Investment Institute
Take 2

L’inflazione statunitense continua a rallentare; il Giappone nomina un nuovo governatore della banca centrale

  • 20 Febbraio 2023 (3 min di lettura)

Fatti salienti

L’inflazione annuale statunitense è diminuita per il settimo mese consecutivo a gennaio, attestandosi al 6,4% rispetto al 6,5% segnato a dicembre. L’inflazione core, che esclude energia e generi alimentari, ha raggiunto il 5,6%. Il miglioramento è stato più contenuto del previsto e ha compromesso le aspettative di un’imminente fine del ciclo di inasprimento da parte della Federal Reserve (Fed). I funzionari della Fed hanno dichiarato la scorsa settimana che i tassi di interesse potrebbero continuare a salire, in quanto la solidità del mercato del lavoro lascia presupporre che l’inflazione potrebbe rimanere elevata più a lungo. Spostando l’attenzione altrove, l’inflazione britannica è scesa per il terzo mese consecutivo, attestandosi al 10,1% a gennaio, mentre l’indice FTSE 100 ha raggiunto un nuovo record, chiudendo a quota 8.012,53 giovedì; è la prima volta che il benchmark delle blue chip oltrepassa la soglia degli 8.000 punti in chiusura.

 

Notizie dal mondo

Il governo giapponese ha designato l’economista Kazuo Ueda come nuovo governatore della Banca del Giappone (BoJ), in sostituzione di Haruhiko Kuroda, che lascerà le sue funzioni l’8 aprile. La nomina di Ueda ha suscitato stupore e ha fatto ipotizzare la fine della politica di controllo della curva dei rendimenti da parte della banca, volta a sopprimere i tassi a medio termine ma a lasciare relativamente inalterati i rendimenti a lungo termine, contribuendo a proteggere il reddito dei fondi pensione e di altri investitori istituzionali. La ratifica dell’incarico sarà con ogni probabilità una mera formalità e, in caso di esito positivo, Ueda presiederà la sua prima riunione della BoJ il 27-28 aprile. Nel frattempo, la crescita del PIL del Giappone per il quarto trimestre (T4) è stata dello 0,6% su base annua, in ripresa rispetto al calo dell’1% del T3, ma inferiore alle attese.

 

Il numero sotto i riflettori: $ 1.000 miliardi

Secondo un rapporto di BloombergNEF, il valore totale delle vendite di veicoli elettrici adibiti al trasporto di persone ha superato $ 1.000 miliardi. Lo studio ha rivelato che il 60% della spesa risale agli ultimi 18 mesi, con vendite annue di veicoli elettrici adibiti al trasporto di persone che hanno raggiunto $ 388 miliardi nel 2022, un aumento del 53% rispetto all’anno precedente, e che probabilmente supereranno $ 500 miliardi nel 2023. Questo risultato ha contribuito a portare gli investimenti globali nella transizione energetica nel 2022 al nuovo traguardo di $ 1.100 miliardi, eguagliando per la prima volta gli investimenti nei combustibili fossili. Tuttavia, il rapporto indica che è necessario triplicare gli investimenti per realizzare gli obiettivi di neutralità carbonica.

 

La parola della settimana: Inflazione supercore

E' un parametro di inflazione non convenzionale e vagamente definito che, come l’inflazione core, non tiene conto di energia e generi alimentari, ma neanche di altri settori, come quello residenziale, concentrandosi in sostanza sull’aumento dei prezzi allorché i lavoratori ricevono un compenso più elevato per i servizi. Escludendo i settori più volatili, questo indicatore mira a prevedere meglio i trend dell’inflazione sottostante. In un recente discorso, il presidente della Fed Jerome Powell ha affermato che i servizi core, al netto degli alloggi, “potrebbero essere la categoria più importante per comprendere l’andamento futuro dell’inflazione core”. Pur essendo un indicatore potenzialmente utile dei principali fattori di inflazione, l’inflazione supercore non tiene conto delle spese di prima necessità sostenute dalle famiglie e, se osservata singolarmente, potrebbe involontariamente nascondere le pressioni inflazionistiche.

 

Prossimamente

Martedì la Reserve Bank of Australia pubblicherà il verbale della sua ultima riunione di politica monetaria e saranno annunciati i Flash PMI per l’eurozona, il Giappone, il Regno Unito e gli Stati Uniti. Il Federal Open Market Committee statunitense renderà noto mercoledì il verbale dell’ultima riunione di politica monetaria, mentre sarà rivelato l’ampiamente seguito indice tedesco ifo Business Climate. Giovedì sarà poi il turno dei dati definitivi sull’inflazione nell’eurozona di gennaio (la prima stima aveva mostrato che il tasso di inflazione annuale della regione era sceso all’8,5%, un minimo da otto mesi), mentre sarà divulgata la seconda stima sulla crescita del PIL statunitense per il T4. I dati definitivi relativi alla crescita del PIL in Francia e in Germania per il T4 saranno comunicati venerdì.

Ti potrebbe interessare

Take 2

Negli USA l’inflazione frena; in Francia inizia la nuova legislatura parlamentare

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 12 Luglio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

Nell’Eurozona l’inflazione scende; nel Regno Unito i laburisti stravincono le elezioni

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 05 Luglio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

Il PIL USA è stato rivisto al rialzo; l’inflazione canadese è salita a sorpresa

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 01 Luglio 2024 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.