Azionario: dopo gli utili, l’attenzione torna sui tassi

  • 10 Marzo 2023 (3 min di lettura)

Archiviati i timori di una recessione, il focus del mercato si è spostato dalle aspettative sul raggiungimento del picco dei rialzi a quelle per un proseguimento della stretta monetaria, con un leggero peggioramento del sentiment. Gli utili societari, che si sono rivelati piuttosto positivi, hanno contribuito al rialzo di febbraio. Tuttavia, nelle prossime settimane potrebbe venire a mancare questo significativo supporto del mercato.

I mercati azionari europei hanno proseguito il rialzo a febbraio, ma in modo decisamente più modesto rispetto al rally d’inizio anno. Eppure questa performance è in qualche modo sorprendente se consideriamo una serie di venti contrari, come un ulteriore aumento dei tassi d’interesse, un'inflazione ancora molto alta e tensioni in aumento tra Cina e Stati Uniti.

Gli investitori hanno concentrato maggiormente la loro attenzione sulle pubblicazioni degli utili societari, che sono stati piuttosto positivi e hanno portato a revisioni al rialzo significative dell'utile per azione (EPS) per alcuni settori, come quello bancario e dei viaggi/tempo libero. Gli istituti bancari dovrebbero vedere aumentare i propri margini d’interesse grazie al fatto che il costo del denaro continuerà ad aumentare.

 

Dati macro superano il consensus degli analisti

Le previsioni di crescita per l’Unione Europea sono state riviste al rialzo dalla Commissione Europea a +0,9%, principalmente grazie al calo dei prezzi dell'energia e ad una domanda resiliente.

I dati macro indicano che l’Europa dovrebbe superare il rischio di una recessione, come invece si temeva qualche mese fa. Il multiplo di valutazione del mercato si è compresso ed è sceso sotto la media, quindi anche se i tassi salgono restiamo al di sotto della media di lungo periodo. Per il momento le revisioni al ribasso degli utili non sono arrivate, perché il quadro economico è migliorato.

Tuttavia, archiviata la stagione degli utili, il mercato azionario potrebbe perdere un supporto significativo. Certamente la ripresa economica post-Covid in Cina dovrebbe sostenere la crescita globale, ma l'inflazione e i dati economici indicano tassi più elevati a lungo termine.

Il mercato del lavoro rimane tirato per ragioni cicliche e strutturali che potrebbero portare ad una maggiore pressione sui margini aziendali che sono rimasti su livelli storicamente elevati. Le banche centrali hanno già annunciato la volontà di proseguire la stretta monetaria per riportare l'inflazione su livelli più vicini al target del 2%, e questo dovrebbe pesare in ultima analisi sulla crescita. Questo quadro resta positivo per le banche, che possono salire ulteriormente. Dato il peso del settore bancario a Piazza Affari, è possibile che il mercato italiano metta ancora a segno buone performance se i tassi salgono.

 

Timori su un inasprimento della politica monetaria

La possibilità di politiche monetarie potenzialmente più aggressive da parte delle banche centrali rischia di pesare sull’azionario. Bisognerà capire se il rialzo dei tassi da qui a fine anno porterà a una recessione, o a un significativo rallentamento dell’economia, e già si vedono alcuni segnali, come il rallentamento delle richieste di credito o certa pressione sui margini aziendali per il rincaro della manodopera.

Per le prossime settimane ci aspettiamo quindi mercati più volatili e crediamo sia importante mantenere una buona diversificazione del portafoglio. Rimaniamo fedeli alla nostra strategia d’investimento concentrandoci su società che combinano una struttura finanziaria solida con la capacità di aggiustamento dei prezzi, visibilità e prospettive di crescita attraverso l’esposizione a tematiche di lungo termine. Forse è presto per essere veramente negativi, ma è il momento di usare cautela.

 

Piazza Affari avanza, ma il rialzo è più modesto rispetto a inizio anno

Il DJ Eurostoxx dividendi reinvestiti ha guadagnato l’1,92% a febbraio, spinto principalmente dai settori dell’industria e della finanza che hanno beneficiato del miglioramento delle stime di crescita e, nel caso della finanza, della prospettiva di tassi più elevati. Al contrario, il settore immobiliare ha perso sotto l’effetto dell’inasprimento della stretta monetaria.                                                                                       

A Piazza Affari, il Ftse Italia All Share NT è salito del 3,33%, trainato principalmente da banche e auto dopo gli ottimi risultati di Stellantis, mentre le utilities hanno sofferto il rialzo dei tassi e il settore energetico in particolare è stato penalizzato dopo gli annunci di Eni relativi a investimenti ben al di sopra delle attese. Anche questo mese le small cap hanno continuato a sottoperformare, come l'indice Star, salito solo dell'1,88%. Guardando al lato positivo, questa sottoperformance delle small rispetto alle large cap è durata così tanto che crediamo che la fine debba essere vicina.

 

Sulla performance di AXA WF Italy Equity pesano ancora le small cap

In questo contesto, il nostro fondo AXA WF Italy Equity ha messo a segno un progresso dell’1,44% per la Classe d’Azioni A EUR1 , senza tuttavia riuscire a eguagliare la performance del mercato. Questo si spiega in parte per il suo status di fondo PIR che richiede una componente significativa di small cap in portafoglio, e in parte anche per il ribasso delle utilities, come Enel, Terna, o ancora Erg, penalizzate dall’aumento dei tassi.

Del resto, l’assenza di esposizione a certi titoli, come Ferrari, o Unicredit, pesa ancora sulla nostra performance. Se per Ferrari abbiamo preso in considerazione la possibilità di riposizionarci cogliendo l’occasione di un ribasso, non è questo il caso di Unicredit del quale continuiamo a non apprezzare la strategia puramente finanziaria.

Restiamo positivi sui bancari e riteniamo che al momento il mercato sottovaluti ancora l’impatto del rialzo dei tassi sul settore finanziario. A febbraio abbiamo aumentato il peso di BPER e abbiamo aperto una piccola posizione su Banca Popolare Milano, dopo un incontro con il management che ci ha assicurato che non saranno fatte acquisizioni di banche di larghe dimensioni.

 

  • QVhBIElNIGFsIDI4IGZlYmJyYWlvIDIwMjMuIExhIHBlcmZvcm1hbmNlIHBhc3NhdGEgbm9uIMOoIGluZGljYXRpdmEgZGVpIHJpc3VsdGF0aSBmdXR1cmku

Visita il nostro Fund Center

AZIONI
AXA WF Italy Equity

Per ulteriori informazioni sul prodotto (performance, documenti correlati, ecc.), visita il nostro Fund Center.

Scopri di più

Ti potrebbe interessare

Azioni

Azionario: il buon momento della tecnologia

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 21 Febbraio 2024 (7 min di lettura)
Azioni

Azionario: economia USA e risultati societari sostengono il sentiment positivo

  • A cura di Gilles Guibout
  • 08 Febbraio 2024 (5 min di lettura)
Azioni

Robotica: vediamo crescita grazie a domanda e legislazione favorevole

  • A cura di Tom Riley
  • 25 Gennaio 2024 (7 min di lettura)

    Informazioni importanti

    I fondi menzionati fanno capo ad AXA WORLD FUNDS, SICAV di diritto lussemburghese UCITS IV approvata dalla CSSF, iscritta al "Registre de Commerce et des Sociétés" con numero B. 63.116, avente sede legale al 49, avenue J.F Kennedy L-1885 Lussemburgo, armonizzata ai sensi della direttiva 2009/65/CE le cui azioni sono ammesse alla commercializzazione in Italia. La Società è gestita da AXA Investment Managers Paris, società di diritto francese, con sede legale in Tour Majunga - La Défense 9 - 6, place de la Pyramide - 92800 Puteaux, iscritta al Registro delle imprese di Nanterre con il numero 353 534 506, e società di gestione di portafogli autorizzata dall’AMF con n. GP 92-008 in data 7 aprile 1992.

    FTSE International Limited (“FTSE”) © FTSE 2022. FTSE® è un marchio di London Stock Exchange Plc e The Financial Times Limited ed è usato da FTSE su licenza. Tutti i diritti sugli indici FTSE sono attribuiti a FTSE e/o ai suoi licenziatari. Né FTSE né i suoi licenziatari accettano alcuna responsabilità per eventuali errori od omissioni negli indici FTSE o nei dati sottostanti. Non è consentita alcuna ulteriore distribuzione di dati FTSE senza l'espresso consenso scritto di FTSE.

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.

    Contenuto riservato ad investitori professionali

    Questa sezione del sito potrebbe contenere informazioni non appropriate e di non immediata comprensione per gli investitori retail. Confermo di essere un investitore professionale, come definito dall'art. 35 della Delibera Consob n. 20307 del 15 febbraio 2018, di essere in possesso delle conoscenze e dell’esperienza di investimento necessarie associate a tale profilo.