Investment Institute
Tecnologia

Perché i semiconduttori sono diventati una questione geopolitica

  • 11 Gennaio 2023 (7 min di lettura)

Key points

  • Il settore dei semiconduttori è stato definito il "nuovo petrolio", un appellativo che ne rispecchia l'importanza globale e l'uso come strumento politico
  • Secondo una stima, il settore dei chip potrebbe raggiungere un volume d'affari di 1.000 miliardi di dollari entro la fine del decennio, grazie a fattori di domanda strutturale che ne sostengono la crescita
  • Nonostante il contesto geopolitico ancora incerto, siamo convinti che l'evoluzione tecnologica, gli interventi normativi e la domanda al consumo continueranno a favorire il settore

Spesso definiti il "nuovo petrolio", i semiconduttori sono componenti fondamentali della nostra vita quotidiana - dagli smartphone ai frigoriferi, fino alla robotica e ai sistemi industriali avanzati.

Sono anche al centro delle tecnologie che cercano di contrastare il cambiamento climatico, come i veicoli elettrici e le energie rinnovabili. Per i paesi più all'avanguardia nella progettazione e produzione di semiconduttori, i chip rivestono una chiara importanza dal punto di vista economico.

Al tempo stesso, essi però rappresentano anche un problema politico globale, come dimostrano i recenti interventi degli USA per limitare le esportazioni di semiconduttori e impianti produttivi avanzati verso la Cina.

Il mercato globale dei semiconduttori nel 2021 ha registrato vendite pari a 600 miliardi di dollari, e un'analisi condotta da McKinsey suggerisce la possibilità di un tasso di crescita annuo compreso tra il 6% e l'8% di qui al 2030 – che potrebbe portare il valore del settore a 1.000 miliardi di dollari entro la fine del decennio.

L'importanza dei chip è stata messa in luce dalle carenze che hanno colpito la catena di approvvigionamento negli ultimi anni. Sebbene sia stata principalmente indotta dalla pandemia di Covid-19, che ha comportato la chiusura di impianti produttivi e ha imposto restrizioni ai viaggi e limitato gli acquisiti, anche altri fattori – tra cui una serie di violenti temporali in Texas e il blocco del Canale di Suez nel 2021 – hanno contribuito alla recente carenza globale di semiconduttori.

Secondo una stima, a livello mondiale questa situazione ha portato a mancati ricavi per oltre 500 miliardi di dollari nei diversi settori che utilizzano chip – e la perdita di fatturato nel settore auto sarebbe stata di oltre 210 miliardi di dollari solo nel 2021.

Attualmente gli USA dominano il settore della progettazione dei chip, ma rappresentano solo il 12% della produzione globale di semiconduttoriTre quarti della capacità produttiva mondiale di chip si concentra in Asia orientale, che annovera tra i principali player TSMC a Taiwan e Samsung nella Corea del Sud, entrambi specializzati nella produzione di chip di ultima generazione.1 La Cina ha espresso l'ambizione di espandere in modo massiccio la propria capacità produttiva di semiconduttori nei prossimi dieci anni, ma la capacità del paese di procurarsi gli impianti per la costruzione dei chip potrebbe essere ostacolata dalle recenti mosse del governo USA finalizzate a limitare l'esportazione di queste tecnologie.

 

Image

Fonte: McKinsey & Company. I dati sono approssimativi.

 

Un ecosistema complesso

I semiconduttori si sono guadagnati l'appellativo di "nuovo petrolio" grazie alla loro importanza strategica di risorsa vitale, e alla distribuzione irregolare della capacità di progettazione e produzione nel mondo.

Ma si tratta di un ecosistema complesso – dal software alla fabbricazione dei wafer (utilizzati come base dei chip), ad altri componenti, fino alla fabbrica (conosciuta col nome di "chip fab") che combina i progetti e i componenti per fabbricare i chip.

I vari paesi sono sempre più alla ricerca di partnership per allearsi con i principali player di questo ecosistema – per esempio, gli Stati Uniti hanno proposto un'alleanza "Chip 4" con la Corea del Sud, il Giappone e Taiwan. L'unione di diversi paesi con i rispettivi vantaggi può senz'altro rafforzare le catene di approvvigionamento, ma sono in gioco anche alleanze di tipo politico.

Con il surriscaldarsi delle tensioni geopolitiche, i paesi non solo cercano di proteggere le proprie supply chain da possibili interruzioni logistiche, vorrebbero anche tutelare i rispettivi interessi nazionali. Per esempio, c'è il timore che le tensioni militari con la Cina sulla questione di Taiwan possano bloccare una parte dell'offerta globale di chip.

 

Una priorità strategica e geopolitica

Stati Uniti, Unione europea, Cina, Corea del Sud e Giappone sono solo alcuni dei paesi che, negli ultimi anni, hanno annunciato un supporto al settore nazionale dei semiconduttori, nel tentativo di regioni e singole nazioni di trovare il modo per mantenere o aumentare la propria presenza nel comparto.

La normativa europea sui semiconduttori del 2022 mira ad “affrontare il problema della carenza di semiconduttori, rafforzando la leadership tecnologica dell'Europa”, e punta a mettere in campo più di 43 miliardi di euro di investimenti, tra pubblici e privati. In Cina, l'iniziativa Made in China 2025 dà priorità al settore dei chip mentre, nel 2021, l'India ha approvato un piano di incentivi da 10 miliardi di dollari per attirare produttori di semiconduttori nel paese.

Ma la politica non si è limitata a offrire incentivi alle imprese o a investire nella riqualificazione dei lavoratori – entrando anche in ambito geopolitico.

Ad agosto, il Presidente USA Joe Biden ha firmato un progetto di legge per incentivare la produzione di semiconduttori, battezzato con l'acronimo CHIPS ("Creating Helpful Incentives to Produce Semiconductors"). Il CHIPS e il Science Act 2022 prevedono nuovi finanziamenti per 52,7 miliardi di dollari per stimolare la ricerca e la produzione di semiconduttori negli USA. L'obiettivo perseguito è di “rafforzare l'attività produttiva americana, le catene di approvvigionamento e la sicurezza nazionale”, aiutando gli Stati Uniti a “essere competitivi e vincenti in futuro”. Tuttavia, il supporto finanziario prevede una condizione – “che i destinatari non costruiscano impianti in Cina e in altri paesi che destano preoccupazione”.

A ottobre è seguita una serie di iniziative di controllo sulle esportazioni di semiconduttori di ultima generazione e di componenti per la produzione di semiconduttori. Le nuove misure hanno imposto alle aziende di ottenere nuove licenze per l'esportazione di alcuni beni verso la Cina, anche destinati al montaggio nei supercomputer - misure che potrebbero potenzialmente mettere l'industria cinese dei chip in posizione di netto svantaggio.

E tutto questo ha delle implicazioni per tutto il settore mondiale dei semiconduttori, oltre che per gli investitori che operano in questo ambito.

 

Incertezza a breve termine ma rendimenti futuri?

Nel breve termine prevediamo che alcune società statunitensi possano subire un crollo delle vendite, situazione alla quale, tuttavia, da diverso tempo hanno fatto l'abitudine – la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina prima della pandemia aveva già portato all'imposizione di restrizioni, come il bando imposto alla società cinese di comunicazioni Huawei sull'acquisto di chip realizzati con tecnologia USA.

In un'ottica a più lungo termine, le restrizioni imposte dagli Stati Uniti potrebbero pregiudicare la capacità della Cina di sviluppare tecnologie di semiconduttori avanzate. Questo potrebbe comportare un ambiente competitivo più favorevole per le società di semiconduttori di altri paesi, come gli Stati Uniti e l'Europa. Il settore potrebbe inoltre beneficiare di ulteriori aiuti governativi, ad esempio attraverso il programma europeo relativo ai chip.

Più in generale, le prospettive di crescita per il comparto dei semiconduttori si mantengono resilienti grazie ai fattori di crescita strutturale dei settori industriali di destinazione, dalla robotica all'automazione industriale, fino ai veicoli elettrici.

Se prendiamo ad esempio le auto, in media un'auto tradizionale con motore a endocombustione nel 2021 aveva un contenuto di semiconduttori del valore di 500 dollari, contro i circa 1.000 dollari contenuti nei veicoli elettrici (EV), valore che dovrebbe aumentare a 1.500 dollari entro il 2027.

Image

Complessivamente, le vendite di semiconduttori nel mercato dell'auto per quella data dovrebbero aumentare grazie alla maggiore diffusione degli EV - a metà 2022, i veicoli elettrici rappresentavano il 12,4% del mercato dell'auto globale, ma si prevede che la loro penetrazione arrivi intorno al 30% entro il 2027.

Recentemente le vendite di semiconduttori per l'elettronica di consumo, come gli smartphone e i PC, ha visto una fase di debolezza sullo sfondo delle spinte inflazionistiche e dell'incertezza macroeconomica.

Al momento la domanda di chip associata all'auto, all'industria e ai data centre sembrerebbe ancora robusta, mentre le quotazioni azionarie dei produttori di semiconduttori si sono abbassate in previsione di un generale rallentamento.

A nostro avviso, questa contrazione ha reso più convenienti le quotazioni di alcuni titoli del settore, e se il contesto macroeconomico resta difficile, soprattutto a causa dell'inflazione, le società del settore potrebbero riuscire a trasferire in gran parte questo costo sui consumatori.

La costante evoluzione tecnologica che impatta sul mercato dei semiconduttori, come la domanda indotta dalle auto elettriche e dai data centre, oltre ai continui sviluppi sul fronte della connettività, come il 5G, dovrebbero continuare a favorire la crescita di questo importante mercato.

A fronte della crescente interconnessione tra politica e tecnologia, gli investitori attivi dovrebbero prestare grande attenzione alla situazione geopolitica. Tuttavia, a nostro avviso, sarà fondamentalmente la domanda – determinata dalla costante digitalizzazione dell'economia globale – più che la politica, il principale fattore che influenzerà il percorso futuro del settore dei semiconduttori, e che ne favorirà la crescita.

  • SSByaWZlcmltZW50aSBhIHNvY2lldMOgIHNvbm8gZGEgaW50ZW5kZXJzaSBhIHNvbG8gc2NvcG8gaWxsdXN0cmF0aXZvIGUgbm9uIGRldm9ubyBlc3NlcmUgaW50ZXJwcmV0YXRpIGNvbWUgcmFjY29tYW5kYXppb25pIGRpIGludmVzdGltZW50by4=

Ti potrebbe interessare

Tecnologia

Metaverso, mondi virtuali e opportunità reali: la socializzazione

  • A cura di Pauline Llandric
  • 12 Gennaio 2023 (5 min di lettura)
Tecnologia

A scuola nel Metaverso: ecco come studieranno i nostri figli

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 23 Novembre 2022 (3 min di lettura)
Tecnologia

Sempre più AI nelle imprese: come limitare problemi etici o sociali

  • A cura di Théo Kotula
  • 21 Novembre 2022 (5 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2023 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.