Azionario: fine anno in calo dopo banche centrali, in attesa dei risultati annuali

  • 09 Gennaio 2023 (5 min di lettura)

I mercati azionari hanno chiuso il 2022 in calo dopo le ultime sedute delle banche centrali, con i tassi a lungo termine in aumento. La speranza per una politica monetaria meno restrittiva ha avuto vita breve. I mercati restano in attesa dei risultati annuali, che dovrebbero permettere di capire come le aziende stanno gestendo i costi in aumento e quali saranno in grado di assicurare utili.

Nel mese di dicembre si sono svolti gli ultimi appuntamenti dell’anno delle banche centrali nei quali sia la Federal Reserve (Fed) che la Banca centrale europea (Bce) hanno alzato di mezzo punto percentuale i tassi d’interesse, com’era atteso. Ma le comunicazioni che hanno accompagnato i rialzi hanno raffreddato le speranze dei mercati per una politica monetaria meno restrittiva. La Fed ha detto di aspettarsi che i tassi raggiungano un picco di oltre il 5% il prossimo anno, più di quanto si aspettavano i mercati, e la Bce ha peggiorato le sue prospettive sull’inflazione.

Ancora una volta, quindi, gli investitori sono stati scottati dalla determinazione delle banche centrali a combattere l'inflazione, respingendo la prospettiva della tanto attesa svolta nella politica monetaria. Alla fine del mese, tale prospettiva si è ulteriormente allontanata dopo che la Cina ha annunciato la revoca delle sue misure anti-Covid. Una decisione positiva per la crescita economica globale, ma che rischia di ostacolare il calo dell'inflazione.

Soprattutto i settori della tecnologia e dei consumi discrezionali (beni durevoli il cui consumo è maggiormente sensibile al ciclo economico), che stanno risentendo dell'aumento dei tassi e della violenta recrudescenza dei casi di Covid-19 in Cina, hanno pesato sulla performance dell’indice DJ Eurostoxx dividendi reinvestiti, che ha chiuso il mese con un calo del 3,47%. Al contrario, i titoli finanziari sono rimasti quasi stabili. 

 

In attesa dei risultati societari

Nelle prossime settimane, al di là dell'evoluzione della situazione sanitaria in Cina e in assenza di un messaggio pianificato da parte delle banche centrali, gli investitori potrebbero mostrare un atteggiamento attendista fino alla pubblicazione dei primi risultati annuali, che permetteranno di tastare il polso dell’economia reale.

Al di là delle indicazioni sull'andamento della fine dell'anno, questi risultati dovrebbero consentire alle aziende di condividere le proprie prospettive in termini di crescita ma soprattutto di redditività, vista l'elevata inflazione registrata. In un contesto di previsto rallentamento della crescita, questi elementi saranno preziosi per determinare quali società possono generare crescita nei loro risultati.

Infatti, se per il mercato azionario europeo nel suo complesso la compressione dei multipli di valutazione registrati lo scorso anno ha permesso di tornare su livelli prossimi alla media di lungo periodo, ciò significa che per il 2023 il principale driver della performance dovrebbe essere legato alla capacità delle aziende di crescere in un contesto ancora molto incerto.

 

Manca visibilità

Come abbiamo detto altre volte, l’impatto dei tassi sui multipli di valutazione, per l’anno prossimo, sarà minimo. Sarà piuttosto la direzione degli utili ad avere un impatto. Se veramente avremo una recessione, gli utili societari caleranno. Questo dipenderà da una serie di variabili sulle quali abbiamo ancora poca visibilità: per esempio non sappiamo se i prossimi mesi invernali saranno molto o poco freddi, da cui dipenderà la domanda di gas, o come si evolverà la guerra in Ucraina. Al momento ci sono troppe incognite e questo ci porta a mantenere una strategia che punti a investire dove possiamo avere più visibilità o più probabilità di vedere una crescita del fatturato e degli utili.

Ancora una volta, quindi, pensiamo che sia importante mantenere una buona diversificazione e ci concentriamo su società che combinano la capacità di adeguare i prezzi, avere visibilità e/o prospettive di crescita attraverso l'esposizione a temi di lungo termine, nonché una solida struttura finanziaria.

Per esempio, ci piacciono le banche, che dovrebbero beneficiare dei tassi in rialzo, e le società coinvolte nella transizione energetica o nell’innovazione digitale.

 

Performance di AXA WF Italy Equity

A dicembre, il Ftse Italia All Share NT è calato del 3,44% principalmente a causa della performance dei titoli tecnologici e del consumo discrezionale, come nel resto d’Europa. Al contrario, i settori delle telecomunicazioni e della sanità hanno registrato un lieve incremento grazie a Telecom Italia, che ha beneficiato delle discussioni in corso sulla creazione di una rete unica, e a Diasorin – a seguito della combinazione dell'epidemia influenzale e del Covid-19 a fine anno.

In questo contesto, il fondo AXA WF Italy Equity è riuscito a contenere il calo grazie anche alla sua componente PIR che impone al fondo un’esposizione oltre il 21% alle small e mid cap. Il fondo ha chiuso il mese con un calo del 2,84% per la Classe d’Azioni A EUR1 .

Infatti, a dicembre l’indice Star mid-cap ha registrato un calo più modesto (-1,53%) rispetto alla forte sottoperformance avuta dalla scorsa estate. Da luglio, in soli tre mesi, i titoli mid e small caps hanno perso più del 10% prima di risalire. Il calo si è molto ridotto a dicembre, permettendo quindi al nostro fondo di fare meglio del mercato. Così tra i dieci titoli in portafoglio che mostrano performance superiori al 2%, Prysmian, GVS, doValue, Labomar, Diasorin, Fineco, Amplifon, RaiWay, Intercos, Wiit, soltanto due sono large cap.

Nel corso del mese abbiamo alleggerito Mediobanca e partecipato all’offerta d’acquisto parziale di OpenJobMetis. Abbiamo poi aperto una posizione su Brembo, società leader mondiale dei sistemi frenanti per le due ruote, che dovrebbe beneficiare della lieve ripresa della produzione automotive nel 2023.

 

Pensare a una strategia d’accumulo

Come abbiamo sottolineato in altre occasioni, la sottoperformance estiva delle mid e small caps ha creato, secondo noi, delle opportunità. Ci sembra quindi un momento interessante per guardare ancora ai fondi PIR che hanno sofferto dei flussi negativi ma che possono offrire delle opportunità per chi vuole investire sul medio termine. Per chi volesse considerare una strategia d’accumulo, questo potrebbe essere un momento opportuno.

Per le prossime settimane ci aspettiamo un po’ di volatilità data la mancanza di visibilità sulla direzione che prenderanno gli utili. E con il rallentamento in atto facciamo fatica a pensare che gli utili aziendali vengano rivisti al rialzo nel 2023. Ma è ancora troppo presto per sapere quale sarà l'ampiezza delle revisioni al ribasso. Crediamo quindi che sia troppo presto per essere ottimisti ed è quanto mai importante usare cautela e mantenere un portafoglio bilanciato e diversificato.

  • QVhBIElNIGFsIDMxIGRpY2VtYnJlIDIwMjIuIExhIHBlcmZvcm1hbmNlIHBhc3NhdGEgbm9uIMOoIGluZGljYXRpdmEgZGVpIHJpc3VsdGF0aSBmdXR1cmku

Visita il nostro Fund Center

AZIONI
AXA WF Italy Equity

Per ulteriori informazioni sul prodotto (performance, documenti correlati, ecc.), visita il nostro Fund Center.

Scopri di più

Ti potrebbe interessare

Azioni

Azionario: nel 2023 puntiamo su Automazione

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 20 Gennaio 2023 (5 min di lettura)
Azioni

Azionario: ancora rimbalzo, ma manca visibilità

  • A cura di Gilles Guibout
  • 07 Dicembre 2022 (5 min di lettura)
Azioni

Azionario: il mercato rimbalza scommettendo sulla fine del ciclo di rialzi

  • A cura di Gilles Guibout
  • 04 Novembre 2022 (5 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2023 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.

    Contenuto riservato ad investitori professionali

    Questa sezione del sito potrebbe contenere informazioni non appropriate e di non immediata comprensione per gli investitori retail. Confermo di essere un investitore professionale, come definito dall'art. 35 della Delibera Consob n. 20307 del 15 febbraio 2018, di essere in possesso delle conoscenze e dell’esperienza di investimento necessarie associate a tale profilo.