Investment Institute
Take 2

L’inflazione core nell’eurozona diminuisce; la crescita economica statunitense per il T2 è rivista al ribasso

  • 04 Settembre 2023 (3 min di lettura)

Fatti salienti

Secondo una stima preliminare, ad agosto l’inflazione dell’eurozona è rimasta invariata al 5,3% su base annua. L’Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea, ha riferito che le principali componenti alla base dei rincari nel mese sono state verosimilmente i generi alimentari, l’alcol e il tabacco, con un tasso annuo del 9,8% rispetto al 10,8% di luglio. Tuttavia, l’inflazione core, che esclude i prezzi volatili di alimenti ed energia, è scesa al 5,3% dal 5,5% del mese precedente. Sebbene il calo dovrebbe essere accolto con favore dalla Banca centrale europea, il mercato del lavoro permane teso nella regione, intensificando l’incertezza riguardo a un eventuale nuovo rialzo dei tassi alla riunione della prossima settimana.

 

Notizie dal mondo

La crescita del PIL statunitense nel secondo trimestre (T2) è stata rivista al ribasso al 2,1% da una stima iniziale del 2,4%. Dopo l’espansione del 2,0% nel T1, un rapporto ufficiale ha indicato che la crescita nel periodo è stata trainata dalla spesa al consumo e dagli esborsi dei governi statali e locali. La revisione potrebbe rivelarsi una buona notizia per i funzionari della Federal Reserve (Fed), poiché il rapporto ha anche evidenziato un moderato declino dell’inflazione nel trimestre, riducendo in teoria la pressione sulla Fed affinché proceda a un ulteriore aumento dei tassi. Al recente simposio di Jackson Hole, il presidente della Fed Jerome Powell ha mantenuto una visione di tassi potenzialmente più elevati per un periodo più lungo, nel tentativo di continuare a far convergere l’inflazione verso l’obiettivo del 2%.

 

Il numero sotto i riflettori: 25 anni

La scorsa settimana il governo giapponese ha assunto toni ottimistici, suggerendo che il Paese potrebbe essere giunto a un “punto di svolta” dopo 25 anni di lotta alla deflazione. Nel suo white paper annuale, si è soffermato sulla costante ascesa di prezzi e stipendi, precisando che tali cambiamenti denotano “una prossima inversione” dell’economia nazionale. Il governo ha aggiunto: “Non dovremmo ignorare il fatto che potrebbe aprirsi una finestra di opportunità per uscire dalla deflazione”. Anche la Banca del Giappone si è mostrata più fiduciosa, segnalando che il mutevole comportamento delle imprese in merito alla fissazione di prezzi e stipendi potrebbe essere accompagnato da una graduale eliminazione dei significativi stimoli fiscali e monetari.

 

La parola della settimana: Batterie flessibili

Fonti di energia “morbide” che possono essere piegate e attorcigliate a seconda delle esigenze, ad esempio per i dispositivi indossabili. Queste batterie ricaricabili, che possono avere una maggiore flessibilità e conduttività, si basano su sistemi agli ioni di litio o zinco-carbone. Si prevede un rapido sviluppo del mercato di tali batterie nei prossimi anni, con la crescente domanda di miniaturizzazione di prodotti elettronici e dispositivi indossabili che dovrebbe rappresentare il principale driver. Stando a un’analisi, tra il 2022 e il 2027 il mercato globale delle batterie flessibili crescerà di US$ 240 milioni.

 

Prossimamente

La banca centrale australiana delibererà martedì sui tassi d’interesse. Lo stesso giorno saranno anche annunciati i PMI compositi definitivi di Giappone, eurozona e Regno Unito. Mercoledì la Banca del Canada terrà la propria riunione di politica monetaria, mentre l’Australia svelerà il tasso di crescita del PIL per il T2, dopo il +2,30% su base annua fatto segnare nel T1. Giovedì verrà pubblicata una terza stima sull’espansione del PIL nell’eurozona per il T2, mentre il Giappone seguirà venerdì con i dati finali sul PIL per il medesimo trimestre.

 

Ulteriori approfondimenti e considerazioni sono disponibili sul sito di AXA IM Investment Institute

Ti potrebbe interessare

Take 2

L’inflazione rallenta negli USA; nell’Eurozona le previsioni del PIL per il 2025 sono state riviste al ribasso

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 17 Maggio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

La crescita del commercio dovrebbe raddoppiare nel 2024; dalla Banca d’Inghilterra arrivano segnali di tagli dei tassi

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 13 Maggio 2024 (3 min di lettura)
Take 2

La Fed mantiene i tassi invariati; l’economia dell’eurozona torna a crescere

  • A cura di AXA Investment Managers
  • 06 Maggio 2024 (3 min di lettura)

    Disclaimer

    Prima dell’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate, si prega di consultare il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KID). Tali documenti, che descrivono anche i diritti degli investitori, possono essere consultati - per i fondi commercializzati in Italia - in qualsiasi momento, gratuitamente, sul sito internet www.axa-im.it e possono essere ottenuti gratuitamente, su richiesta, presso la sede di AXA Investment Managers. Il Prospetto è disponibile in lingua italiana e in lingua inglese. Il KID è disponibile nella lingua ufficiale locale del paese di distribuzione. Maggiori informazioni sulla politica dei reclami di AXA IM sono al seguente link: https://www.axa-im.it/avvertenze-legali/gestione-reclami. La sintesi dei diritti dell'investitore in inglese è disponibile sul sito web di AXA IM https://www.axa-im.com/important-information/summary-investor-rights.

    I contenuti pubblicati nel presente sito internet hanno finalità informativa e non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto, alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate, né la raccomandazione di una specifica strategia d'investimento o una raccomandazione personalizzata all'acquisto o alla vendita di titoli. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

    Il presente sito contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente sito non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente sito internet non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi sono solo indicativi e non sono garantiti in alcun modo. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito.

    Ancorché AXA Investment Managers impieghi ogni ragionevole sforzo per far sì che le informazioni contenute nel presente sito internet siano aggiornate ed accurate alla data di pubblicazione, non viene rilasciata alcuna garanzia in ordine all’accuratezza, affidabilità o completezza delle informazioni ivi fornite. AXA Investment Managers declina espressamente ogni responsabilità in ordine ad eventuali perdite derivanti, direttamente od indirettamente, dall’utilizzo, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalità, delle informazioni e dei dati presenti sul sito.

    AXA Investment Managers non è responsabile dell’accuratezza dei contenuti di altri siti internet eventualmente collegati a questo sito. L’esistenza di un collegamento ad un altro sito non implica approvazione da parte di AXA Investment Managers delle informazioni ivi fornite. Il contenuto del presente sito, ivi inclusi i dati, le informazioni, i grafici, i documenti, le immagini, i loghi e il nome del dominio, è di proprietà esclusiva di AXA Investment Managers e, salvo diversa specificazione, è coperto da copyright e protetto da ogni altra regolamentazione inerente alla proprietà intellettuale. In nessun caso è consentita la copia, riproduzione o diffusione delle informazioni contenute nel presente sito.  

    AXA Investment Managers può decidere di porre fine alle disposizioni adottate per la commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità a quanto previsto dall'articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

    AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il contenuto del presente sito internet senza preavviso.

    A cura di AXA IM Paris – Sede Secondaria Italiana, Corso di Porta Romana, 68 - 20122 - Milano, sito internet www.axa-im.it.

    © 2024 AXA Investment Managers. Tutti i diritti riservati.