Investment Institute
Take 2

La BCE alza infine i tassi; gli Stati Uniti lanciano un piano infrastrutturale da $ 2,3 miliardi

  • 22 Luglio 2022 (5 min di lettura)

Fatti salienti

La Banca centrale europea ha aumentato i tassi d’interesse di 0,5 punti percentuali, più del quarto di punto atteso, nel tentativo di frenare un’inflazione persistentemente elevata. Il primo rialzo della banca in 11 anni porta il tasso di deposito allo 0% e il principale tasso di rifinanziamento allo 0,5%. L’istituto ha inoltre approvato un nuovo programma per l’acquisto di obbligazioni, lo Strumento di protezione della trasmissione, volto a contrastare “dinamiche di mercato disordinate e ingiustificate”. Altrove, la Banca del Giappone ha mantenuto i tassi invariati, ma ha abbassato le previsioni di crescita per quest’anno dal 2,9% al 2,4%. Spostandoci nel Regno Unito, a giugno l’inflazione ha toccato il 9,4%, un massimo da 40 anni.

 

Notizie dal mondo

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha varato un piano infrastrutturale da $ 2,3 miliardi per contribuire alla lotta contro il cambiamento climatico. I fondi sono destinati a modernizzare gli edifici, rafforzare il controllo delle inondazioni e aiutare i cittadini con i costi di raffreddamento e riscaldamento. Finanziato tramite il bilancio dell’Ente federale per la gestione delle emergenze, l’investimento complessivo rappresenta solo lo 0,01% del PIL statunitense. Ben poco in confronto ai $ 445 miliardi (1,8%) che il Senato aveva considerato di stanziare lo scorso anno nell’ambito del piano Build Back Better, naufragato in seguito al mancato sostegno dei repubblicani e al voto contrario decisivo del senatore democratico Joe Manchin. In un discorso pronunciato la scorsa settimana, il presidente ha affermato che “il cambiamento climatico è letteralmente una minaccia esistenziale per la nostra nazione e per il mondo”.

 

Il numero sotto i riflettori: 8,5 miliardi

Secondo le ultime proiezioni delle Nazioni Unite (ONU), la popolazione mondiale potrebbe salire da poco meno degli odierni otto miliardi a circa 8,5 miliardi nel 2030 e 9,7 miliardi nel 2050, prima di raggiungere un picco a circa 10,4 miliardi negli anni 2080. Inoltre, l’analisi prevede che il prossimo anno l’India supererà la Cina e diventerà il Paese più popoloso del mondo. Tuttavia, l’ONU ha anche segnalato che la popolazione globale cresce al ritmo più lento dal 1950 ed entro il 2050 il numero di persone con almeno 65 anni sarà più del doppio del numero di bambini sotto i cinque anni.

 

La parola della settimana: Nord Stream 1

E' un gasdotto di primaria importanza, che trasporta il gas russo all’Unione europea (UE). La scorsa settimana il Nord Stream 1 è tornato operativo dopo 10 giorni di manutenzione, ma a un livello ridotto. Il gasdotto rappresenta oltre un terzo delle esportazioni russe di gas verso l’UE. La Commissione europea ha anche proposto agli Stati membri un nuovo obiettivo, ossia diminuire il consumo di gas del 15% entro marzo, dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha paventato possibili ulteriori tagli o persino interruzioni delle forniture.

 

Prossimamente

Lunedì sarà rivelato l’indice tedesco IFO Business Climate per il mese di luglio, mentre martedì giungeranno i più recenti dati statunitensi sulle vendite di nuove abitazioni. Mercoledì i riflettori saranno puntati sulla Federal Reserve, che si riunirà per decidere sui tassi d’interesse. Giovedì sarà pubblicata una stima avanzata sulla crescita del PIL americano per il secondo trimestre (T2). Lo stesso giorno sarà annunciata una serie di indicatori dell’eurozona, tra cui il sentiment economico, industriale e dei servizi di luglio. Sempre nella regione europea, venerdì sono in programma una stima preliminare sulla crescita del PIL per il T2 e l’inflazione per il mese di luglio.

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute.

 

Ti potrebbe interessare

Take 2

L'OCSE rivede al rialzo le previsioni di crescita globale per il 2022, i verbali della Fed confermano che i rialzi potrebbero rallentare

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 28 Novembre 2022 (5 min di lettura)
Take 2

I Paesi del G20 calibreranno il ritmo del ciclo rialzista; inattesa contrazione del PIL giapponese

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 21 Novembre 2022 (5 min di lettura)
Take 2

Azioni sospinte dall’inatteso rallentamento dell’inflazione USA; inviti a regolamentare il greenwashing alla COP27

  • A cura di AXA IM Investment Institute
  • 14 Novembre 2022 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.