Azionario: incertezza sulla crescita, aumento inflazione è unica certezza

  • 11 Marzo 2022 (3 min di lettura)

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia è stata una doccia fredda sui mercati, proprio quando le notizie sul fronte del Covid-19 stavano andando nella giusta direzione e i risultati societari mostravano di essere rimasti solidi. Ma questa crisi non cambia – anzi rafforza – il nostro approccio basato su una buona diversificazione all’interno del portafoglio per poter affrontare scenari diversi. Inoltre, essa rafforza alcuni trend già in atto, come quello della transizione energetica, che oggi oltre alla spinta del clima riceve una spinta dalla volontà di maggiore indipendenza energetica dell’eurozona.

 

A febbraio il mercato azionario è sceso drasticamente quando il rimbalzo dei rendimenti obbligazionari registrato dall’inizio dell’anno si è interrotto. Il conflitto ha fatto schizzare i prezzi dell’energia e delle materie prime, con il prezzo al barile del Brent che ha addirittura superato la soglia dei 100 USD per la prima volta dal 2014. Ma non corre soltanto il comparto energia, corrono anche agricoltura, soft commodities e industriali.

 

Quale impatto della crisi sul portafoglio?

Questa crisi rafforza, ancora una volta, alcuni trend che erano già in atto, come l’inflazione e la transizione energetica. Innanzitutto rafforza il rischio inflattivo per l’aumento delle materie prime e dell’energia. Tuttavia, avevamo già incluso questo rischio, che ora appare più forte, nel nostro scenario di base.

Il fatto che la crescita sia rivista al ribasso è negativo per il settore finanziario e per tutti i settori del consumo.

Anche il trend della transizione energetica sembra rafforzato. Se prima la spinta arrivava soprattutto dal clima, oggi viene anche dal tema della sovranità dell’Europa (tagliare la dipendenza dal gas e dal petrolio russo). D’altro lato c’è il tema della difesa. Questa crisi sarà ancora una volta un’opportunità per fare un ulteriore passo verso una maggiore integrazione europea, che significa ridurre il rischio politico che ha sempre pesato sulla costruzione europea.

La crisi attuale quindi non cambia – anzi rafforza – il nostro approccio d’investimento, basato su una buona diversificazione all’interno del portafoglio per poter affrontare scenari diversi. Ancora prima della scoppio della guerra i punti d’incertezza erano tali che l’unico modo per non esservi esposti era quello di mantenere un approccio bilanciato del nostro portafoglio, in modo da poter affrontare qualsiasi nuovo sviluppo.

Questo significa accettare anche di pagare prezzi alti per alcune società di qualità, al tempo stesso selezionando società più a buon mercato ma che offrono prospettive di miglioramento della profittabilità e del fatturato. Rimaniamo fedeli alla nostra strategia di investimento, puntando su società di qualità con bilanci solidi, con prospettive di crescita ed esposte a temi di lungo termine.

Siamo selettivi nella scelta dei titoli e, pur continuando a privilegiare le società che offrono un reale potenziale di crescita del fatturato e/o dei margini, siamo anche alla ricerca di società che abbiano avviato un processo di trasformazione credibile del loro modello economico offrendo la prospettiva di un aumento della redditività e un potenziale di rivalutazione.

 

Il fondo riesce a limitare le perdite grazie allo stock picking

Sul mese, il Ftse Italia All Share NT è sceso del 5,11%. Le migliori performance sono state quelle dei titoli delle risorse di base, delle utilities, e dell’energia. Al contrario, i settori finanziari sono stati penalizzati dalle preoccupazioni macro economiche e dal calo dei tassi osservato su entrambe le sponde dell’Atlantico.

In questo contesto, malgrado la sottoesposizione al settore dell’energia, il nostro fondo AXA WF Framlington Italy è riuscito a contenere il calo grazie alla selezione di titoli come Erg, Terna, Technoprobe, Amplifon, Ferragamo, Avio, Fineco, CY4Gate o anche Datrix, che nel corso del mese hanno messo a segno dei progressi.

A febbraio abbiamo venduto Datalogic. Abbiamo ridotto Amplifon e Inwit, le cui valutazioni elevate li rendono vulnerabili a una compressione dei multipli. Abbiamo invece sfruttato i ribassi di STM, Iveco e Stellantis per rafforzarci su queste posizioni. Infine, abbiamo partecipato all'IPO (initial public offering) di Technoprobe.

Technoprobe è una società che da oltre 30 anni sviluppa soluzioni per testare il corretto funzionamento dei semiconduttori. Tali soluzioni hanno consentito alla società di raggiungere una posizione di leadership, sia in termini di quota di mercato che di redditività, in un mercato le cui prospettive restano favorevoli data la sempre maggiore penetrazione dei semiconduttori in tutti i settori d’attività.

Il nostro fondo, AXA WF Framlington Italy, ha limitato le perdite a un - 4,25% per la Classe d’Azioni A EUR1 .

Mentre l’anno scorso il fondo ha sofferto per non essere esposto a Unicredit, a febbraio questa non esposizione ci ha permesso di beneficiare dello storno importante del titolo, che pesa per quasi il 7% del mercato.

 

Cosa aspettarsi nelle prossime settimane

Nelle prossime settimane la volatilità del mercato dovrebbe restare alta dal momento che è difficile prevedere l’evoluzione dei mercati in una tale crisi geopolitica. I prezzi del petrolio e del gas faranno sicuramente da bussola per gli investitori tenuto conto dell’impatto probabile sul ritmo della crescita e sull’inflazione. La rotazione dallo stile growth a quello value osservata da inizio anno potrebbe, ora, lasciare il posto a una rotazione verso settori più difensivi per l’impatto macroeconomico che si farà sentire in Europa.

Infine, questa crisi dovrebbe rimettere in discussione le aspettative di un rialzo dei tassi sui mercati obbligazionari, che potrebbe avere un impatto negativo su alcuni settori, in particolare su quello finanziario.

Nel breve, bisogna seguire ogni giorno cosa sta succedendo sul fronte del conflitto in Ucraina per assicurarsi che non si estenda. Si tratta di vedere quale effetto avrà il rialzo dei prezzi sulla crescita economica e quale comportamento assumeranno gli investitori sui mercati. Al momento non ci sono stati tanti riscatti. Noi siamo molto attenti a mantenere un controllo della liquidità del portafoglio, dal momento che il fondo AXA WF Framlington Italy è PIR compliant e quindi ha un’allocazione superiore al 20% sulle mid-small cap. Se necessario, siamo in grado di vendere il 50% del portafoglio in un giorno. Questo è un elemento estremamente importante nei momenti di crisi.

  • QVhBIElNIGFsIDI4IGZlYmJyYWlvIDIwMjIuIExhIHBlcmZvcm1hbmNlIHBhc3NhdGEgbm9uIMOoIGluZGljYXRpdmEgZGVpIHJpc3VsdGF0aSBmdXR1cmku

Visita il nostro Fund Center

Azioni
AXA WF Framlington Italy

Per ulteriori informazioni sul prodotto (performance, documenti correlati, ecc.), visita il nostro Fund Center.

Scopri di più

Ti potrebbe interessare

Azioni

Azionario: il mercato rimbalza scommettendo sulla fine del ciclo di rialzi

  • A cura di Gilles Guibout
  • 04 Novembre 2022 (5 min di lettura)
Azioni

Azionario: l’importanza di essere selettivi in un contesto difficile

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 28 Ottobre 2022 (3 min di lettura)
Azioni

Webinar con Mark Hargraves - 27 ottobre 2022

  • A cura di Mark Hargraves
  • 27 Ottobre 2022 (15 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.

    Contenuto riservato ad investitori professionali

    Questa sezione del sito potrebbe contenere informazioni non appropriate e di non immediata comprensione per gli investitori retail. Confermo di essere un investitore professionale, come definito dall'art. 35 della Delibera Consob n. 20307 del 15 febbraio 2018, di essere in possesso delle conoscenze e dell’esperienza di investimento necessarie associate a tale profilo.