Investment Institute
Take 2

Forte revisione al rialzo per la crescita del PIL statunitense nel T1; l’inflazione in Europa diminuisce

  • 03 Luglio 2023 (3 min di lettura)

Fatti salienti

La crescita del PIL statunitense per il primo trimestre (T1) è stata sensibilmente rivista al rialzo a un tasso annuo del 2,0% rispetto all’iniziale 1,3%, un dato comunque inferiore al 2,6% del T4. Il miglioramento a sorpresa è in parte ascrivibile all’ascesa più significativa da circa due anni della spesa delle famiglie, come pure a esportazioni superiori alle attese. Anche un indicatore chiave della fiducia dei consumatori è salito ai massimi da gennaio 2022. Questi segni di resilienza economica potrebbero concedere alla Federal Reserve (Fed) più margini di manovra per contrastare l’inflazione. Il presidente della Fed Jerome Powell ha affermato che, in seno al comitato della banca preposto alla determinazione dei tassi, “un’ampia maggioranza” dei membri si aspetta almeno altri due aumenti quest’anno.

 

Notizie dal mondo

A giugno l’inflazione nell’eurozona è scesa più del previsto al 5,5% dal 6,1% di maggio, trainata dal calo dei prezzi energetici, mentre l’inflazione core è salita dal 5,3% al 5,4%, meno di quanto anticipato. La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha precisato che l’istituto “non può ancora cantare vittoria” nella sua battaglia contro l’inflazione, lasciando intravedere un ulteriore rialzo dei tassi a luglio. Ha inoltre esortato le imprese ad assorbire i crescenti costi del lavoro per non compromettere gli sforzi volti a tenere sotto controllo il rincaro dei prezzi. Il Fondo monetario internazionale ha suggerito che quasi la metà dell’ascesa dell’inflazione europea negli ultimi due anni era attribuibile ai maggiori profitti delle società, poiché l’incremento dei prezzi ha superato quello dei costi energetici.

 

Il numero sotto i riflettori: 4,1 milioni

Secondo l’Università del Maryland, lo scorso anno sono andati distrutti circa 4,1 milioni di ettari di foresta tropicale primaria, il 10% in più rispetto al 2021 e paragonabile alla scomparsa di 11 campi da calcio al minuto. Tale fenomeno ha comportato emissioni di anidride carbonica per 2,7 gigatonnellate, equivalenti alle emissioni annuali di combustibili fossili dell’India, nonostante gli impegni assunti dai leader mondiali alla COP26 di arrestare e invertire la deforestazione entro il 2030. Il Brasile ha registrato la maggiore perdita di superficie forestale nel 2022, malgrado il nuovo presidente Luiz Inácio Lula da Silva si sia impegnato a porre fine alla deforestazione in Amazzonia entro il 2030.

 

La parola della settimana: Riunione annuale dei nuovi campioni

Nota come la “Davos estiva”, l’evento del Forum economico mondiale ha visto la partecipazione di oltre 1.500 leader di imprese, governi e altre organizzazioni per discutere delle sfide globali. Il 14° incontro annuale, tenutosi la scorsa settimana in Cina, era incentrato sul tema dell’imprenditorialità, con sessioni che hanno anche riguardato il debito mondiale, la sostenibilità, l’intelligenza artificiale e l’economia digitale cinese. Il premier cinese Li Qiang ha dichiarato che il Paese era sulla buona strada per raggiungere il suo obiettivo di crescita annuale di circa il 5% e ha promesso ulteriori misure per sostenere l’espansione. Nel frattempo, l’agenzia di rating S&P Global ha tagliato le previsioni sulla crescita cinese per il 2023 dal precedente 5,5% al 5,2%.

 

Prossimamente

Martedì la Reserve Bank of Australia prenderà una decisione sulla politica monetaria. A giugno l’istituto ha inaspettatamente innalzato il tasso di liquidità di 25 punti base al 4,1%, con nuovi rialzi potenzialmente in vista. Il verbale dell’ultima riunione della Fed, durante la quale i tassi d’interesse sono stati mantenuti invariati, sarà pubblicato mercoledì. Lo stesso giorno giungerà anche un’ondata di indici dei direttori agli acquisti (PMI) compositi, con le cifre aggiornate di giugno per Giappone, Cina, India, eurozona, Regno Unito e Australia. Giovedì seguiranno i PMI degli Stati Uniti, mentre venerdì la più grande economia al mondo svelerà i dati sull’occupazione di giugno.

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute

Ti potrebbe interessare

Take 2

L’inflazione statunitense rallenta; il Giappone scivola in recessione

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 19 Febbraio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

L’OCSE alza le previsioni sulla crescita globale; l’indice S&P 500 raggiunge quota 5.000

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 12 Febbraio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

L’eurozona evita la recessione; Fed e BoE mantengono i tassi d’interesse invariati

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 05 Febbraio 2024 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.