Investment Institute
Take 2

La BCE aumenta nuovamente i tassi, mentre si registra una ripresa della crescita economica negli Stati Uniti

  • 31 Ottobre 2022 (5 min di lettura)

Fatti salienti

La Banca centrale europea (BCE) ha innalzato i tassi di interesse di 75 punti base (pb) per il secondo mese consecutivo, portando il tasso di deposito di riferimento all’1,5%, un massimo dal 2009. La mossa riflette la costante volontà della BCE di contrastare l’inflazione, che a settembre ha raggiunto il livello record del 9,9% su base annua. La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha ammesso il rischio di una recessione nell’eurozona, il che ha indotto i mercati a prendere in considerazione previsioni meno aggressive sul fronte dei tassi. La BCE si è inoltre adoperata per ridurre il proprio bilancio pari a 8.800 miliardi di euro tagliando il sussidio sulla linea di credito chiave per le banche commerciali. Altrove, la Banca del Canada ha optato per un rialzo di 50 pb, portando il suo tasso di riferimento al 3,75%, mentre la Banca del Giappone ha mantenuto la sua posizione accomodante e ha conservato il suo tasso di riferimento al -0,1%.

Notizie dal mondo

La crescita economica degli Stati Uniti si è attestata al 2,6% annualizzato nel terzo trimestre, rivelandosi superiore alle aspettative e segnando una netta inversione di tendenza rispetto al calo del PIL dello 0,6% registrato nel secondo trimestre. Unitamente a una contrazione dell’1,6% nel trimestre precedente, i dati del secondo trimestre avevano alimentato le congetture di una possibile recessione del paese. La ripresa avvenuta tra luglio e settembre è imputabile al calo del disavanzo commerciale, mentre la crescita della spesa al consumo è rallentata all’1,4% dal 2% del trimestre precedente. Si tratta probabilmente di una conseguenza degli ingenti rialzi dei tassi da parte della Federal Reserve (Fed) statunitense, finalizzati a contenere l’aumento dei prezzi, con un altro consistente innalzamento previsto questa settimana.

Il numero sotto i riflettori: 3.9%

Nel terzo trimestre l’economia cinese è cresciuta del 3,9% su base annua, migliorando rispetto alla crescita dello 0,4% registrata nel secondo trimestre e battendo le previsioni del mercato. Il rimbalzo è stato determinato da una serie di misure di sostegno economico adottate dal governo cinese e da una solida attività manifatturiera. Delle statistiche distinte hanno evidenziato una ripresa contrastante, con un rallentamento della crescita delle esportazioni, un aumento della disoccupazione e un affievolimento della crescita delle vendite al dettaglio. I mercati azionari di Hong Kong e Shanghai, invece, si sono indeboliti da quando il presidente Xi Jinping ha annunciato un nuovo gruppo dirigente dopo essere stato rieletto per un terzo mandato, un fatto inedito, al Congresso del partito comunista.  

La parola della settimana: Divario di emissioni

Espressione della differenza tra le emissioni di gas serra attese per il 2030 e il livello che dovrebbero raggiungere per scongiurare i peggiori effetti del cambiamento climatico. Il 13° Rapporto delle Nazioni Unite sul divario di emissioni ha evidenziato che gli impegni assunti a seguito della COP26 di Glasgow dello scorso novembre incidono in modo trascurabile sulle emissioni previste per il 2030, indicando che non esiste attualmente “un percorso credibile” per raggiungere l’obiettivo di limitare il riscaldamento a +1,5°C rispetto ai livelli pre-industriali. Nel frattempo, l’Agenzia internazionale dell’energia ha segnalato che l’aumento degli investimenti nelle energie rinnovabili a seguito dell’invasione dell’Ucraina potrebbe comportare il raggiungimento del picco delle emissioni nel 2025, prima di quanto previsto in precedenza. La COP27 inizierà in Egitto il 6 novembre.

Prossimamente

Questa settimana diverse banche centrali si riuniscono per deliberare sulla politica monetaria, a partire dalla Reserve Bank of Australia martedì, seguita dalla Fed e dalla Banca d’Inghilterra rispettivamente mercoledì e giovedì. Lunedì saranno pubblicate le stime preliminari sulla crescita economica dell’eurozona nel terzo trimestre e sarà svelato il tasso di inflazione di ottobre per la regione, mentre i PMI compositi di ottobre per Cina, India e Stati Uniti saranno presentati giovedì, in concomitanza con la pubblicazione del tasso di disoccupazione dell’eurozona a settembre. Venerdì sarà reso noto il PMI composito dell’eurozona, mentre gli Stati Uniti comunicheranno i dati sull’occupazione di ottobre.

Ti potrebbe interessare

Take 2

L'OCSE rivede al rialzo le previsioni di crescita globale per il 2022, i verbali della Fed confermano che i rialzi potrebbero rallentare

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 28 Novembre 2022 (5 min di lettura)
Take 2

I Paesi del G20 calibreranno il ritmo del ciclo rialzista; inattesa contrazione del PIL giapponese

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 21 Novembre 2022 (5 min di lettura)
Take 2

Azioni sospinte dall’inatteso rallentamento dell’inflazione USA; inviti a regolamentare il greenwashing alla COP27

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 14 Novembre 2022 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.