Investment Institute
Demografia

Così la nuova middle class asiatica traina i consumi mondiali

  • 12 Dicembre 2022 (5 min di lettura)

Dall’automotive all’e-commerce, dal turismo alle università e al lusso: in Asia l’avvento della classe media ha moltiplicato le opportunità di business per i grandi brand occidentali.

Il secolo d’oro dell’Asia è già iniziato. Forte della potenza di Cina e India ma non solo, il continente asiatico ha superato la metà della popolazione mondiale e ospita la metà della middle class mondiale. Stando alle stime del Financial Times, l’Asia possiede un’economia più potente di quella del resto del mondo messo assieme: se consideriamo il Pil a parità di potere d’acquisto, infatti, il Fondo monetario internazionale rivela che la Cina ha già superato gli Stati Uniti e l’India si posiziona al terzo posto, con un prodotto interno lordo che è il doppio di quello di Germania e Giappone. Sempre in termini di parità di potere d’acquisto, l’Indonesia è diventata la sesta potenza mondiale (prima di Francia, Gran Bretagna e Italia) mentre il Vietnam ha superato Svizzera e Olanda.

 

Un miliardo di nuovi consumatori

La middle class asiatica è di conseguenza destinata a trainare la domanda globale, diventando il perno dell’economia del pianeta. Dal 2009 a oggi, Cina e India hanno contribuito con oltre un miliardo di individui alla nuova classe media mondiale e in futuro si stima che dei nuovi “middleclasser” nove su dieci saranno asiatici. Anche secondo un recente studio della Banca Mondiale e di Brookings basato sulle proiezioni del World Data Lab, nel 2024 metà degli asiatici apparterrà alla classe media (in grado di spendere da 12 a 120 dollari del 2017 a parità di potere d’acquisto) o a quella più benestante (che supera la soglia giornaliera dei 120 dollari).

 

Joint venture a quattro ruote

Tutto questo naturalmente si traduce in enormi opportunità di business per l’Occidente. Prendiamo per esempio la Cina. Dal 2008 il Dragone è leader mondiale nella produzione di auto: le vendite sono aumentate ininterrottamente per 26 anni fino al 2017. La lieve flessione degli ultimi anni non deve far dimenticare che la superpotenza asiatica produce un terzo delle vetture globali, più di Stati Uniti e Giappone messi assieme (oppure dell’Europa). Tutti i grandi costruttori occidentali si sono tuffati da anni a suon di joint ventures nell’oceano di questo mercato immenso: da Volkswagen e Mercedes a Bmw, da General Motors a Ford, da Stellantis a Renault-Nissan, solo per citare i principali gruppi.

 

L’e-commerce asiatico doppia quello Usa

Lo sviluppo di Internet ha poi dato vita a un e-commerce colossale di cui Alibaba è solo la punta dell’iceberg: secondo Statista il commercio digitale asiatico ormai genera ricavi per 1534 miliardi di dollari l’anno, quasi il doppio degli Stati Uniti, oltre sei volte il giro d’affari di Germania e Francia messe assieme. Ma la rivoluzione digitale ha anche trainato il boom mondiale di social media come TikTok, capace di mettere seriamente in difficoltà il modello di business targato Meta-Facebook, sviluppando tra l’altro nuovi modelli di social commerce (il cosiddetto “shoppentertainment”).

 

Università straniere e viaggi in Europa

Anche sul fronte dell’education e del turismo la Cina è una miniera d’oro per l’Occidente. Gli studenti del Dragone finiti in università estere (soprattutto statunitensi, australiane e britanniche) sono passati dai 285mila del 2010 ai 662mila del 2018.

Nel settore turismo la spesa annua dei cinesi per viaggi all’estero è esplosa dai 14,2 miliardi di dollari del 2000 ai 254,6 miliardi del 2019, un quinto del totale mondiale (dati World Tourism Organisation Onu). Dopo l’Asia il continente più visitato è l’Europa, dove l’Italia si posiziona molto bene: secondo uno studio di Unindustria, Roma e Milano sono rispettivamente al nono e decimo posto nella top ten delle città più gettonate tra il 2017 e il 2018. Il coronavirus aveva azzerato i flussi turistici, ma ora i cinesi stanno ripartendo: entro il 2024 i viaggi oltreconfine dovrebbero tornare ai livelli pre-pandemia (secondo stime Economist Intelligence Unit).

 

A tutto luxury

Il boom dei consumi asiatici è una benedizione anche per il settore del lusso. Uno studio di Bain rivela che alcuni brand occidentali hanno chiuso il 2020, l’anno della pandemia, con una crescita nella sola Cina del 70% (dovuta al divieto di viaggiare all’estero e quindi all’azzeramento dello shopping in terra straniera): a beneficiarne sono stati soprattutto gli articoli in pelle, ma anche gioielli e profumi.

Si prevede che entro il 2050 l’Asia peserà per la metà del mercato del lusso mondiale, con Europa e Americhe in calo al 22-24% ciascuna. In Cina Shanghai, Pechino e Shenyang sono destinate a diventare i punti di riferimento dello shopping asiatico di fascia alta, seguite da Shenzhen, Guangzhou e Xiamen. Da tenere d’occhio anche il resto dell’Asia, in particolare un Vietnam dalla middle class giovane e il Medio Oriente, tutte regioni dove c’è una minor densità di luxury shops rispetto a Stati Uniti ed Europa.

 

Image

Fonte: stime Brookings Institute.

 

I mille volti della classe media asiatica

Attenzione però perché il nuovo benessere asiatico ha mille sfumature. Secondo uno studio di Caixa, la middle class cinese ha un potere di spesa del 30% superiore a quella indiana, ma nel Subcontinente è più giovane (nel 2030 sarà composta soprattutto di persone tra i 20 e i 45 anni) rispetto a quella del Dragone (dove lo scaglione di età 45-65 anni è destinato a essere il più rappresentato). Tutto questo si traduce in diversi stili di vita e di consumo che i grandi brand occidentali dovranno attentamente monitorare, per continuare a fare affari d’oro nell’Asia dei nuovi ricchi.

Ti potrebbe interessare

Demografia

Le aziende dovrebbero fare di più per contrastare la crisi del costo della vita?

  • A cura di Hans Stoter
  • 12 Gennaio 2023 (3 min di lettura)
Demografia

Miliardi di asiatici nella “middle class” dei consumi globali: quale impatto sulla sostenibilità?

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 21 Novembre 2022 (3 min di lettura)
Demografia

Immigrazione: perché è così importante per l’Europa (anche tra i banchi di scuola)

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 18 Ottobre 2022 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KIID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2023 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.