ancora più rapida delle importazioni di gas per ridurre la dipendenza dell’Europa dalle forniture russe. L’Europa ha già bandito le importazioni di carbone dalla Russia, e ora sta valutando l’applicazione di sanzioni sulle importazioni di petrolio, e persino di gas. 

Lo studio considera i piani dell’Europa per ridurre la propria dipendenza dal gas russo. Calcoliamo il probabile impatto sulle emissioni europee di GHG se le forniture di gas russo all’Europa dovessero cessare – imponendo il ricorso a combustibili sostitutivi, e più inquinanti, per colmare temporaneamente la capacità di generazione mancante. Tuttavia, nel medio periodo il passaggio accelerato a tecnologie di generazione da combustibili non fossili porterebbe con ogni probabilità a una più rapida riduzione delle emissioni. Passeremo quindi a un’analisi critica della plausibilità di questi assunti.

Scarica l'intero articolo
Scarica l'articolo (774.69 KB)
Investment Institute

Approfondimenti esclusivi dai nostri esperti

Visita l'Investment Institute

Ti potrebbe interessare

Ambiente

L'ora del green fintech

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 08 Giugno 2022 (5 min di lettura)
Ambiente

Geopolitica contro la corsa al net zero

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 30 Maggio 2022 (5 min di lettura)
Ambiente

The Ukraine crisis and its impact on insurers

  • A cura di Arnaud Lebreton , Yolande Poulou
  • 26 Maggio 2022 (7 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris - Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.