Investment Institute
Take 2

Il verbale del FOMC segnala una “lieve recessione” attesa; le esportazioni cinesi si impennano

  • 17 Aprile 2023 (5 min di lettura)

Fatti salienti

Stando al verbale della riunione tenuta a marzo dal Federal Open Market Committee, i funzionari della Federal Reserve prevedono una “lieve recessione” negli Stati Uniti più avanti nell’anno, sulla scia delle turbolenze nel settore bancario, cui seguirà una ripresa nel 2024/2025. Dal documento emerge inoltre che, durante l’incontro, alcuni membri hanno preso in considerazione una pausa dell’attuale ciclo rialzista, anche se infine è stato deciso all’unanimità di innalzare i tassi di 25 punti base. Nel frattempo, l’inflazione annuale statunitense è scesa al minimo da maggio 2021, passando dal 6% di febbraio al 5% di marzo, ma gli affitti hanno trainato l’inflazione core, esclusi generi alimentari ed energia, al 5,6% rispetto al minimo da 14 mesi del 5,5% registrato a febbraio.

 

Notizie dal mondo

Dopo cinque mesi consecutivi in calo, a marzo le esportazioni cinesi sono balzate del 14,8% rispetto all’anno precedente. Il risultato ha inoltre ampiamente superato le aspettative del consenso ed è stato attribuito al vigore della domanda di veicoli elettrici, prodotti solari e batterie al litio. Le esportazioni verso gli Stati Uniti sono diminuite nel mese, ma si sono osservati forti incrementi delle merci vendute ai Paesi del Sud-est asiatico e alla Russia. I funzionari hanno messo in guardia da un probabile peggioramento delle condizioni, dato il difficile contesto globale, mentre secondo gli economisti l’inattesa impennata potrebbe essere dovuta al fatto che le fabbriche si sono affrettate a soddisfare gli ordini arretrati a causa dei focolai di COVID-19 a inizio anno.

 

Il numero sotto i riflettori: 2,8%

Il Fondo monetario internazionale (FMI) ha tagliato le previsioni sulla crescita mondiale per il 2023 al fine di riflettere la maggiore incertezza causata dalla crisi bancaria di marzo. L’istituzione si attende ora un’espansione del PIL pari al 2,8% dopo il 3,4% del 2022, in flessione dal 2,9% reso noto a gennaio. Anche la stima per il 2024 è stata abbassata dal 3,1% al 3%. La scorsa settimana il FMI ha dichiarato che l’incertezza è elevata e “fino a quando il settore finanziario resterà instabile, l’equilibrio dei rischi tenderà decisamente al ribasso”. Ha inoltre riconosciuto che il rincaro dei prezzi è “più persistente” del previsto e si aspetta un declino dell’inflazione più lento di quanto anticipato a gennaio, al 7% quest’anno e al 4,9% nel 2024.

 

La parola della settimana: Euro 7

E' una proposta della Commissione europea per contribuire a ridurre le emissioni di auto e veicoli commerciali diesel, migliorare la qualità dell’aria e realizzare le ambizioni del Green Deal europeo di inquinamento zero. Le norme “Euro 7” dovrebbero entrare in vigore a partire dalla metà del 2025 per i veicoli leggeri e dalla metà del 2027 per quelli pesanti. La legislazione si basa sugli standard “Euro 6” esistenti e sarà negoziata quest’anno. Le case automobilistiche hanno criticato aspramente le nuove norme, alla luce dei relativi costi e della mancanza di tempo a disposizione per pianificare le necessarie modifiche.

 

Prossimamente

Martedì sarà pubblicato il verbale dell’ultima riunione di politica monetaria della Reserve Bank of Australia; l’istituto ha mantenuto il tasso di liquidità al 3,6%, la prima pausa da quando, a maggio dello scorso anno, ha iniziato ad alzare i tassi. Lo stesso giorno saranno svelati i dati sulla crescita del PIL cinese per il primo trimestre e l’inflazione aggiornata del Canada. Il Regno Unito e l’eurozona seguiranno mercoledì con le relative statistiche sull’inflazione: nel blocco europeo l’indice dei prezzi al consumo è sceso al 6,9% su base annua a marzo, il valore più basso da febbraio dello scorso anno. Giovedì è inoltre in programma, sempre nella regione europea, un indicatore preliminare sulla fiducia dei consumatori, mentre venerdì giungeranno i Flash PMI per Australia, eurozona, Regno Unito e Stati Uniti, oltre all’inflazione giapponese di marzo.

Ti potrebbe interessare

Take 2

L’inflazione statunitense rallenta; il Giappone scivola in recessione

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 19 Febbraio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

L’OCSE alza le previsioni sulla crescita globale; l’indice S&P 500 raggiunge quota 5.000

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 12 Febbraio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

L’eurozona evita la recessione; Fed e BoE mantengono i tassi d’interesse invariati

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 05 Febbraio 2024 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.