Eco-ansia: il 59% dei giovani teme l’impatto dei cambiamenti climatici

  • 14 Febbraio 2022 (5 min di lettura)

La crisi climatica e l'inefficacia delle azioni messe in campo dai governi per contrastarla hanno fatto emergere negli ultimi anni il fenomeno dell'eco-ansia. L'Oxford Dictionary l'ha aggiunta fra le sue voci. A esserne colpiti sono soprattutto giovani e giovanissimi, molto preoccupati per il loro futuro.

Come definirla

A testimonianza di quanto il fenomeno sia diffuso, il termine "eco-anxiety" di recente ha trovato posto nell'Oxford Dictionary, che ne offre questa definizione: "Una sensazione di preoccupazione per le minacce all'ambiente, quali l'inquinamento e il cambiamento climatico". Il fenomeno a volte viene indicato anche con termini quali "ansia da clima" o "depressione da clima", ma la sostanza non cambia. Neppure cambia la fascia d'età che dal fenomeno è più interessata, quella dei giovani e giovanissimi. Gli stessi, verosimilmente non a caso, che più fanno sentire la propria voce per chiedere azioni immediate e incisive per contrastare l'emergenza climatica, manifestando per le strade di tutto il mondo come accadrà il prossimo 25 marzo in occasione del nuovo sciopero globale per il clima.

Image

Fonte: eco-anxiety noun - Definition, pictures, pronunciation and usage notes | Oxford Advanced Learner's Dictionary at OxfordLearnersDictionaries.com

La situazione nel mondo

Gli studi sull'eco-ansia si sono moltiplicati, creando in poco tempo una letteratura corposa. Uno studio importante è stato pubblicato alla fine del 2021 sull'autorevole rivista scientifica The Lancet Planetary Health. Lo studio, commissionato dall'organizzazione non governativa internazionale Avaaz, è stato condotto su scala globale e ha preso in esame il fenomeno dell'eco-ansia tra i giovani e giovanissimi, analizzando anche la percezione che essi hanno riguardo alle risposte che i governi stanno dando per contrastare la crisi climatica.

Basandosi su quanto dichiarato da 10mila giovani tra i 16-25 anni, da dieci Paesi del mondo (Australia, Brasile, Filippine, Finlandia, Francia, India, Nigeria, Portogallo, Regno Unito, Stati Uniti), lo studio ha messo in evidenza come una larga maggioranza (59%) sia molto o estremamente preoccupata dall'impatto dei cambiamenti climatici. La percentuale sale (84%) se si considerano coloro che si dicono almeno moderatamente preoccupati. Il 75% afferma di essere spaventato dal futuro. Il 45% ammette che le preoccupazioni sul clima hanno un influsso negativo sulla propria quotidianità. Più del 50% riferisce di provare emozioni quali tristezza, rabbia, impotenza, senso di colpevolezza. Per quanto riguarda le valutazioni sull'azione di contrasto alla crisi climatica, prevalgono quelle negative: quanto i governi stanno mettendo in campo è considerato inadeguato, con una sensazione di tradimento.

Image

Fonte: Climate anxiety in children and young people and their beliefs about government responses to climate change: a global survey - ScienceDirect

Il fenomeno in Italia

L'eco-ansia è un fenomeno che naturalmente interessa da vicino anche i giovani italiani. Anzi, come emerso da un vasto sondaggio realizzato in vista della conferenza Youth4Climate di Milano che preparava il meeting della COP26 di Glasgow (700mila intervistati, in rappresentanza dei Paesi del G20), i ragazzi italiani insieme ai britannici sono fra i più preoccupati: l'86% chiede sforzi maggiori ai governi e parla della necessità di combattere una vera e propria battaglia per il clima.

I giovani italiani indicano inoltre una serie di settori e attività a cui occorrerebbe dare la priorità in termini di politiche climatiche: energie rinnovabili, agricoltura sostenibile, biodiversità, foreste, impegno contro l'uso di combustibili fossili, mobilità elettrica.

Una questione sempre più seria

L'eco-ansia sta diventando una questione molto seria, a più livelli. Alcuni studi hanno messo in guardia ad esempio sul fatto che l'eco-ansia può allargare le disuguaglianze sanitarie e sociali, a sfavore di chi è in generale più vulnerabile agli impatti psicologici. C'è addirittura chi si spinge a parlare dell'eco-ansia come della malattia del secolo, anche perché si prevede che nel lungo periodo interesserà sempre più persone.

Si sono create iniziative di psicologi del clima, che offrono supporto per l'eco-ansia cercando di trasformarla in stimolo all'azione positiva per il clima. Del resto la psicologia ha posto la lente sull'eco-ansia già da qualche tempo: l'American Psychological Association ne parla come di "una paura cronica del dominio dell'ambiente". La questione, infine, tocca da vicino anche chi si occupa di comunicazione legata al clima: senza minimizzare la gravità degli impatti della crisi climatica, occorre infatti fare attenzione a non cavalcare strumentalmente l'eco-ansia del pubblico, col rischio di esacerbarla.

Ti potrebbe interessare

Ambiente

Terza rivoluzione industriale: a che punto siamo?

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 13 Maggio 2022 (15 min di lettura)
Ambiente

Rifkin, Italia ancora senza piano di infrastrutture per il Green Deal

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 13 Maggio 2022 (5 min di lettura)
Ambiente

L’uomo arrivato dal futuro: Jeremy Rifkin su investimento responsabile, sharing economy e cambio climatico

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 05 Maggio 2022 (5 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. La performance passata non è indicativa dei risultati futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA Investment Managers Italia SIM S.p.A., Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, iscritta al n. 210 dell’albo delle SIM tenuto dalla CONSOB www.consob.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.