La silver economy, terza potenza al mondo dopo Usa e Cina. Perché crescerà sempre più (anche in Italia)

  • 12 Aprile 2021 (5 min di lettura)

Entro il 2025 in Europa l’“economia d’argento” arriverà a valere 5,7 trilioni di euro, dando lavoro a 88 milioni di persone. A beneficiarne non solo la sanità ma anche il real estate, l’alimentare, il turismo, lo sport e i consumi culturali.

 

Se fosse uno Stato sovrano, la silver economy sarebbe la terza potenza economica mondiale, subito dopo Stati Uniti e Cina (ma prima di Giappone, Germania e Gran Bretagna). La stima è del report redatto da Oxford Economics e Technopolis Group per conto della Commissione europea, in cui si calcola che entro il 2025 solo nel Vecchio continente “l’economia d’argento” arriverà a valere 5,7 trilioni di euro, pari a quasi un terzo del Pil dell’Unione, e a dare lavoro a 88 milioni di persone (quasi il 38% del totale). Numeri incredibili.

L’invecchiamento della società

Ma perché stupirsi? Due potenti motori trainano la silver economy a tassi di crescita di circa il 5% l’anno. Da una parte l’invecchiamento della società, dovuto all’allungamento della speranza di vita: oggi nel mondo metà della popolazione ha meno di trent’anni, ma secondo stime Onu nel 2040 l’età mediana supererà i 47 anni in Europa, i 52 in Italia e i 35 a livello globale. E gli ultrasessantacinquenni cresceranno su scala mondiale dal 9% di oggi al 14%. Secondo le proiezioni Istat, nel nostro Paese nel 2050 la quota di over 65 sul totale della popolazione potrebbe toccare il 37% dal già considerevole 22,6% di oggi.

Una terza età in salute

L’altro motore della silver economy è il mutamento di pelle dei senior: non più adulti ma nemmeno anziani, perché il concetto di “persona anziana” (che ha bisogno di aiuto per svolgere le proprie attività quotidiane) oggi calza più agli ultraottantenni che agli over 65. La generazione che sta trainando l’“economia d’argento” è infatti quella dei Boomers, i nati tra il 1946 e il 1964, consapevoli di poter godere di una ventina d’anni di vita attiva in più rispetto ai loro avi. E di conseguenza pieni di progetti e di consumi a tutto tondo, anche perché le disponibilità economiche non mancano.

Non a caso oggi la silver economy viene definita come “complesso di attività economiche rivolte alla popolazione con 65 anni o più che cessano, parzialmente o totalmente, l’attività lavorativa, passando da uno stile di vita attivo a uno stile di vita differentemente attivo”. Si passa insomma da un tipo di attività a un altro, ma il viale del tramonto è ancora molto lontano.

Buone disponibilità economiche

Prendiamo il nostro Paese, uno di quelli che sta invecchiando più in fretta. Secondo una recente ricerca del Centro Studi di Confindustria, l’over 65 medio italiano vive in una casa di proprietà, ha buone disponibilità finanziarie e tempo a disposizione per aiutare anche economicamente i familiari (nel 30% dei casi). Conduce una vivace vita sociale e frequenta spesso gli amici, fa sport (il 14,4% tra i 65 e i 74 anni), va in vacanza e si dedica sempre più ad attività di volontariato. In tutto questo genera una domanda di beni e servizi crescente, diversificata e sempre più significativa, molto differente da quella che le statistiche fotografavano solo un decennio fa.

Una spesa a 360 gradi

I consumi degli over 60 sono maggiori di quelli degli under 30 nei settori dell’alimentazione, della casa e della salute, spiega lo studio di Confindustria. Rispetto a dieci anni fa i “silver” spendono di più per internet (utilizzato da quasi il 30% dei 65-74enni), per le attività culturali (teatro, cinema e musei) e per lo sport. Il valore complessivo dei loro consumi è di 200 miliardi di euro, circa il 20% della spesa totale delle famiglie italiane, destinato a salire al 25% entro il 2030 e al 30% entro il 2050.

Image

Fonte: elaborazioni Centro Studi Confindustria su dati Banca d’Italia

Non solo medici e farmaci

Il luogo comune di un’“economia d’argento” basata solo sulla spesa sanitaria va quindi sfatato: i consumi degli over 65 sono davvero a tutto tondo. Come spiega l’Osservatorio 2020 sulla Silver Economy di Itinerari Previdenziali, i senior mirano a un invecchiamento attivo e in salute attraverso una selezione di prodotti e servizi che spaziano dall’abitazione all’alimentazione, dai viaggi allo sport, senza dimenticare i consumi culturali. Secondo Itinerari Previdenziali, i settori che nei prossimi anni dovrebbero registrare la maggiore crescita sono quelli della salute (oltre il 50%), dell’alimentare e bevande (+46%), dell’arredamento e delle attività ricreative (tra il 42 e il 45%).

La casa innanzitutto

Il settore prediletto resta comunque quello dell’abitazione, dove in Italia i senior spendono ogni anno quasi 80 miliardi di euro secondo un report predisposto dallo studio Lattanzio per Assolombarda. I dati Istat sui consumi delle famiglie confermano il predominio del mattone: le spese per “abitazione, acqua, elettricità, gas e altri combustibili” (affitti inclusi) ammontano a circa 805 euro mensili per le “persone sole di 65 anni o più”, e corrispondono al 48,7% del totale della loro spesa media mensile, mentre le “coppie senza figli con persona di riferimento di 65 anni o più” spendono per questa voce 1058 euro (pari al 39,6% del totale della loro spesa mensile). Ma le cifre reali sono più alte, perché i dati Istat non comprendono gli acquisti di arredamento.

Mangiar bene e viaggiare

Secondo settore preferito è l’alimentare, dove i senior in Italia riversano 33 miliardi di euro l’anno: sulla base delle rilevazioni Istat, le famiglie “silver” infatti spendono in media 517 euro al mese, contro i 343 euro di quelle giovani e i 479 di quelle mediane (con capofamiglia under 65).

Al terzo posto ci sono i trasporti, con 11,6 miliardi di spesa da parte degli ultrasessantacinquenni secondo un altro report di Itinerari Previdenziali, seguiti a un’incollatura dai servizi sanitari con 11,5 miliardi di euro. Mentre in Europa, secondo lo studio Oxford Economics/Technopolis, gli over 50 assorbono il 53% della spesa complessiva per la salute.

Ma molto importanti sono anche i consumi culturali, lo sport e i viaggi, dove la quota di turisti italiani over 65 è passata in quattro anni dal 24% al 28% (mentre l’Europa nel suo complesso ha già raggiunto il 49%). La silver economy insomma brilla sempre più, dando linfa vitale all’economia e al lavoro, anche dei giovani.

Ti potrebbe interessare

Demografia

Inflazione e disoccupazione post Covid: doppio colpo basso a Gen Z e Millennials

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 04 Aprile 2022 (3 min di lettura)
Demografia

Il Covid mette al tappeto la demografia europea: aumentano i decessi, ma le culle restano vuote

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 10 Marzo 2022 (5 min di lettura)
Demografia

Ambiente e clima, l’ansia e la lotta della Generazione Z

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 09 Novembre 2021 (5 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. La performance passata non è indicativa dei risultati futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA Investment Managers Italia SIM S.p.A., Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, iscritta al n. 210 dell’albo delle SIM tenuto dalla CONSOB www.consob.it.

    © 2022 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.