Investment Institute
Tecnologia

Boom delle comunità energetiche in Europa. Italia in ritardo?

  • 18 Luglio 2023 (7 min di lettura)

Cittadini, imprese ed enti locali uniti per produrre e condividere energia pulita: nate a fine Ottocento, le comunità energetiche sono ormai diventate novemila in tutta Europa. E l’Italia può colmare i suoi ritardi grazie ai nuovi incentivi del Pnrr.

Un taglio delle emissioni di CO2 di 1,35 milioni di tonnellate, con un risparmio economico tra 1,3 e 1,5 miliardi di euro. Secondo una recente analisi di Accenture sono questi i risultati concreti che le comunità energetiche potrebbero portare all’Italia, quando verranno raggiunti 5GW di potenza installata con una produzione di 6TWh di elettricità.

Certo, la strada è ancora lunga: nel nostro Paese oggi esistono solo 86 comunità energetiche (il 65% delle quali ancora in realizzazione) per una potenza installata di 60MW. Una goccia nell’oceano se consideriamo che in Europa sono ben novemila, concentrate soprattutto in Germania e Danimarca. Ma la strada imboccata dall’Italia è quella giusta, anche grazie agli incentivi contenuti nel Pnrr (il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, il programma con cui il nostro Paese sta gestendo i fondi europei del piano Next Generation Ue).

 

Che cosa sono le comunità energetiche

Ma cosa si intende per comunità energetiche? In pratica si tratta di associazioni di utenti che collaborano per produrre, consumare, condividere e gestire energia prodotta da fonti rinnovabili (grazie a uno o più impianti installati nelle vicinanze). Gli “attori” delle comunità energetiche spaziano dai cittadini alle imprese, dagli enti pubblici alle attività commerciali. Tutti uniti da un triplice obiettivo: promuovere la generazione distribuita, facilitare la transizione verso fonti rinnovabili e ridurre la dipendenza dal sistema elettrico nazionale.

 

Image

Fonte: Osservatorio Accenture-Agici, maggio 2023

 

I modelli di comunità energetica previsti in Italia

In Italia i modelli di comunità energetica previsti dalla legge sono due. C’è quello dell’Autoconsumo Collettivo (AUC), dove due o più clienti finali di uno stesso condominio producono elettricità pulita per il proprio consumo, ma anche in ottica di immagazzinamento e rivendita. Poi ci sono le Comunità Energetiche Rinnovabili (CER) vere e proprie, dove invece sono coinvolte persone fisiche, enti locali e piccole e medie imprese: si costituiscono come soggetto giuridico basato sulla partecipazione volontaria degli iscritti.

 

Come funzionano le comunità energetiche

In pratica, quindi, i soggetti pubblici e privati della comunità energetica uniscono le loro forze per produrre elettricità green con impianti condivisi, come per esempio la centrale eolica di un’impresa, l’impianto idroelettrico di un Comune o i pannelli fotovoltaici di un privato cittadino.

L’energia in eccesso viene ceduta ad altri soggetti della comunità grazie a smart grid (reti elettriche “intelligenti”), ma anche immagazzinata con sistemi avanzati di storage, oppure venduta. Tutti i soggetti sono impegnati nelle diverse fasi di produzione, consumo e scambio, con una partecipazione attiva che segue i principi di responsabilità ambientale, sociale ed economica.

 

La storia delle comunità energetiche in Italia

I primi pionieri delle comunità energetiche compaiono a fine Ottocento. Anche in Italia, dove nel 1897 a Morbegno, in Valtellina, viene fondata la cooperativa SEM che ancor oggi - grazie a otto impianti idroelettrici - fornisce elettricità a 13mila utenti. Celebre è poi la Società Elettrica Santa Maddalena, inaugurata nel 1921 a Funes (Alto Adige), che attualmente produce energia da fonti rinnovabili grazie a impianti fotovoltaici, idroelettrici e a biomasse: l’elettricità in eccesso viene venduta e il ricavato investito in progetti legati al territorio. Altri esempi pionieristici sono la Cooperativa Elettrica Alto Bût, nata in Friuli nel 1911, l’Azienda Energetica Prato Società Cooperativa, fondata nel 1926 in Val Venosta, e la valdostana CEG, inaugurata nel 1927.

 

Le comunità energetiche all’estero

Ma è negli anni Settanta che il modello della comunità energetica inizia a decollare in grande, grazie a impianti eolici costruiti prima in Danimarca e successivamente in Germania e Belgio. Negli ultimi decenni, grazie alla liberalizzazione del mercato e all’innovazione tecnologica, il modello si allarga a macchia d’olio. Tra le best practice più famose spicca il Bioenergy Village di Jühnde in Germania, nato nel 2005 grazie alla collaborazione tra la comunità locale e l’Università di Göttingen: è un sistema di cogenerazione a biogas da 700 kW che permette ai cittadini di produrre il 70% del calore necessario al proprio fabbisogno e il doppio dell’energia necessaria. Il surplus di elettricità viene ceduto alla rete e i ricavi investiti sul territorio.

E Bruxelles? Con la Direttiva “Renewable Energy”, la Commissione Ue punta a raggiungere un terzo di consumi energetici da rinnovabili entro il 2030. L’Italia si sta adeguando alla normativa europea e dovrebbe a breve completarne il recepimento attraverso i decreti attuativi, l’ultimo dei quali prevede regole e incentivi economici.

 

Gli incentivi per le comunità energetiche italiane

Per lo sviluppo delle comunità energetiche il nostro Paese ha stanziato oltre 2,6 miliardi di euro, di cui 400 milioni destinati alle Regioni e 2,2 miliardi come contributo del Pnrr a famiglie, microimprese ed enti pubblici in Comuni con meno di 5mila abitanti. Il contributo arriva a un massimo del 40% dei costi sostenuti, ai quali si aggiunge un incentivo del Gestore dei Servizi Energetici (la società pubblica che promuove l’uso delle rinnovabili).

Questo schema di bonus, tuttavia, secondo Accenture andrebbe migliorato e ampliato. Il costo per l’installazione di impianti di energia rinnovabile è infatti notevole (dai 55mila a oltre 200mila euro) e l’incentivo del Gestore dei Servizi Energetici rappresenta una percentuale ancora marginale (circa il 15%) dei guadagni della comunità. Inoltre la scelta di destinare i fondi del Pnrr solo a Comuni con meno di 5mila abitanti solleva perplessità, sia per la taglia ridotta delle comunità sia per il fatto che il 40% di questi enti locali sono concentrati in Lombardia e Piemonte. Si dovrebbe puntare più su comunità energetiche che coinvolgano piccole e medie imprese o enti locali, conclude il report di Accenture, perché mostrano le migliori performance sia nel breve che nel lungo termine (anche grazie a un modello più “industriale” e scalabile).

Ti potrebbe interessare

Tecnologia

Progettare l’impossibile: l’ingegno italiano al servizio dell’auto elettrica

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 13 Settembre 2023 (5 min di lettura)
Tecnologia

Spazio: 130 milioni di rottami come mine vaganti

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 13 Settembre 2023 (5 min di lettura)
Tecnologia

Shoppentertainment, ovvero l’e-commerce diventa spettacolo

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 21 Agosto 2023 (5 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2023 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.