Investment Institute
Take 2

I tassi statunitensi sono destinati ad aumentare ma a un ritmo più lento, mentre l’inflazione dell'eurozona è stata rivista al rialzo

  • 27 Febbraio 2023 (3 min di lettura)

Fatti salienti

Durante l'ultima riunione di politica monetaria della Federal Reserve, i responsabili politici hanno concordato che i tassi di interesse statunitensi dovranno aumentare ancora, anche se a un ritmo più lento. Dai verbali è emerso che ciò "consentirà di valutare meglio i progressi dell'economia" verso la massima occupazione e la stabilità dei prezzi. Secondo loro, poiché l'inflazione rimane "inaccettabilmente alta", un periodo di crescita del PIL reale inferiore al trend porterebbe l'offerta e la domanda in equilibrio, riducendo le pressioni sui prezzi. Tuttavia, alcuni ritengono che vi sia una possibilità "elevata" che gli Stati Uniti entrino in recessione quest'anno. I dati della scorsa settimana hanno evidenziato una crescita dell'economia statunitense a un tasso su base annua del 2,7% nel quarto trimestre (T4), inferiore alla precedente stima del 2,9%, a causa della revisione al ribasso della spesa per i consumi.

 

Notizie dal mondo

A gennaio l'inflazione nell'eurozona è stata più alta del previsto, anche se ancora in calo rispetto al mese precedente, mentre l'inflazione core ha continuato a salire. L'inflazione annuale si è attestata all'8,6%, leggermente superiore all'8,5% stimato, ma comunque in netto miglioramento rispetto al 9,2% di dicembre. Tuttavia, l'inflazione core (che non tiene conto di energia, generi alimentari, alcol e tabacco) è aumentata del 5,3% a gennaio rispetto al 5,2% del mese precedente, suggerendo che le pressioni sui prezzi continueranno a preoccupare la Banca centrale europea. Nel frattempo, a febbraio l'attività delle imprese dell'eurozona è salita ai massimi degli ultimi nove mesi, grazie all'aumento della domanda, al miglioramento delle catene di approvvigionamento e a una maggiore fiducia. L’indice flash dei direttori agli acquisti (PMI) composito è salito a 52,3 a febbraio da 50,3 a gennaio.

 

Il numero sotto i riflettori: 100€

La scorsa settimana il costo dei permessi sul mercato del carbonio dell'Unione europea (Ue) ha superato per la prima volta i 100€, equivalenti al prezzo per tonnellata che le aziende devono pagare per rilasciare anidride carbonica nell'atmosfera. I contratti, noti come "quote Ue", fanno parte del sistema di scambio di quote di emissione dell'Ue e martedì scorso hanno raggiunto un massimo di 101,25€, un aumento di cinque volte negli ultimi tre anni, secondo un rapporto. Il sistema funge da strumento chiave nella lotta al cambiamento climatico del blocco europeo, incentivando maggiori investimenti in tecnologie a bassa emissione di CO2, in linea con l'obiettivo dell'UE di neutralità carbonica entro il 2050.

 

La parola della settimana: Trattative salariali “Shunto”

In Giappone le trattative salariali annuali tra i sindacati e le principali aziende del Paese si svolgono solitamente a febbraio e marzo. Queste discussioni, tramite le quali si decidono gli aumenti salariali per l'anno in corso, sono state attentamente monitorate dagli investitori mondiali che le interpretano come un potenziale indicatore delle prossime mosse politiche della Banca del Giappone (BoJ). Il primo ministro Fumio Kishida ha incoraggiato le aziende ad aumentare i salari, mentre il governatore della BoJ, Haruhiko Kuroda, ha suggerito che una crescita salariale del 3% è un prerequisito per porre fine alla politica monetaria ultra-allentata della banca centrale nipponica, in atto da lungo tempo. Nel frattempo, l'inflazione core del Giappone ha raggiunto il 4,2% su base annua a gennaio, un massimo da 41 anni, che probabilmente aumenterà la pressione sui responsabili politici della BoJ.

 

Prossimamente

Lunedì vengono pubblicati l'indice Leading Economic giapponese e una serie di indagini dell'eurozona, tra cui gli indici sul sentiment economico, industriale e dei servizi del blocco europeo. Martedì verranno pubblicati i dati sul PIL del quarto trimestre di India e Canada, mentre mercoledì la Germania pubblicherà i dati aggiornati sulla disoccupazione. Giovedì verrà annunciato il tasso d'inflazione flash per l'eurozona, mentre venerdì verranno pubblicati i PMI compositi finali di febbraio per Regno Unito, Stati Uniti ed eurozona.

Ti potrebbe interessare

Take 2

Negli USA l’inflazione frena; in Francia inizia la nuova legislatura parlamentare

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 12 Luglio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

Nell’Eurozona l’inflazione scende; nel Regno Unito i laburisti stravincono le elezioni

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 05 Luglio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

Il PIL USA è stato rivisto al rialzo; l’inflazione canadese è salita a sorpresa

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 01 Luglio 2024 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.