Investment Institute
Outlook Annuale

Outlook 2024: USA avanti, Europa col freno, no recessione

  • 05 Dicembre 2023 (5 min di lettura)

Crescita, inflazione, tassi, debito pubblico: anche il 2024 si preannuncia un anno pieno di sfide. Tuttavia, la tanto temuta recessione non è arrivata e lo scenario base per il prossimo anno (e per il 2025) è quello di un rallentamento della crescita e dell’inflazione e di una moderazione dei tassi d’interesse. Quali implicazioni per gli investitori?

Il 2023 è stato l’anno della recessione più telegrafata: a lungo temuta, non si è poi materializzata. Anzi, il 2023 sarà ricordato come un anno spettacolare per l’economia a stelle e strisce. Ma va sottolineato come lo storytelling sulla crescita sia molto cambiato da inizio anno. Nel giro di soli nove mesi, le view di Wall Street sono passate da una narrazione di recessione negli Stati Uniti a una narrazione di “soft landing”, cioé di un rallentamento del tasso di crescita dell’economia.

A dispetto di quanto inizialmente quasi tutti si aspettavano, i rialzi dei tassi da parte della Federal Reserve (Fed) non hanno messo il freno all’economia americana, che durante tutto l’anno ha continuato a crescere, per poi accelerare nel terzo trimestre (+2,3%). Questo spiega l’ottima performance dell’equity rispetto al fixed income, che a inizo anno veniva dato da tutti come il cavallo vincente. 


Resta il gap Stati Uniti - Eurozona

In Eurozona invece la crescita sta rallentando, ma anche qui la recessione è stata evitata. Nel 2024 ci aspettiamo che permanga il gap tra i due lati dell’Atlantico. Mentre ci aspettiamo che l’economia americana continui la sua crescita (+1,1%), pur rallentando rispetto al 2023, per poi rialzare la testa nel 2025 (+1,6%), l’area euro dovrà affrontare il consolidamento fiscale e l’effetto ritardato della stretta monetaria, quindi avanzerà a passo di lumaca (+0,3% nel 2024 e +0,8% nel 2025).

“Nel 2025 dovremmo poi riallinearci con i tassi di crescita potenziale anche grazie all’intervento delle banche centrali che andranno a limare i tassi d’interesse”, commenta Alessandro Tentori, Chief Investment Officer di AXA Investment Managers Southern Europe. “Ci aspettiamo anche una crescita più bassa e una moderazione dei tassi d’interesse, senza che questo diventi un nuovo ciclo di tagli da parte delle banche centrali.”

Image

Fonte: AXA IM Outlook, novembre 2023.


Aumenta il costo del debito pubblico

Per l’Italia AXA IM prevede una crescita piatta nel 2024 seguita da uno striminzito +0,5% nel 2025. Il nuovo scenario “higher for longer” significa che il costo del debito pubblico aumenta. “Il dato è deludente innanzitutto perché vorrebbe dire che l’Italia torna ad essere il fanalino di coda dei maggiori paesi dell’Eurozona e poi lo è ancor di più nel contesto dei grandi finanziamenti Next Generation EU”, commenta Tentori.

Inoltre, aggiunge l’economista di AXA IM, “questo rallentamento dell’inflazione e della crescita si sposa male con i rendimenti del BTp che restano alti, andando così ad appesantire ulteriormente il bilancio pubblico”. La crescita piatta e l’avanzo primario negativo sono dei rischi per il nostro paese (gravato da un debito pubblico enorme).

L’aumento del debito pubblico è un problema anche per gli Stati Uniti: basta guardare la traiettoria (grafico sotto) in aumento del debito pubblico detenuto dalle famiglie americane e dalle banche.

Image

Congressional Budget Office e AXA IM Research, giugno 2023.


Inflazione: a che punto siamo?

L’inflazione è soprattutto un rischio per l’Eurozona, maggiormente esposta alle pressioni inflazionistiche, lato energia e lato salari. A livello mondiale, l’inflazione core è in discesa dopo i livelli elevati degli ultimi due anni (tranne che in Giappone, dove – in controtendenza – sta salendo). In Cina èin rallentamento da due anni. Per il 2024 AXA IM prevede un’inflazione in rallentamento sia negli Stati Uniti (3,2%) che nell’Eurozona (2,7%), e per il 2025 rispettivamente a 2,7% e 2,2%.

Image

Fonte: AXA IM, Bloomberg, novembre 2023.


Mercato del lavoro resiliente

Il mercato del lavoro negli Stati Uniti si è mostrato resiliente ed è stata la variabile che ha cambiato le carte in tavola perché ha sostenuto i consumi degli americani, contrariamente a ogni aspettativa. L’inflazione salariale è soprattutto un rischio in Eurozona, dove pure il mercato del lavoro ha mostrato resilienza, ma è molto diverso da quello statunitense. “Una differenza importante è che in Europa deve ancora materializzarsi la trasmissione dell’inflazione dei trimestri passati e dei salari in aumento perché questo è un mercato più istituzionale, necessita più tempo per la contrattazione salariale, mentre il mercato del lavoro americano è caratterizzato da una contrattazione molto più dinamica,” spiega Tentori. 

Tassi: più alti più a lungo

Nel nuovo anno gli investitori dovranno acclimatarsi al nuovo contesto “higher for longer” divenuto il “new normal”. Che non vuol dire che i tassi rimarranno fermi. Per il 2024 AXA IM prevede che sia la Fed che la Bce opereranno tagli per 75 basis point a partire dal secondo trimestre. Ma questo aggiustamento alla nuova realtà di tassi più alti più a lungo, secondo l’Outlook di AXA IM, dovrebbe includere una ripresa dell’economia globale che porti a una crescita più robusta dal 2025 in avanti. “Non si tratta di un nuovo ciclo al ribasso ma di un aggiustamento da livelli molto restrittivi di politica monetaria”, nota Tentori.


Elezioni presidenziali negli Stati Uniti

A livello geopolitico, le elezioni per la presidenza degli Stati Uniti a novembre si profilano come l’evento globale più atteso e importante. Tuttavia, queste elezioni si inseriscono all’interno di un calendario politico che si preannuncia molto fitto. Infatti, nel mondo più di due miliardi di elettori verranno chiamati alle urne.

Come investire?

Visto il contesto, le opportunità per gli investitori non mancheranno, a cominciare dai mercati del reddito fisso. “I tassi più alti offriranno la possibilità di rendimenti più elevati, soprattutto sui mercati dei corporate sia Investment Grade sia High Yield”, sottolinea Tentori. Ma vi saranno opportunità anche nell’azionario, perché una politica monetaria meno restrittiva dovrebbe migliorare le condizioni per la crescita del capitale, e soprattutto eliminare quella fonte d’incertezza che ha spesso innervosito gli investitori negli ultimi due anni. In conclusione, secondo Tentori bisognerebbe sfruttare i vari motori di performance, in particolare il rischio di credito, sia sul mercato azionario che su quello obbligazionario. Il rischio di tasso andrebbe “gestito in maniera molto attiva, come un motore di performance”, consiglia il CIO di AXA IM Southern Europe. E per prendere vantaggio dal rischio di tasso piuttosto che subirlo ci vuole “un comportamento dinamico rispetto alle scadenze temporali degli investimenti”.

Vidéo: Outlook 2024-2025 (Webinar)
Mercati La Parola a Tentori

Outlook 2024-2025 (Webinar)

  • by Alessandro Tentori
  • 05 Dicembre 2023 (15 min di lettura)
Investment Institute
Outlook 2024: USA avanti, Europa col freno, no recessione
Mercati Outlook Annuale

Outlook 2024: USA avanti, Europa col freno, no recessione

  • by Alessandro Tentori
  • 05 Dicembre 2023 (5 min di lettura)
Investment Institute
Macro outlook– Twin Policy Test
Mercati Outlook Annuale

Macro outlook– Twin Policy Test

  • by Gilles Moëc
  • 04 Dicembre 2023 (5 min di lettura)
Investment Institute

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.