Investment Institute
Take 2

La Fed resta cauta; cala l’attività economica dell’eurozona

  • 27 Novembre 2023 (3 min di lettura)

Fatti salienti

Come emerge dal verbale dell’ultima riunione di politica della Federal Reserve (Fed) statunitense, i funzionari innalzeranno ulteriormente i tassi d’interesse solo qualora i progressi verso il controllo dell’inflazione dovessero arrestarsi. Si tratta di un cambio di rotta rispetto alla riunione di settembre, quando la maggioranza reputava necessario un altro rialzo. A ottobre l’inflazione è rimasta stabile su base mensile, esibendo tuttavia un incremento del 3,2% rispetto a un anno fa. La Fed mantiene da luglio i tassi tra il 5,25% e il 5,50% e “tutti i partecipanti hanno ritenuto opportuno confermare” tale intervallo all’incontro più recente. Altrove, la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha dichiarato che l’istituto “concederà del tempo” agli elevati tassi d’interesse per frenare l’inflazione. A ottobre i decisori politici hanno lasciato i tassi al 4,0%.

 

Notizie dal mondo

A novembre l’attività economica dell’eurozona ha continuato a calare per il sesto mese consecutivo, sebbene a un ritmo più contenuto. Una stima preliminare dell’indice dei direttori agli acquisti (PMI) composito è passata dal 46,5 di ottobre al 47,1 di novembre (una cifra inferiore a 50 denota una contrazione), in seguito al ridimensionamento delle scorte e una riduzione del personale da parte delle società. Spostandoci nel Regno Unito, secondo una stima preliminare l’attività economica è cresciuta a novembre, attestandosi a 50,1 dal 48,7 di ottobre, un massimo da quattro mesi. Tale dinamica è ascrivibile a un miglioramento nei servizi. Il PMI composito giapponese si è rivelato stagnante a novembre (50,0), ponendo fine a 10 mesi ininterrotti di espansione.

 

Il numero sotto i riflettori: 2,9°C

Il Programma delle Nazioni Unite (ONU) per l’ambiente ha reso noto che il pianeta si avvia verso un aumento delle temperature fino a 2,9°C sopra i livelli preindustriali, anche se i Paesi dovessero rispettare gli impegni climatici assunti con l’Accordo di Parigi. Il suo rapporto sul divario delle emissioni per il 2023 segnala che le possibilità globali di rimanere entro la soglia di 1,5°C sono appena del 14% e, al fine di limitare il riscaldamento a 2°C e 1,5°C, le emissioni previste per il 2030 dovrebbero diminuire rispettivamente del 28% e 42%. L’organizzazione chiede a tutti i Paesi di accelerare le loro transizioni verso economie a basse emissioni di carbonio e agli Stati sviluppati di sostenere quelli emergenti. Quest’anno si è registrato il mese di settembre più caldo in assoluto, con temperature medie superiori di 1,8°C ai livelli preindustriali. 

 

La parola della settimana: Conferenza centrale sul lavoro economico

Un vertice annuale in cui i leader cinesi discuteranno le prospettive e i piani di politica della seconda economia mondiale per il prossimo anno. Stando a quanto riferito, i consulenti del governo cinese dovrebbero raccomandare alla riunione di dicembre di potenziare gli stimoli fiscali e fissare obiettivi di crescita economica per il 2024 compresi tra il 4,5% e il 5,5%. Nel Paese è già stato lanciato un piano per emettere mille miliardi di yuan ($ 139 miliardi) di obbligazioni sovrane entro la fine del 2023, aumentando il disavanzo di bilancio atteso nell’anno in corso dall’iniziale 3% del PIL al 3,8%. Le decisioni della conferenza non saranno annunciate fino all’assemblea annuale del parlamento cinese, che si terrà verosimilmente a marzo 2024.

 

Prossimamente

Gli Stati Uniti comunicheranno martedì i prezzi delle abitazioni e mercoledì una seconda stima sulla crescita del PIL per il terzo trimestre (T3). Sempre mercoledì giungeranno molteplici indagini dell’eurozona, tra cui i più recenti indicatori del sentiment economico, industriale e dei servizi. Giovedì la regione europea pubblicherà i dati flash sull’inflazione e le cifre aggiornate della disoccupazione, mentre il Canada annuncerà la crescita del PIL per il T3. Lo stesso giorno inizierà anche la COP28, la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2023. La Cina svelerà venerdì il PMI manifatturiero Caixin per il mese di novembre.

 

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute

Ti potrebbe interessare

Take 2

L’inflazione dell’eurozona cala meno del previsto; le azioni globali toccano nuovi massimi

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 04 Marzo 2024 (3 min di lettura)
Take 2

Le azioni toccano massimi storici; Fed e BCE caute riguardo a un taglio prematuro dei tassi

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 26 Febbraio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

L’inflazione statunitense rallenta; il Giappone scivola in recessione

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 19 Febbraio 2024 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.