Investment Institute
Take 2

Fed, BCE e BoE aumentano i tassi, il FMI alza le previsioni sulla crescita globale per il 2023

  • 06 Febbraio 2023 (3 min di lettura)

Fatti salienti

Come previsto, la Federal Reserve (Fed) statunitense ha rallentato il ritmo della stretta monetaria, innalzando il tasso di riferimento di 25 punti base (pb) in un range compreso tra il 4,5% e il 4,75%, l’incremento più contenuto da quasi un anno. Pur riconoscendo un “moderato declino” dell’inflazione, la banca centrale ha reso noto che sarà verosimilmente opportuno procedere a ulteriori rialzi. Durante una conferenza stampa, il presidente della Fed Jerome Powell ha dichiarato che se l’inflazione dovesse scendere più rapidamente, tale dinamica sarà riflessa nella politica monetaria. L’inflazione annuale americana è diminuita per sei mesi consecutivi e a dicembre si è attestata al 6,5%, valore di gran lunga inferiore al picco del 9,1% osservato lo scorso giugno, ma sempre molto più alto dell’obiettivo del 2% fissato dalla Fed.

 

Notizie dal mondo

La Banca centrale europea (BCE) ha aumentato il tasso di riferimento di 50 pb, portandolo al 2,5%, e segnalato un intervento di identica portata alla riunione di marzo. La presidente della BCE Christine Lagarde ha affermato che i rischi per la crescita e l’inflazione sono ora “più equilibrati”, precisando però di attendersi ancora un altro innalzamento alla prossima riunione. Stando agli ultimi dati, a gennaio l’inflazione dell’eurozona è calata all’8,5% dal 9,2% del mese precedente. L’economia della regione ha fatto segnare +0,1% nel quarto trimestre (T4), superando le attese di una contrazione pari a -0,1%. Nel frattempo, anche la Banca d’Inghilterra ha alzato il tasso di base di 50 pb al 4%, mentre il governatore Andrew Bailey ha avvertito che è “troppo presto per cantare vittoria” sull’inflazione.

 

Il numero sotto i riflettori: 2,9%

Il Fondo monetario internazionale (FMI) ha rivisto al rialzo le previsioni sulla crescita globale per l’anno in corso al 2,9% rispetto alla proiezione del 2,7% pubblicata a ottobre. Si tratterebbe di un calo rispetto al 3,4% stimato per il 2022, ma nel 2024 si dovrebbe assistere a una ripresa dell’espansione al 3,1%. Il FMI ha riferito che le migliori prospettive sono ascrivibili alla riapertura della Cina e all’inattesa “resilienza” della domanda negli Stati Uniti e in Europa. Secondo l’istituzione, la priorità per le economie globali dovrebbe restare il raggiungimento di una “disinflazione sostenuta”, poiché i rischi nel prossimo anno tendono al ribasso. Il FMI ha inoltre delineato un quadro cupo per il Regno Unito, che probabilmente sarà l’unica economia del G7 a contrarsi nel 2023. 

 

La parola della settimana: Piano industriale del Green Deal

E' un’iniziativa della Commissione europea volta a stimolare la competitività dell’industria UE e legata agli obiettivi climatici di zero emissioni, che segue una serie di sovvenzioni introdotte lo scorso anno negli Stati Uniti. Il piano, parte del Green Deal europeo, comprenderà aiuti agli investimenti, sovvenzioni e crediti d’imposta per sviluppare tecnologie verdi, con un pool di circa € 245 miliardi in prestiti e finanziamenti a fondo perduto. La Commissione dovrà raccogliere il sostegno degli Stati membri man mano che definisce gli ulteriori dettagli del piano, ma sono già emerse preoccupazioni sul fatto che le sovvenzioni potrebbero essere destinate solo a Paesi con una capacità fiscale già forte.

 

Prossimamente

Martedì la Reserve Bank of Australia prenderà una decisione sui tassi d’interesse; all’ultima riunione del 2022, l’istituto ha aumentato il tasso di liquidità di 25 pb al 3,1%, l’ottavo rialzo consecutivo. Dal suo canto, la Reserve Bank of India tornerà a riunirsi mercoledì. Giovedì i capi di Stato e di governo parteciperanno a un vertice straordinario del Consiglio europeo incentrato sull’economia, i flussi migratori e la crisi ucraina, mentre il Brasile svelerà le più recenti cifre dell’inflazione. Venerdì giungeranno l’inflazione cinese e una stima preliminare sulla crescita economica del Regno Unito nel quarto trimestre.

Ti potrebbe interessare

Take 2

L’inflazione statunitense sale più del previsto; la BCE evoca un possibile taglio dei tassi a breve

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 15 Aprile 2024 (3 min di lettura)
Take 2

Cala l’inflazione nell’eurozona; la Fed attende ulteriori dati prima di prendere una decisione sui tassi

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 08 Aprile 2024 (3 min di lettura)
Take 2

Un contesto difficile può ostacolare la deflazione nell’eurozona; la Cina punta a maggiori investimenti esteri

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 02 Aprile 2024 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.