Investment Institute
Tecnologia

Emergenza spazzatura spaziale: 130 milioni di rottami pronti a distruggere satelliti e astronavi

  • 01 Aprile 2022 (5 min di lettura)

È il pericolo numero uno dell’orbita terrestre: un oceano di relitti e detriti volanti che minaccia i sistemi di comunicazione e la stessa vita degli astronauti. Ecco perché bisogna cercare di risolvere il problema degli “space debris”.

Pesava quattro tonnellate e mezzo, per circa 12 metri di lunghezza. Era un enorme pezzo di razzo, forse cinese oppure appartenente al Falcon 9 delle missioni SpaceX di Elon Musk. Proveniente dal pianeta Terra, ha viaggiato come una scheggia impazzita per sette lunghi anni nello spazio. Senza meta. Fino a quando il 4 marzo scorso è precipitato sulla Luna alla velocità di 9.300 chilometri all’ora, provocando nell’impatto un cratere di almeno venti metri di diametro. Che cosa sarebbe accaduto se invece avesse colpito la Stazione spaziale internazionale con i suoi astronauti a bordo? Lo schianto sulla Luna rappresenta solo l’ultima sequenza di un film che purtroppo non è di fantascienza ma di cronaca (e sempre più simile a un thriller): quello dell’emergenza “space debris”, ovvero i pericoli legati al flusso di detriti in orbita intorno alla Terra, temuti da tutte le agenzie spaziali.

 

Un oceano di spazzatura spaziale

Dal 1957 (l’anno dello Sputnik, primo satellite artificiale della storia) grazie a 6.180 razzi sono stati lanciati sopra le nostre teste qualcosa come 12.720 satelliti. Secondo le ultime stime dello Space Debris Office dell’Esa, quelli ancora nello spazio sono 7.810, di cui circa 5.300 funzionanti, per un peso complessivo che sfiora le 10mila tonnellate.

In orbita, si calcola che in 65 anni di missioni spaziali si siano verificate più di 630 tra collisioni, esplosioni e distacchi di parti di razzi o astronavi. Il risultato è un oceano di spazzatura: sono quasi 30mila gli oggetti di dimensioni rilevanti, continuamente monitorati dai network internazionali delle agenzie spaziali. Ma anche questa è solo la punta dell’iceberg. L’Esa stima che sopra di noi volino alla velocità di oltre 25mila chilometri all’ora ben 36.500 oggetti più lunghi di 10 centimetri, un milione di schegge di lunghezza compresa tra uno e dieci centimetri e qualcosa come 130 milioni di frammenti inferiori al centimetro.

Una minaccia continua per satelliti, astronavi e per la stessa Iss, la Stazione spaziale internazionale, dove sono ormai pane quasi quotidiano le correzioni di rotta per evitare l’impatto con i pezzi più grandi e pericolosi di “space debris”.

Ma c’è di peggio. Come ha dichiarato alla Bbc l’astronomo Jonathan McDowell dell’Harvard-Smithsonian Center, dopo decenni di lanci si è completamente persa traccia di almeno una cinquantina di oggetti di grandi dimensioni. Forse sbriciolati da collisioni spaziali. Oppure solo difficili da rilevare, e quindi potenzialmente pericolosi.

 

L’allarme della Nasa

Il problema è molto serio. Da sei anni la Nasa ha avvertito che quello dello “space debris” è «il pericolo numero uno per astronavi, satelliti e astronauti». Nonostante la guerra russo-ucraina e Putin che aveva messo in stato di allerta le difese strategiche nuclari, l’emergenza della spazzatura spaziale si è ritagliata un angolo speciale dell’agenda dalla Commissione Difesa del Senato statunitense.

L’oceano di detriti orbitali, infatti, è diventato così denso da ostacolare persino la comunicazione tra satelliti sia militari che commerciali, oggi quanto mai preziosi perché in grado di rivelare gli spostamenti delle truppe russe in Ucraina. Per questo e per altri motivi il monitoraggio scrupoloso e continuo della spazzatura spaziale è diventato «componente essenziale delle infrastrutture critiche statunitensi - come ha dichiarato il generale James Dickinson, capo dell’Us Space Command - vitali per la sicurezza nazionale».

Image

Fonte: Nasa

 

I pericoli per la Stazione spaziale internazionale

Le continue collisioni di oggetti spaziali abbandonati non sono solo frutto del caso. Nel novembre scorso, la Stazione spaziale internazionale ha dovuto cambiare rotta per evitare l’impatto con la massa di rottami provocata dal test cinese del 2007 di un missile anti-satellite.

Nello stesso anno, la Russia aveva lanciato un missile balistico per distruggere un vecchio satellite sovietico Kosmos, provocando una “nuvola” di 1.500 nuovi detriti destinati a restare per decenni nell’orbita bassa terrestre, con tutti i rischi del caso. Il mondo ha condannato la distruzione del Kosmos, che ha messo in pericolo da Stazione spaziale internazionale con i suoi astronauti (anche russi), ma Mosca ha respinto le accuse definendole «ipocrite». Il fatto, tra l’altro, ha ispirato il pluripremiato film “Gravity” del 2013 di Alfonso Cuaròn, con Sandra Bullock e George Clooney.

 

Le soluzioni per ripulire l’orbita terrestre

Il problema dello “space debris” va risolto subito, prima che diventi incontrollabile. Ma come fare? Le idee per fortuna non mancano. All’inizio del 2012 lo Swiss Space Center del Politecnico di Losanna ha annunciato la nascita del progetto CleanSpace1, nanosatellite sperimentale in grado di catturare i suoi simili in avaria facendoli “deorbitare”. Cinque anni dopo l’Esa ha staccato un assegno da 120 milioni di euro per la missione ClearSpaceOne, spinoff del progetto svizzero: il lancio è previsto nel 2025, con l’obiettivo di rimuovere dall’orbita terrestre un relitto da un quintale di una vecchia missione Vega. Intanto nel 2022 il satellite cinese SJ-21 ha catturato un rottame spaziale spostandolo in un’orbita a minor rischio di collisioni.

Ma forse la missione più intrigante è stata RemoveDEBRIS, un progetto del Surrey Space Centre in collaborazione con diversi partner tra cui Ariane e Airbus: il piccolo satellite europeo ha raggiunto la Stazione spaziale internazionale il 4 aprile 2018, dimostrando che è possibile rimuovere lo “space debris” con l’aiuto di reti e speciali arpioni. La tecnologia per ripulire l’orbita terrestre, insomma, è a portata di mano. Ora non resta che mettere mano al portafoglio e iniziare a lavorare seriamente.

 

Ti potrebbe interessare

Tecnologia

Iperconnessa, robotizzata, digitale: ecco come sarà la fabbrica del futuro

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 09 Giugno 2022 (5 min di lettura)
Tecnologia

Rivoluzione Artificial Intelligence of Things: quando gli oggetti che si parlano diventano intelligenti

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 24 Maggio 2022 (7 min di lettura)
Tecnologia

I NFT: cosa sono, come funzionano e a cosa fare attenzione

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 14 Marzo 2022 (5 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris - Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.