Investment Institute
Take 2

L’inflazione statunitense rallenta; la Cina esibisce un avanzo commerciale record

  • 12 Agosto 2022 (5 min di lettura)

Fatti salienti

Il tasso d’inflazione annuale degli Stati Uniti è sceso dal 9,1% di giugno all’8,5% di luglio, facendo sperare agli investitori un possibile rallentamento del ciclo rialzista attuato dalla Federal Reserve. Tuttavia, sebbene a luglio i prezzi del gas siano diminuiti del 7,7%, i costi di generi alimentari e alloggi sono ulteriormente aumentati. Stando a un rapporto separato, la rigidità del mercato del lavoro ha anche continuato a trainare verso l’alto gli stipendi. Nel frattempo, il Senato ha approvato una nuova legge da $ 369 miliardi per frenare l’inflazione, mentre il presidente Joe Biden ha apposto la sua firma su un pacchetto di finanziamenti da $ 280 miliardi per la produzione e lo sviluppo di alta tecnologia, al fine di aiutare gli Stati Uniti a competere con la Cina.

 

Notizie dal mondo

A luglio le esportazioni cinesi sono cresciute del 18% rispetto allo scorso anno, portando per la prima volta l’avanzo commerciale sopra quota $ 100 miliardi. Si è trattato dell’incremento più elevato di quest’anno, mentre gli analisti si aspettavano una decelerazione rispetto al 17,9% di giugno. Dal loro canto, le importazioni sono salite del 2,3%, poiché la domanda interna si è confermata debole. Nel mese di luglio 2021 l’avanzo commerciale era pari a $ 56,6 miliardi. La crescita delle esportazioni è stata probabilmente sostenuta dalla revoca delle misure restrittive contro il COVID-19 nei maggiori hub commerciali come Shanghai. Su un altro fronte, i dati ufficiali hanno segnalato che a luglio l’indice cinese dei prezzi al consumo ha raggiunto un massimo da due anni (+2,7% annualizzato), mentre i prezzi della carne di maiale hanno esibito il rialzo su base mensile più significativo mai registrato (+25,6%).

 

Il numero sotto i riflettori: 8,6%

L’indice dei prezzi alimentari delle Nazioni Unite è diminuito dell’8,6% a luglio, il calo mensile più marcato dal 2008, in seguito alla ripresa delle esportazioni di grano ucraino, la disponibilità stagionale e la modesta domanda cinese. I prezzi dell’olio vegetale hanno ceduto il 19,2%, toccando un minimo da 10 mesi. Tuttavia, l’indice è ancora del 13,1% superiore al livello di luglio dello scorso anno, poiché la guerra in Ucraina continua a mettere sotto pressione l’offerta, mentre i principali produttori alimentari devono far fronte a minori raccolti a causa del caldo intenso. Secondo l’Osservatorio europeo sulla siccità, il 63% dei terreni nell’Unione europea e nel Regno Unito è attualmente in stato di allerta o allarme siccità.

 

La parola della settimana: Transmission Protection Instrument

Uno strumento varato a luglio dalla Banca centrale europea (BCE) per garantire una trasmissione fluida della politica monetaria in tutta l’eurozona, stabilizzando il costo del denaro nei mercati in cui i rendimenti dei titoli di Stato si sono impennati. Il Transmission Protection Instrument (TPI) mira a prevenire “dinamiche di mercato disordinate e ingiustificate”, consentendo alla BCE di acquistare debito nei mercati secondari dei Paesi dell’eurozona dove le condizioni di finanziamento si deteriorano, evitando in tal modo divergenze significative nella regione.

 

Prossimamente

La settimana si apre con una stima preliminare sul tasso di crescita economica giapponese nel secondo trimestre, dopo la contrazione dello 0,1% su base trimestrale osservata nei primi tre mesi dell’anno. Martedì la Reserve Bank of Australia pubblicherà il verbale della riunione di politica monetaria tenuta ad agosto e saranno anche annunciati i più recenti dati sulla disoccupazione britannica. Mercoledì il Regno Unito svelerà il tasso di inflazione di luglio, mentre nell’eurozona saranno rese note le statistiche sull’occupazione e una seconda stima sulla crescita economica nel T2. Lo stesso giorno giungerà anche il verbale dell’ultima riunione della Federal Reserve. Eurozona e Giappone comunicheranno la propria inflazione rispettivamente giovedì e venerdì.

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute

Ti potrebbe interessare

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.