Investment Institute
Demografia

Le aziende dovrebbero fare di più per contrastare la crisi del costo della vita?

  • 12 Gennaio 2023 (3 min di lettura)

Cosa accadrebbe se si introducessero delle agevolazioni per le aziende che adottano un approccio maggiormente consapevole delle problematiche sociali? Dare priorità alle considerazioni sociali potrebbe portare a un vantaggio per la società civile in generale, farebbe rallentare l’inflazione e favorirebbe un contesto economico più stabile e più normale.

La crisi del costo della vita non accenna a finire. L’inflazione resta esageratamente alta e continua sorprendentemente a salire. I prezzi dell’energia sono a livelli allarmanti e l’OPEC+, con l’impegno a tagliare la produzione, sembra decisa a mantenere il prezzo del petrolio elevato.

Nei mercati locali dell’energia i governi sono intervenuti per aiutare i consumatori a sostenere, almeno in parte, gli aumenti dei prezzi attraverso provvedimenti che impongono un tetto ai costi dell’energia o la nazionalizzazione delle società del settore (come EDF in Francia).

L’energia però è un caso particolare. I governi sono intervenuti perché la domanda molto alta consente alle società del settore di trasferire gli aumenti dei costi all’ingrosso ai consumatori. Proteggere le famiglie da questo monopolio è diventata una priorità nazionale.

Ciononostante, molte altre società che non appartengono al settore dell’energia continuano a trasferire gli aumenti dei costi per difendere i propri margini, e ciò contribuisce al contesto inflazionistico e grava in particolare sui più deboli. Tutti dovrebbero poter acquistare il cibo di cui hanno bisogno e altri beni o servizi essenziali. In ultima analisi, però, le aziende sanno che un calo dei margini significa un minore guadagno e, in ultima analisi, un prezzo più basso per le azioni.

Ma cosa accadrebbe se, così come gli istituti di credito hanno concesso moratorie a chi doveva pagare un mutuo nei periodi di avversità economica, si introducessero delle agevolazioni per le aziende che adottano un approccio maggiormente consapevole delle problematiche sociali? Dare priorità alle considerazioni sociali potrebbe portare a un vantaggio per la società civile in generale, farebbe rallentare l’inflazione e favorirebbe un contesto economico più stabile e più normale.

 

L’importanza di agire

Se le aziende avessero la possibilità e venissero incentivate ad agire in modo socialmente responsabile cosa potrebbero fare? I settori più importanti per il bilancio familiare riguardano i beni essenziali: casa, cibo ed energia. I governi hanno cercato di agire sul fronte dell’energia, ma si potrebbe intervenire con relativa rapidità ed efficacia sul fronte alimentare.

I supermercati potrebbero fare di più per aiutare le famiglie nell’acquisto di beni essenziali, a sostegno dei clienti più vulnerabili. Abbiamo già visto che in qualche Paese i supermercati hanno congelato o abbassato i prezzi. Vista la portata del problema inflazionistico, potrebbero però fare di più e accettare una perdita su alcuni beni essenziali (per esempio, pane e latte) per aiutare i clienti più in difficoltà ad arrivare a fine mese? Molti supermercati hanno clienti più fortunati che sono pronti a spendere per beni relativamente costosi, come vini e prodotti alimentari di alta qualità. I profitti su questi articoli potrebbero compensare le perdite derivanti dagli sconti su altri prodotti.

Tale approccio non deve necessariamente essere del tutto altruista. Queste misure non solo fidelizzano la clientela, ma rafforzano anche la reputazione dell’azienda, con un aumento della quota di mercato nel lungo periodo.

Image

 

Il rischio di un comportamento irresponsabile

Disgraziatamente ci sono aziende che usano l’inflazione come una scusa per aumentare i prezzi e assumere comportamenti volti a tutelare i propri margini, senza considerare le possibili ripercussioni sul consumatore. Alla fine, i consumatori penalizzano tali comportamenti (e l’azienda colpevole di tale approccio), per cui da un punto di vista economico le aziende che non cadono nella trappola sono avvantaggiate nel lungo periodo. Sembra però una tendenza sempre più diffusa.

Inoltre, le aziende che considerano l’inflazione come un modo opportunistico per incamerare utili superiori alla norma non rischiano solo la loro reputazione, ma anche la loro salute economica a lungo termine. Certi settori monopolistici, come per esempio le telecomunicazioni, hanno attirato l’attenzione delle autorità di vigilanza in passato, e ciò potrebbe accadere di nuovo. Alcune società britanniche di telefonia mobile aumenteranno i prezzi in linea con l’inflazione, attualmente il 10% circa secondo l’indice dei prezzi al consumo, più quasi il 4%. Non c’è ragione per cui la trasmissione di dati debba costare il 14% in più, dato che l’inflazione è del 10%. Dal punto di vista reputazionale, il rischio per le società è evidente. Inoltre, le autorità potrebbero non vedere di buon occhio gli aumenti arbitrari dei prezzi per via della crisi del costo della vita.

 

Il dilemma degli investitori

Considerata la mole di problematiche che oggi gli investitori si trovano ad affrontare, può risultare difficile soppesare anche le implicazioni sociali delle decisioni di un’azienda. La maggior parte dei portafogli che adottano criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) dispone di numerosi indicatori per misurare i rischi per la governance e per l’ambiente correlati all’attività aziendale. I rischi sociali e i potenziali costi finanziari sono però più difficili da identificare e da misurare. Eppure, il benessere dell’umanità è fondamentale in molti ambiti, dall’attività economica alla lotta contro i cambiamenti climatici, per cui c’è chi sostiene che andrebbe attribuita più importanza agli aspetti sociali.

Le difficoltà in cui si trovano oggi molte persone hanno probabilmente acceso i riflettori su tali considerazioni. Ciononostante, la tensione a breve termine tra profitto e bene sociale persiste. È dunque meglio che le aziende facciano scelte esplicitamente sociali oggi, e che gli azionisti valutino l’impatto positivo di tali interventi nell’ambito del dovere fiduciario, o lasciare salire l’inflazione su livelli anomali più a lungo?

Non c’è una risposta semplice. Ma indubbiamente è un interrogativo che dovremmo prendere tutti in considerazione a fronte della peggiore crisi dell’inflazione dei nostri tempi.

Ti potrebbe interessare

Demografia

Così la nuova middle class asiatica traina i consumi mondiali

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 12 Dicembre 2022 (5 min di lettura)
Demografia

Miliardi di asiatici nella “middle class” dei consumi globali: quale impatto sulla sostenibilità?

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 21 Novembre 2022 (3 min di lettura)
Demografia

Immigrazione: perché è così importante per l’Europa (anche tra i banchi di scuola)

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 18 Ottobre 2022 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2023 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.