Investment Institute
Take 2

Crolla l’attività economica nell’eurozona; la Cina procede a un nuovo taglio dei tassi

  • 28 Agosto 2023 (3 min di lettura)

Fatti salienti

L’attività economica dell’eurozona è scesa al livello più basso da novembre 2020, mettendo in evidenza le preoccupazioni per l’impatto dell’inflazione e dell’aumento dei salari. La stima flash dell’indice PMI composito per il mese di agosto ha subito un calo superiore alle attese, scendendo a 47,0 dal 48,6 di luglio, per effetto di una flessione nel settore dei servizi che ha toccato il minimo da 30 mesi a questa parte, passando da 50,9 a 48,3. Una cifra inferiore a 50 denota una contrazione. L’indice manifatturiero è leggermente migliorato, ma è rimasto ben al di sotto di 50. Il calo è stato in parte dovuto alla più drastica contrazione dell’attività economica registrata in Germania da oltre tre anni. Nel frattempo, il PMI composito del Giappone ha fatto registrare un miglioramento, passando a 52,6 dal 52,2 di luglio.

 

Notizie dal mondo

La Nuova Banca di Sviluppo (New Development Bank) creata dai paesi BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) prevede di ridurre la propria dipendenza dal dollaro USA e di emettere debito nelle valute locali di alcuni dei suoi membri. La presidente della suddetta banca, Dilma Rousseff, ha dichiarato che l’istituto intende distinguersi dalla Banca mondiale e dal Fondo monetario internazionale non imponendo condizioni ai prestiti. La cosiddetta “de-dollarizzazione” è stata all’ordine del giorno del 15° vertice dei BRICS della scorsa settimana, insieme alle discussioni sull’ampliamento dell’alleanza, con l’ingresso di altri sei paesi fissato per l’anno prossimo.

 

Il numero sotto i riflettori: 3,45%

La banca centrale cinese ha tagliato un altro dei principali tassi di riferimento, a fronte del continuo deterioramento della crescita. La Banca popolare cinese (PBoC) ha ridotto per la seconda volta in tre mesi il tasso di riferimento per i prestiti a un anno, tasso cruciale per i prestiti destinati alle imprese, portandolo dal 3,55% al 3,45%. Tuttavia, ha inaspettatamente lasciato invariato il tasso a cinque anni, principalmente applicato ai mutui. La settimana precedente la PBoC aveva anche ridotto i costi di finanziamento sulle linee di credito a medio termine con scadenza annuale, ma alcuni analisti ritengono che sia ancora necessaria un’azione più incisiva per stimolare l’economia, che di recente è scivolata in deflazione per la prima volta da oltre due anni.

 

La parola della settimana

L’ultimo miglio: termine attualmente utilizzato dagli economisti per indicare la fase finale della ripresa dall’inflazione indotta dalla pandemia. La battaglia della Federal Reserve (Fed) statunitense contro l’inflazione è ora rivolta verso questo “ultimo miglio”; alcuni economisti ritengono che per attenuare le attuali impennate dei prezzi e rientrare nell’obiettivo del 2% stabilito dalla banca centrale sarà necessaria una recessione e una consistente perdita di posti di lavoro. In occasione della riunione di politica monetaria di luglio, i funzionari della Fed avevano espresso opinioni divergenti in merito all’aumento dei tassi di interesse; tuttavia, in definitiva, avevano votato all’unanimità per un aumento del tasso dei Federal Fund di 25 punti base, a un livello compreso tra il 5,25% e il 5,50%.

 

Prossimamente

Martedì il Giappone annuncerà il tasso di disoccupazione di luglio. Nella giornata di mercoledì è prevista la pubblicazione di molteplici statistiche dell’eurozona relative al mese di agosto, tra cui le indagini sul sentiment economico e industriale. Inoltre, sarà resa nota la seconda stima sulla crescita del PIL statunitense per il secondo trimestre (T2). Gli ultimi dati sull’inflazione e sulla disoccupazione dell’eurozona sono in programma per giovedì. Venerdì il Canada rilascerà la seconda stima sulla crescita economica per il T2, mentre gli Stati Uniti comunicheranno i dati relativi all’occupazione di agosto.

 

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute

Ti potrebbe interessare

Take 2

L’inflazione rallenta negli USA; nell’Eurozona le previsioni del PIL per il 2025 sono state riviste al ribasso

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 17 Maggio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

La crescita del commercio dovrebbe raddoppiare nel 2024; dalla Banca d’Inghilterra arrivano segnali di tagli dei tassi

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 13 Maggio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

La Fed mantiene i tassi invariati; l’economia dell’eurozona torna a crescere

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 06 Maggio 2024 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.