Azionario: mercati ancora giù, pesano i timori di recessione

  • 12 Ottobre 2022 (5 min di lettura)

Mercati azionari in forte calo, sotto il peso dei timori per una recessione globale. In aumento l’avversione al rischio, con il dollaro americano che sembra essere il solo rifugio. E mentre la valuta statunitense continua ad apprezzarsi rispetto a tutte le altre, i tassi a 10 anni continuano a salire sia negli Stati Uniti che in Europa. Ma con valutazioni così basse forse non è un brutto momento per cominciare un piano d’accumulo.

Sul piano economico, il livello dell’inflazione in eurozona – ancora superiore alle attese – suggerisce che le banche centrali continueranno ad aumentare i tassi di riferimento e al tempo stesso faranno aumentare i timori di un marcato rallentamento dell'attività economica. Sul piano politico, in Europa due paesi hanno contribuito all’incertezza, data la minore – effettiva o presunta – disciplina finanziaria. Da una parte l’Italia, con la vittoria di una coalizione di destra alle elezioni legislative, e dall’altra il Regno Unito, con l'annuncio di un “mini-Budget” (una “mini-Finanziaria”) da parte del nuovo governo di Liz Truss che ha scatenato la reazione avversa dei mercati e indebolito la sterlina.

A settembre i mercati finanziari hanno vissuto un forte aumento dell'avversione al rischio in uno scenario dove solo il dollaro sembra svolgere il ruolo di bene rifugio. E mentre la valuta statunitense continua ad apprezzarsi rispetto a tutte le altre valute, i tassi a 10 anni continuano a salire sia negli Stati Uniti che in Europa, e i mercati azionari sono in forte calo.

L’indice DJ Eurostoxx dividendi reinvestiti ha lasciato sul terreno il 6,23% nel mese scorso. Solo il settore finanziario è riuscito a tenersi positivo, spinto dall'aumento dei tassi d’interesse e dal miglioramento dei margini. Al contrario, i settori long duration, quali tecnologia, immobiliare, telecomunicazioni, utilities, hanno registrato i cali maggiori.

 

Piazza Affari barometro e amplificatore d’Europa

Abbiamo spesso definito il mercato italiano un amplificatore di quello europeo. Anche in questo caso, Piazza Affari ha svolto il suo ruolo di amplificatore (di sentiment negativo).

Il Ftse Italia All Share NT ha perso il 4,62% a settembre. Come nel resto d’Europa, solo il settore finanziario è riuscito a chiudere il mese in positivo, grazie all’aumento dei tassi d’interesse. Penalizzati tutti i settori long duration.

In questo contesto, il nostro fondo AXA WF Italy Equity ha chiuso il mese con un calo del 4,90% sulla Classe d’Azioni A EUR1 . Un calo maggiore è stato evitato grazie alla selezione di titoli quali Fineco, Mediobanca, Amplifon, Bper, Nexi, Energy, Reply che pesano più del 20% in portafoglio e che hanno messo a segno progressi anche significativi, come nel caso di Fineco, che ha guadagnato il 17% nel corso del mese.

Data la buona performance dei finanziari, non avere Unicredit in portafoglio ha pesato sulla performance complessiva del fondo.

A settembre abbiamo tratto profitto dai ribassi per rafforzare le nostre posizioni su Enel e Terna e per aprire una nuova posizione su Reply. Si tratta di una società di consulenza in servizi d’informatica, che accompagna le imprese nel percorso verso la digitalizzazione. Malgrado prospettive di crescita sempre intatte, e dopo un ribasso vicino al 45%, la valutazione del titolo ci sembra ritornata interessante.

 

Scarsa visibilità  

Nelle prossime settimane gli investitori dovrebbero puntare la loro attenzione sui primi risultati trimestrali societari per misurare l’impatto dell’inflazione, da inizio anno, sui costi e sulla crescita del business. Se migliori delle attese, le trimestrali potrebbero aiutare i mercati a contenere i ribassi. Ma a pesare sono soprattutto i timori di recessione che non si sa quanto sarà lunga e profonda. Le valutazioni, che oggi sono molto basse, al di sotto delle medie di lungo termine in Europa, sembrano scontare una revisione al ribasso dei risultati societari.  

Forse con questi livelli il mercato sconta già un ribasso degli indici.

Probabilmente è troppo presto per tornare in maniera aggressiva sui mercati azionari vista la scarsa visibilità legata ad alcune variabili, come l'evoluzione del conflitto in Ucraina, il clima invernale che condizionerà il fabbisogno di gas dei vari paesi e di conseguenza l’ampiezza del rallentamento economico in Europa, senza dimenticare le possibili scelte politiche nel Regno Unito o in Italia. Le valutazioni scontano forse già questa incertezza generale. Se arrivasse una buona notizia, per esempio se sapessimo che inverno sarà e se le condizioni climatiche ci evitassero di rimanere senza gas, oppure se la guerra in Ucraina si fermasse, i mercati potrebbero tornare positivi. In conclusione, visto il livello di scetticismo sul mercato oggi, basterebbero poche buone notizie per portare un po’ di positività.

 

Pensare a un piano d’accumulo

Dobbiamo aspettarci che la volatilità resti. C’è ancora incertezza e non si sa quanto durerà. Ma forse non è un brutto momento per cominciare un piano d’accumulo: i prezzi sono attraenti, le valutazioni sono basse. Alcuni trend rimarranno, soprattutto quello della transizione energetica. È certamente troppo presto per essere positivi, ma cominciare oggi un piano d’accumulo su basi settimanali o mensili con prezzi che forse già scontano le brutte notizie potrebbe non essere una cattiva idea.

  • QVhBIElNIGFsIDMwIHNldHRlbWJyZSAyMDIyLiBMYSBwZXJmb3JtYW5jZSBwYXNzYXRhIG5vbiDDqCBpbmRpY2F0aXZhIGRlaSByaXN1bHRhdGkgZnV0dXJpLg==

Visita il nostro Fund Center

Azioni
AXA WF Italy Equity

Per ulteriori informazioni sul prodotto (performance, documenti correlati, ecc.), visita il nostro Fund Center.

Scopri di più

Ti potrebbe interessare

Azioni

Azionario: il mercato rimbalza scommettendo sulla fine del ciclo di rialzi

  • A cura di Gilles Guibout
  • 04 Novembre 2022 (5 min di lettura)
Azioni

Azionario: l’importanza di essere selettivi in un contesto difficile

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 28 Ottobre 2022 (3 min di lettura)
Azioni

Webinar con Mark Hargraves - 27 ottobre 2022

  • A cura di Mark Hargraves
  • 27 Ottobre 2022 (15 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.

    Contenuto riservato ad investitori professionali

    Questa sezione del sito potrebbe contenere informazioni non appropriate e di non immediata comprensione per gli investitori retail. Confermo di essere un investitore professionale, come definito dall'art. 35 della Delibera Consob n. 20307 del 15 febbraio 2018, di essere in possesso delle conoscenze e dell’esperienza di investimento necessarie associate a tale profilo.